Assad denuncia complotto occidentale per deprezzare sterlina siriana

Assad denuncia complotto occidentale per deprezzare sterlina siriana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il presidente siriano Bashar al-Assad ha denunciato il complotto occidentale per deprezzare la valuta siriana e chiede alla popolazione di unire le forze per neutralizzarlo.

Durante una riunione del Consiglio dei ministri tenutasi ieri sera a Damasco, Al-Asad ha descritto il deprezzamento della valuta nazionale, la sterlina siriana, nei confronti del dollaro USA come un "complotto straniero".

Il presidente siriano ha invitato tutti gli strati sociali, che compongono la popolazione del Paese arabo, ad aderire alle iniziative statali alla ricerca di contrastare il deprezzamento della moneta nazionale.

Nel suo discorso ai suoi ministri, il leader siriano ha sottolineato che Damasco è stata in grado di raccogliere risultati senza precedenti nella sua lotta al terrorismo economico condotta dai paesi occidentali e in particolare dagli Stati Uniti.

La svalutazione del cambio della sterlina fa parte della “guerra psicologica in corso [contro la Siria]. Come in qualsiasi altra battaglia, dobbiamo informare l'opinione pubblica sulle circostanze che circondano il processo e far sapere alla gente che la campagna è importante quanto le operazioni militari volte a ripristinare la stabilità [in tutta la Siria]”, ha ricordato il leader siriano.  

Dopo aver ribadito che il crollo della moneta  siriana è un attacco lanciato dall'estero contro il Paese devastato dalla crisi scoppiata nel 2011, ha esortato l'Esecutivo e la nazione siriana a dare il loro sostegno incondizionato a tutte le misure prese che hanno lo scopo di la direzione del rafforzamento della linea di produzione interna della Siria.

L'economia siriana è stata colpita da più di un decennio di guerra sponsorizzata dai paesi occidentali e si sta attualmente riprendendo dagli effetti collaterali di una crisi finanziaria nel vicino Libano, dove non si escludono responsabilità occidentali. In Libano sono bloccati 42 miliardi di dollari di cittadini e imprenditori siriani, sarebbero una garanzia per permettere al paese arabo la ricostruzione.

Questa situazione, sommata alle ampie misure punitive imposte dalle successive amministrazioni statunitensi contro Damasco, sono alcune delle ragioni della svalutazione della sterlina siriana.  

Le sanzioni occidentali e statunitensi sono state inasprite contro il governo e il popolo siriano dall'inizio della crisi (2011), ostacolando l'accesso del paese al suo fabbisogno di petrolio, medicinali e prodotti alimentari, che ha portato a un aumento di oltre il 50% di tutte le bisogni del popolo siriano.

Il Caesar Act  approvato nel dicembre 2019 dal Congresso e dal Governo, poi presieduta da Donald Trump, è la nuova versione di queste misure coercitive ed è considerata la più severa nei confronti di un popolo che da quasi undici anni subisce una guerra catastrofica a tutti i livelli, oltre al furto di una parte significativa delle sue risorse e della ricchezza naturale ordito da Washington.

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti