Israele, dopo aver deportato migliaia di palestinesi, ha accolto 30.000 profughi dall’Ucraina

Israele, dopo aver deportato migliaia di palestinesi, ha accolto 30.000 profughi dall’Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Che bontà quella di Israele! Ha deportato centinaia di migliaia di palestinesi dalle proprie case e terre in 74 anni, ma in un afflato di generosità, dal 24 febbraio 2022, si è risvegliata accogliente. Di certo, non con i palestinesi.

Secondo il media israeliano The Times of Israel , il 30.000esimo rifugiato ucraino è entrato nei territori in Israele e si prevede che ne arriveranno altri migliaia nei prossimi mesi.

In questo senso, il ministro dell'Immigrazione israeliano, Pnina Tamano-Shata, ha affermato che la maggior parte dei nuovi immigrati ha ricevuto un certificato di immigrazione in questi territori, ad eccezione di circa 2.000 di loro che stanno regolando il proprio status.

Secondo i dati pubblicati dal ministero dell'immigrazione del regime israeliano, l'età media del 46% dei nuovi arrivati ??ucraini ha tra i 22 ei 60 anni, comprese le persone che hanno lavorato nel loro paese di origine in diversi campi come la tecnologia, l'ingegneria e la medicina.

In precedenza, Israele aveva stimato di ricevere tra 30.000 e 50.000 nuovi coloni come immigrati dall'Ucraina o dai paesi vicini dove risiedono i rifugiati della guerra.

Vale la pena ricordare che all'inizio della guerra, il 24 febbraio, Israele chiese ai richiedenti asilo ucraini, appena arrivati ??negli aeroporti dei territori occupati, un buono del valore di quasi 6.200 dollari, denaro che nessuno di questi profughi possedeva.

Poco dopo, le autorità israeliane hanno deciso di sfruttare la crisi ucraina per accelerare il processo di invitare gli ebrei del paese europeo e di altri stati europei a trasferirsi nella terra occupata della Palestina.

La Russia, dal canto suo, è arrabbiata per il ruolo svolto dal regime sionista nel conflitto in Ucraina. Mosca assicura che Israele sostiene i neonazisti nel Paese slavo e ha avvertito in diverse occasioni delle conseguenze di tali aiuti a Kiev.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti