Il Caso Saman e i "paradossali" rapporti tra Islam e Occidente

Il Caso Saman e i "paradossali" rapporti tra Islam e Occidente

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Vincenzo Brandi

Desta orrore il caso della giovane di Reggio Emilia di origini pakistane, Saman, molto probabilmente uccisa dalla famiglia e dai parenti per essersi rifiutata di aderire ad un matrimonio combinato.

Questo episodio, su cui comunque la polizia sta ancora indagando, apre una finestra sulla triste e drammatica situazione di molte ragazze e donne appartenenti a famiglie di fede islamica fondamentalista che abbracciano le usanze ed i valori più retrivi e reazionari dei movimenti estremisti islamici.

A scanso di equivoci diciamo subito che questi atteggiamenti che comportano azioni violente e vessatorie verso le donne, fino all’assassinio, sono caratteristici solo dei settori più arretrati culturalmente e settari dell’Islam, e purtroppo sono ampiamente presenti anche nei settori più maschilisti ed arretrati delle nostre società occidentali con stupri, assassinii e violenze. ? certo che la maggior parte dell’Islam moderato non è su queste posizioni: ricordiamo che l’Unione delle Comunità Islamiche Italiane ha esplicitamente condannato l’ormai quasi certa e tragica conclusione della vita della povera ragazza diciottenne, Saman.

Questo triste episodio ci spinge a riflettere sui rapporti tra Occidente “liberale” ed evoluto e mondo islamico, rapporti che sono molto più complicati di quanto si creda comunemente, ed a volte addirittura paradossali. Non a tutti è chiaro che nel mondo islamico esistono vastissimi movimenti progressisti e laici, che spesso si sono posti alla testa di vasti movimenti anti-colonialisti e anti-imperialisti (quando molti paesi del Medio Oriente, del Nord-Africa o dell’Asia meridionale si trovavano ancora sotto il tallone dell’Imperialismo e del Colonialismo occidentale).

Questi movimenti hanno dato luogo a vaste campagne di emancipazione e difesa dei diritti delle donne: in Egitto dopo la rivoluzione nazionalista e laica guidata da Nasser; in Algeria dopo la liberazione condotta dal Fronte di Liberazione Nazionale; in Libia sotto il governo laico di Gheddafi; in Siria sotto la direzione del partito Baath guidato dalla famiglia Assad; in Iraq sotto la direzione del Baath iracheno; in Afghanistan sotto la direzione del Partito Comunista prima dell’avvento dei Mujaheddin e dei Talebani; in Indonesia quando il paese era ancora guidato da un’alleanza di Nazionalisti e Comunisti prima del colpo di stato reazionario del 1965 sponsorizzato dalla CIA in cui fu sterminato un milione di Comunisti; nello stesso Pakistan prima del colpo di stato islamico-reazionario contro il laico Alì Butto finito impiccato; in Turchia dopo la rivoluzione laica di Ataturk. Posso poi dire per esperienza diretta che il popolo palestinese è tra i più laici del Medio Oriente, così come quello libanese.

Inoltre in Palestina, Libano, Siria, Egitto, Iraq si trovano le più antiche comunità cristiane del mondo (circa il 15/20% della popolazione) che hanno convissuto pacificamente con i Musulmani per secoli, così come le antiche piccole comunità ebraiche. Se il movimento politico-religioso islamico Hamas ha guadagnato qualche punto tra i Palestinesi si deve solo alla sciagurata politica del governo israeliano di negare ostinatamente i diritti del popolo palestinese.

Il fatto più paradossale in questo quadro è che i paesi “democratici” e “liberali” dell’Occidente si sono sempre alleati ai movimenti più retrivi del mondo islamico allo scopo di combattere i movimenti indipendentisti, anti-colonialisti e progressisti.

Un fatto analogo era successo tra la fine del ‘700 e l’inizio dell’800 quando i “liberali” inglesi finanziarono i peggiori movimenti reazionari (come i Vandeani o i Sanfedisti dell’Italia Meridionale) per abbattere i governi rivoluzionari repubblicani.

 Il governo comunista dell’Afghanistan aveva esplicitamente vietato i matrimoni combinati, aveva imposto l’istruzione obbligatoria laica per le donne fino alle scuole superiori e riconosciuta la piena parità del genere femminile. Le potenze occidentali hanno armato i peggiori estremisti islamici per abbattere questo governo.

Una funzione fondamentale fu svolta da Osama Bin Laden, capo di Al Qaida, allora alleato degli USA e uomo di collegamento tra la CIA e servizi segreti sauditi e pakistani. Il regime laico iracheno è stato abbattuto sulla base di palesi bugie come il fantomatico possesso di armi di distruzione di masse inventato da George Bush, Tony Blair e i loro accoliti.

Una marea di bugie è servita anche per alimentare la guerra di mercenari ed organizzazioni estremiste islamiche (come Al Qaida, ISIS e Fratelli Musulmani) contro il governo regolarmente eletto di Assad, uno dei più aperti di tutto il Medio Oriente verso i diritti delle donne e l’istruzione laica per tutti, accusato invece delle peggiori nefandezze. ? servita anche la legenda di una rivolta inizialmente pacifica, mentre in realtà la rivolta armata finanziata dall’esterno era stata già programmata e organizzata da tempo.

Oggi la Siria è distrutta e ancora sottoposta a feroci sanzioni che affamano la popolazione; tutta la sua parte orientale (dove si trovano i pozzi di petrolio) è occupata da truppe statunitensi che rubano il petrolio siriano e lo rivendono per conto loro. Anche il governo laico di Gheddafi è stato abbattuto dai bombardamenti occidentali che hanno permesso la vittoria degli integralisti e fatto precipitare per 10 anni il paese nel caos. In Egitto l’Occidente ha dato sempre sostegno sotto banco alla Fratellanza Musulmana contro i laici. Il più valido alleato dell’Occidente è il regime oscurantista dell’Arabia Saudita dove le donne non possono uscire di casa se non accompagnate dai parenti stretti e non possono nemmeno guidare una macchina.

Gli esempi potrebbero moltiplicarsi (Bosnia, Kosovo, Cecenia, Uiguri, ecc.), ma ci limitiamo ad un’amara considerazione: prima di criticare – giustamente – gli aspetti più retrivi ed oscurantisti dell’estremismo islamista, può l’Occidente imperialista rivendicare la sua superiorità morale e la sua innocenza?

Roma 3 Giugno 2021

Potrebbe anche interessarti

Cuba e i numeri Covid   di Francesco Santoianni Cuba e i numeri Covid

Cuba e i numeri Covid

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo di Marinella Mondaini Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

Nuove punte di folle russofobia del Parlamento europeo

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti