Il vertice di Teheran porta i suoi frutti: la Turchia riapre autostrada chiave in Siria

Il vertice di Teheran porta i suoi frutti: la Turchia riapre autostrada chiave in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo quanto ha riferito oggi Il quotidiano libanese Al-Akhbar, citato dal media iraniano in lingua spagnola, HispanTV, la decisione di Ankara di riaprire la strategica autostrada M4 sia uno dei frutti del vertice di Teheran, in cui i presidenti di Iran, Russia e Turchia hanno discusso, martedì scorso, le modalità per risolvere l'annosa crisi in Siria.

“Poche ore dopo la conclusione del Vertice di Teheran, in cui il caso siriano ha occupato buona parte della questione, la Turchia ha avviato una serie di passi per riaprire la strada che collega Aleppo a Latakia, nell'ambito di un patto iniziale che prevede un parziale passaggio di consegne di Manbij e Tal Rifaat all'esercito siriano”, secondo quanto sul media libanese.

Nel caso in cui l'intesa non venisse bloccata dagli Stati Uniti, l'iniziativa potrebbe rappresentare un parziale anticipo sulla spinosa questione di Idlib (nordovest), e porterà all'utilizzo di una delle più importanti e strategiche autostrade (M4) del Siria da parte della popolazione, prosegue l’articolo.

Idlib, la più grande roccaforte terrorista in Siria, sotto il controllo dell'alleanza Hayat Tahrir Al-Sham (HTS), guidata dal Fronte Al-Nusra affiliato ad Ankara, è uno dei punti più problematici tra la Turchia, da un lato, e Iran e Russia, dall'altro, che sostengono il governo di Damasco guidato da Bashar al-Assad.

Negli ultimi quattro anni, Ankara ha cercato di rimandare la risoluzione del caso Idlib per scopi politici. Gli accordi di Sochi firmati tra Russia e Turchia nel 2018, e integrati nel 2019 e nel 2020, impongono ad Ankara di aprire l'autostrada M4 e isolare le fazioni terroristiche, in cambio dell'eliminazione della "minaccia curda" nel nord e nord-est della Siria, a 30 km dal confine con la Turchia, questo è ciò che la Russia ha promesso di attuare.

Tuttavia, questi impegni erano rimasti disattesi da entrambe le parti, fino a quando il vertice di Teheran sembra aver spianato la strada alla risoluzione della controversia.

Al termine del vertice, i vertici di Iran, Russia e Turchia, rispettivamente Seyed Ebrahim Raisi, Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan, si sono impegnati a continuare a lavorare per trovare una soluzione politica alla crisi in Siria, per combattere il terrorismo in tutte le sue forme nel paese arabo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti