Kherson: indetto referendum (23-27 settembre) sull'adesione alla Federazione Russa

Kherson: indetto referendum (23-27 settembre) sull'adesione alla Federazione Russa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'amministrazione della Regione di Kherson ha deciso di indire un referendum sull'adesione della regione alla Federazione Russa. Ad annunciarlo è il capo dell’amministrazione regionale Volodymyr Saldo. 

"Sono sicuro che la leadership della Federazione Russa accetterà i risultati del referendum e la Regione di Kherson entrerà a far parte della Russia, diventando un soggetto a pieno titolo dello Stato unico", ha dichiarato Saldo.

Il capo dell’amministrazione regionale si è detto fiducioso che la reincorporazione nella Russia possa rendere sicura la regione, aprire "nuove opportunità sulla via del ritorno alla vita pacifica ed essere una celebrazione della giustizia storica".

"Sono convinto che il popolo russo e il Presidente russo Vladimir Putin agiranno come garanti della sicurezza e della prosperità nella nostra regione. Una pace duratura, il mantenimento dell'ordine e la garanzia di un futuro stabile per i nostri figli sono possibili solo insieme alla Federazione Russa", ha sottolineato Saldo.

Ha inoltre aggiunto di ritenere necessario creare e formare battaglioni di volontari nella Regione di Kherson per partecipare all'operazione speciale russa in corso.

La richiesta di indire immediatamente un referendum per sancire il riconoscimento della regione di Kherson come soggetto della Federazione Russa è stata avanzata dal consiglio pubblico della Regione di Kherson con una sollecitazione urgente al responsabile massimo dell’amministrazione regionale Volodymyr Saldo. 

Inoltre, il capo della DNR Denys Pushylin ha affermato che le repubbliche del Donbass hanno iniziato a prepararsi attivamente per i referendum sull'adesione alla Federazione Russa.

Da parte sua, il capo della commissione elettorale della Crimea, Mykhaylo Malyshev, ha dichiarato che nella Repubblica potrebbero essere aperti dei seggi elettorali per votare i referendum sull'incorporazione delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e della Regione di Kherson nella Russia, in modo che i rifugiati e gli sfollati interni provenienti da questi territori possano esprimere il loro voto il giorno del plebiscito.

Anche Dmitry Medvedev, vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha dichiarato martedì che i referendum nel Donbass sono importanti non solo per la protezione sistemica dei residenti, ma anche per ripristinare la giustizia storica. Medvedev ritiene che i risultati delle votazioni cambieranno il vettore dello sviluppo della Russia per decenni. "Cambiano completamente il vettore di sviluppo della Russia per decenni - ha spiegato l’ex presidente e primo ministro russo - poiché dopo la loro implementazione e l'inclusione di nuovi territori nella Federazione Russa, la trasformazione geopolitica del mondo diventerà irreversibile”.

"L'invasione del territorio russo - ha poi aggiunto - è un crimine che meritava una risposta dura. Non è meno importante che dopo gli emendamenti alla Costituzione del nostro Stato, nessun futuro leader della Russia, nessun funzionario sarà in grado di annullare queste decisioni.
Ecco perché a Kiev e in Occidente sono così spaventati da questi referendum. Ed è per questo che devono essere realizzati il prima possibile e la volontà del popolo immediatamente attuata”. 

Intanto sono state fissate le date per la celebrazione del referendum: Saldo ha reso noto che la votazione si terrà dal 23 al 27 settembre 2022. "Il decreto definisce la procedura per l'organizzazione del voto e del referendum sul territorio della regione di Kherson, e stabilisce la responsabilità amministrativa e penale per la violazione di queste regole", ha precisato il capo dell’amministrazione regionale. 

Dalla Russia sostegno all’iniziativa. Mosca rende noto che favorirà la rapida creazione delle nuove regioni russe se i cittadini delle repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk voteranno per la loro inclusione nella Federazione Russa. 

"In caso di esito positivo del voto, sosterremo la rapida creazione di nuove regioni della Russia. Abbiamo una lingua, tradizioni e cultura comuni. Questa è la nostra gente! Sosteniamoli e difendiamoli!”, ha affermato tramite il suo canale Telegram il presidente della Duma per gli affari internazionali, Leonid Slutskyy.  

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra