Assad: Come la Siria può superare il devastante assedio dell'Occidente

Assad: Come la Siria può superare il devastante assedio dell'Occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Repubblica araba siriana ha vissuto una decennale campagna guidata dagli Stati Uniti per destabilizzare il paese e rovesciare il suo governo, combattendo contro un miriade di gruppi jihadisti sostenuti dall'estero. Ora, il paese sta soffrendo per l'occupazione delle sue regioni orientali ricche di petrolio e cibo e per il blocco economico degli Stati Uniti e dell'Europa.

Il presidente siriano Bashar Assad ha espresso fiducia che Damasco sarà in grado di superare gli impatti del blocco economico occidentale e ripristinare la base industriale del Paese.

“In effetti, abbiamo le capacità per superare gli ostacoli. Abbiamo capacità reali per aggirare l'assedio, mitigarne gli effetti e creare più opportunità di lavoro in Siria", ha spiegato Assad durante un tour della città industriale di Adra nella campagna di Damasco mercoledì scorso.

 

Dopo aver visitato le fabbriche e parlato con lavoratori e dirigenti, Assad ha detto ai giornalisti che la città, "che è stata in prima linea tra l'esercito e i terroristi per molti anni, è sopravvissuta... La mia visita di oggi mira a sottolineare la priorità dell'economia in la fase imminente e come superare gli ostacoli che devono affrontare il settore produttivo in generale in Siria”.

Il presidente ha aggiunto che, sebbene non sia rimasto sorpreso dalla portata dell'attività economica in città, poiché si tiene al passo con gli affari economici, la visita è servita da importante sostegno morale, dimostrando "le reali capacità dell'industria siriana, che è sopravvissuta. "

"Quello che ho visto ha portato diversi messaggi, messaggi a persone che hanno capacità, hanno risorse, ma non mancano del coraggio e della mancanza di volontà di prendere l'iniziativa, muoversi, iniziare a lavorare e avviare la produzione", ha affermato. “Il messaggio più importante che riceviamo da questa visita è che se c'è la volontà di costruire la patria, allora possiamo costruire. È vero che il capitale è necessario, le capacità materiali sono necessarie in ogni circostanza e in ogni caso per l'industria, ma in condizioni di guerra e di assedio il capitale non basta: ci vuole capitale, ci vuole una forte volontà e ci vuole senso di patriottismo, e queste tre cose sono ciò che ho sentito in tutti quelli che ho incontrato durante questa visita", ha sottolineato Assad.

Il presidente ha promesso che lo Stato avrebbe fornito al settore industriale del Paese tutte le possibili forme di sostegno.

Prima della guerra, la Siria aveva uno dei settori industriali più grandi e sviluppati della regione, con l'industria che contribuisce per oltre un quarto del PIL del paese e basata su prodotti petroliferi, tessili, lavorazione alimentare, estrazione di rocce fosfatiche, cemento e assemblaggio di veicoli.

Durante il conflitto, il settore industriale ha subito un duro colpo, con molte fabbriche distrutte nei combattimenti, mentre altre sono state smantellate e spedite e le sue parti sono state vendute all'estero dai jihadisti. Il conflitto ha anche indotto alcune uomini d'affari del paese a fuggire dal paese insieme alla loro capitale.

Damasco ha iniziato uno sforzo su larga scala per ricostruire nel 2017 dopo che l'esercito siriano e i suoi alleati hanno liberato la maggior parte del paese dai terroristi di al-Qaeda e Daesh (ISIS)*. Nel 2018, Assad ha stimato che sarebbe costato tra $ 200 e $ 400 miliardi riparare i danni alle abitazioni, alle infrastrutture e all'economia causati dalla guerra.

Tuttavia, gli sforzi di ricostruzione del paese sono stati ostacolati dall'occupazione in corso da parte della milizia statunitense e curda di vaste aree dei territori orientali nell'est della Siria, che ospita gran parte delle risorse di petrolio e gas della nazione, nonché fertili terreni agricoli che producono grano e altri cereali. 

All'inizio di quest'anno, il ministro del petrolio siriano Bassam Touma ha stimato che il 90% delle risorse petrolifere del paese, che una volta forniva al paese l'autosufficienza energetica e un flusso di valuta pregiata per il commercio estero, è ora sotto il controllo di Washington e dei suoi  alleati. Ha aggiunto che la stima dei danni diretti e indiretti al settore petrolifero siriano causati dalla guerra in oltre 92 miliardi di dollari.

A marzo, diplomatici di Russia, Iran e Cina si sono uniti per chiedere la revoca delle sanzioni contro la Siria e la fine del blocco economico occidentale. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

3 considerazioni sui dati Istat della povertà in Italia di Francesco Erspamer  3 considerazioni sui dati Istat della povertà in Italia

3 considerazioni sui dati Istat della povertà in Italia

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Astrazeneca, valzer di articoli che scompaiono per magia di Francesco Santoianni Astrazeneca, valzer di articoli che scompaiono per magia

Astrazeneca, valzer di articoli che scompaiono per magia

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5? di Antonio Di Siena Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti