Hassan Nasrallah: “Hezbollah può impedire a Israele di rubare le risorse del Libano”

Hassan Nasrallah: “Hezbollah può impedire a Israele di rubare le risorse del Libano”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Durante un'intervista esclusiva ad Al Mayadeen TV per commemorare il 40° anniversario della fondazione di Hezbollah, il segretario generale del movimento di resistenza ha ribadito la sua promessa di proteggere le ricchezze naturali del Libano.

“Lo Stato libanese è incapace di prendere la decisione giusta che protegga il Libano e le sue ricchezze. Pertanto, la resistenza deve prendere questa decisione”, ha detto Sayyed Hassan Nasrallah.

Il leader di Hezbollah è stato esplicito nella sua opposizione ai tentativi di Israele di estrarre gas naturale dal giacimento di gas di Karish, situato nelle acque contese con il Libano.

"Tutti i campi sono minacciati, non solo Karish, e nessun obiettivo israeliano in mare oppure a  terra è fuori dalla portata dei missili di precisione della resistenza", ha aggiunto.

Riguardo a un possibile scontro con Israele su queste risorse, Nasrallah ha affermato che “la questione dipende da come agiranno il nemico, gli Usa e gli europei”, sottolineando che il Libano ha bisogno di un impegno per “i confini stabiliti dallo Stato libanese e porre fine al veto sulle compagnie che estraggono petrolio”.

I negoziati mediati dagli Stati Uniti sui confini marittimi condivisi tra Israele e Libano sono ricominciati il ??mese scorso, proprio mentre Tel Aviv ha schierato navi da perforazione  ed estrazione su Karish.

Il giacimento di gas di Karish si trova sotto la linea 29, che il Libano rivendica come confine marittimo. Mentre le Nazioni Unite affermano che la linea 23 è il confine marittimo, Israele ritiene che la linea 1 è il confine effettivo.

Nasrallah crede che il Libano abbia un'opportunità d'oro per proteggere le sue risorse naturali in un momento in cui l'Occidente deve affrontare una crisi energetica sempre più grave e sta cercando alternative al carburante russo.

"Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è venuto nella regione per gas e petrolio e le [risorse aggiuntive] che l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti possono offrire non risolveranno il problema dei bisogni dell'Europa".

"Gli Stati Uniti e l'Europa hanno bisogno di petrolio e gas e Israele vede un'opportunità in questo", ha sottolineato Nasrallah. "Biden non vuole la guerra nella regione [poiché è già impegnato in un'altra guerra su un altro fronte], e questa è un'opportunità per fare pressione su [loro] per il nostro petrolio".

"Se l'estrazione di petrolio e gas inizia a settembre prima che il Libano recuperi i suoi diritti, ci stiamo dirigendo verso uno scontro", ha avvertito il capo di Hezbollah. "Abbiamo fissato un obiettivo che cercheremo di raggiungere, qualunque cosa accada, e ricorreremo a qualsiasi cosa a tal fine".

Ha anche rivelato che dozzine di droni Hezbollah sono entrati e sono tornati dalla Palestina occupata negli ultimi anni, senza che Israele li abbia abbattuti.

La scorsa settimana, il primo ministro israeliano ad interim Yair Lapid ha visitato Karish insieme al ministro della Difesa Benny Gantz e si è impegnato a salvaguardare i "pieni diritti" di Israele sul giacimento di gas.

Lapid ha anche rifiutato qualsiasi compromesso sulla ricchezza che potrebbe generare alla luce della crisi energetica globale.

Nasrallah ha precedentemente ribadito che il percorso su cui si trova il Libano si sta “dirigendo verso ciò che è peggio della guerra”, in riferimento all'impareggiabile tracollo economico del Libano .

“Se la situazione degenera in guerra, il popolo libanese deve fidarsi della resistenza che sarà in grado di imporre la volontà del Libano al nemico”, ha precisato Nasrallah ad Al Mayadeen, aggiungendo che “la resistenza ha abbastanza forza lavoro e capacità militari e finanziarie per soggiogare Israele."

"Quando le cose arriveranno ad un vicolo cieco, non ci troveremo solo di fronte a Karish ... Segna queste parole: raggiungeremo Karish, oltre Karish e molto, molto oltre Karish", ha promesso il leader della resistenza.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti