L'OPCW rinvia l'indagine sugli attacchi chimici commessi dai gruppi armati dell'opposizione in Siria

L'OPCW rinvia l'indagine sugli attacchi chimici commessi dai gruppi armati dell'opposizione in Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il segretariato tecnico dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche continua a procrastinare le indagini sugli attacchi chimici in Siria, ha dichiarato, ieri,  la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in una conferenza stampa.

"Affermiamo ancora una volta che il Segretariato tecnico dell'OPCW continua a usare pretesti inverosimili per procrastinare le indagini sugli attacchi chimici da parte dell'opposizione armata siriana, sebbene Damasco informi regolarmente l'OPCW e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su tali casi", ha ricordato.

A titolo di esempio, Zakharova ha menzionato l'attacco chimico del 24 novembre 2018 ad Aleppo in Siria.

"Sono passati quasi due anni dall'incidente. Tuttavia, il Segretariato tecnico non è ancora in grado di completare le indagini e continua a proporre ulteriori condizioni preliminari rivolte alla parte siriana", ha spiegato.

Zakharova ha ricordato che Damasco aveva presentato all'OPCW tutte le informazioni necessarie e continua a dimostrare la sua piena apertura e disponibilità alla cooperazione.

Ha sottolineato che procrastinando le indagini l'OPCW ha violato la Convenzione sulle armi chimiche. Questa politica, ha detto Zakharova, è una chiara prova del pregiudizio del Segretariato tecnico dell'OPCW e della prontezza dell'organizzazione ad agire su "ordini politicamente motivati ??da singoli stati, che nel perseguimento dei loro interessi geopolitici in Medio Oriente hanno ripetutamente usato la forza militare contro la Siria in violazione della Carta delle Nazioni Unite ".

Il 24 novembre 2018 i miliziani nella zona di riduzione dell'escalation nella provincia di Idlib hanno attaccato le aree residenziali di Aleppo con proiettili contenenti una sostanza velenosa, presumibilmente il cloro. Successivamente, secondo i medici siriani, più di 70 persone sono state portate in ospedale. L'agenzia di stampa SANA riferì che 107 civili furono portati negli ospedali. Gli aerei della forza aerospaziale russa hanno spazzato via i terroristi che hanno bombardato la città. L'8 gennaio 2019 gli specialisti dell'OPCW sono stati inviati in Siria.


80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti