Diaz Canel in visita in Turchia: "Kemal Atatürk un'ispirazione per la Repubblica di Cuba"

Diaz Canel in visita in Turchia: "Kemal Atatürk un'ispirazione per la Repubblica di Cuba"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nell’ambito del suo tour internazionale, il presidente cubano Miguel Diaz-Canel, dopo aver toccato il suolo di Algeria e Russia, quest’oggi è sbarcato in Turchia dove è stato accolto all'aeroporto di Ankara dal ministro del Commercio, Mehmet Mus, a nome del governo. 

Insieme alla delegazione cubana, Diaz-Canel si è recato presso il mausoleo di Mustafa Kemal Atatürk, leader della guerra d'indipendenza, fondatore e primo presidente della Repubblica di Turchia.




Il presidente cubano ha scritto le seguenti parole nel libro dei visitatori:

"La delegazione cubana è qui per portare il suo sentito rispetto e la sua riverenza a Kemal Atatürk, padre fondatore della moderna nazione turca, che il Comandante in Capo Fidel Castro ha definito un'ispirazione per la Repubblica di Cuba. Come popoli cubani e turchi, abbiamo valori comuni che sono l'eredità dei fondatori di entrambe le nazioni". 

Dopo Fidel Castro, si tratta della prima visita di un presidente cubano in Turchia in 27 anni. D'altra parte, la visita del leader turco a Cuba il 10 febbraio 2015 è stata la prima visita di un capo di Stato turco a Cuba.

L'agenda del leader cubano, in questa terza tappa del suo tour internazionale, prevede un incontro con il suo omologo Recep Tayyip Erdogan per uno scambio di priorità politiche ed economiche bilaterali, in particolare legate al settore elettroenergetico.

La Turchia vuole incrementare il commercio con Cuba

Il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha espresso al suo omologo cubano l’interesse del suo Paese ad aumentare gli scambi commerciali con Cuba.

"Abbiamo confermato la nostra determinazione ad aumentare il volume degli scambi commerciali con Cuba fino a 200 milioni di dollari. Vediamo che l'interesse delle nostre aziende per Cuba è aumentato. Nel prossimo periodo, gli investimenti delle aziende turche a Cuba aumenteranno ancora di più", ha dichiarato Erdogan durante la conferenza stampa congiunta con Díaz-Canel.

Il leader turco ha aggiunto di aver discusso con il suo omologo cubano anche della realizzazione di "investimenti congiunti nei vaccini". Secondo Erdogan, è importante per il suo Paese "aumentare la cooperazione e la solidarietà" con l'isola caraibica.

Da parte sua, Díaz-Canel ha espresso la sua soddisfazione per aver effettuato questa visita nel contesto delle celebrazioni per il 70° anniversario dell'instaurazione delle relazioni diplomatiche. "Sono stati mantenuti ininterrottamente sulla base del rispetto, della solidarietà e della cooperazione, a beneficio di entrambi i popoli”.

Il leader cubano ha commentato che durante l'incontro è stata ratificata la volontà di "continuare a rafforzare le relazioni politiche" tra i due Paesi. Ha inoltre ribadito a Erdogan la volontà di Cuba di continuare a lavorare insieme in "settori di reciproco interesse".

A questo proposito, ha citato settori come le biotecnologie, le energie rinnovabili, il turismo, l'agricoltura, l'allevamento, la salute, l'istruzione, lo sport e la cultura.

Díaz-Canel ha ringraziato Erdogan per il sostegno dell'Agenzia turca per la cooperazione e il coordinamento nella realizzazione di progetti congiunti a Cuba nel settore agricolo e in altre aree prioritarie.

Ha inoltre invitato il suo omologo turco a visitare l'isola, dove "sarà accolto con tutta l'ospitalità che merita".

Nell'ambito della visita di Díaz-Canel, i funzionari cubani e turchi hanno firmato sei accordi tra le due nazioni, tra cui un protocollo di cooperazione tra la Turkish Radio and Television Corporation (TRT) e l'Istituto Cubano di Radio e Televisione (ICRT) e un accordo tra le banche centrali dei due Paesi.

La Turchia è stata la terza tappa del tour internazionale di Díaz-Canel, che lo ha portato in Algeria e in Russia e che proseguirà in Cina.

Dall'epoca ottomana a oggi 

A 70 anni dalla nascita delle relazioni tra i due Paesi, può essere interessante volgere lo sguardo indietro alle relazioni tra Turchia e Cuba. 

Le relazioni diplomatiche tra la Turchia e Cuba sono state stabilite nel 1952.

Tuttavia, il legame tra la Turchia e Cuba può essere fatto risalire all'epoca ottomana, in particolare quando ci furono migranti che si recarono a Cuba dal Medio Oriente alla fine del XIX secolo.

I nipoti di coloro che vi si erano recati con passaporto ottomano sono ancora chiamati "El Turco" nella regione.

La Turchia e Cuba sono state indirettamente legate durante la Guerra Fredda, quando le tensioni tra Unione Sovietica e Stati Uniti hanno rischiato di sfociare in un conflitto nucleare.

Nella celebre crisi dei missili, quando il mondo fu sull’orlo della guerra nucleare, mentre l’Unione Sovietica rinunciò a schierare i suoi missili a Cuba, gli Stati Uniti si impegnarono pubblicamente a non invadere Cuba e, in via confidenziale, accettarono di ritirare i propri missili nucleari dalla Turchia.

La Turchia ha aperto la sua prima ambasciata nei Caraibi a L'Avana nel 1979. 

Nel 1996, l'allora leader cubano Fidel Castro visitò la Turchia per una conferenza delle Nazioni Unite. 

Tuttavia, solo nel 2015, quando Erdogan ha visitato L'Avana, nella prima visita presidenziale in assoluto della Turchia a Cuba, è stato raggiunto un punto culminante nelle relazioni bilaterali. 

Nel 2016 Turkish Airlines ha avviato voli diretti a Cuba.

Il ministro degli Esteri di Cuba Bruno Rodriguez Parrilla ha visitato la Turchia nel giugno 2017, prima visita ministeriale di Cuba in Turchia.

Due anni dopo, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu si è recato in visita ufficiale a Cuba nel maggio 2019.

Il viaggio di oggi, primo in 27 anni, con il Presidente di Cuba intraprenderà ad Ankara, segna un'altra pietra miliare nei legami tra i due Paesi, come evidenzia l’emittente turca TRT. 

La cooperazione energetica è stata all’ordine del giorno. Nel contesto della crisi energetica di Cuba, aggravata dalle sanzioni di Washington, L'Avana si è rivolta alla Turchia per chiedere aiuto.

Karpowership, uno dei maggiori operatori mondiali di centrali elettriche montate su navi e parte della Karadeniz Holding con sede in Turchia, gestisce cinque navi al largo della costa cubana, fornendo alla nazione insulare l'elettricità di cui ha bisogno.

Ankara ha spesso espresso la sua opposizione a tutte le sanzioni contro Cuba e sostiene la necessità di porre fine all'embargo imposto dagli Stati Uniti alla nazione latinoamericana.

All'inizio di questo mese, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato a larga maggioranza per condannare l'embargo economico statunitense nei confronti di Cuba per il 30° anno.

La risoluzione, non vincolante, è stata approvata da 185 Paesi e osteggiata solo da Stati Uniti e Israele, con l'astensione di Brasile e Ucraina.

Nel complesso, la Turchia e Cuba hanno relazioni bilaterali in crescita in diversi settori, tra cui agricoltura, edilizia, infrastrutture, energia, salute e turismo. Il commercio bilaterale tra i due Paesi ha superato i 50 milioni di dollari nel 2019. 

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale