Lukashenko: "Kiev cerca un'escalation del conflitto. Persone intelligenti e indipendenti non si comportano così"

Lukashenko: "Kiev cerca un'escalation del conflitto. Persone intelligenti e indipendenti non si comportano così"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


A margine del vertice dell'Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva (CSO) svoltosi in Armenia, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha criticato le autorità ucraine per aver esacerbato il conflitto con la Russia invece di cercare soluzioni per evitare che l'esistenza del paese fosse minacciata. 

"Cosa hanno guadagnato giustiziando i giovani russi? Volevano solo provocare l'orso russo? L'hanno fatto. Fanno di tutto per un'escalation", ha detto il presidente parlando con i giornalisti e alludendo al plotone di esecuzione dei prigionieri russi di guerra da parte dei militari ucraini, un fatto documentato in un video diffuso e ammesso come vero dal New York Times la scorsa settimana.

"Tutto questo dimostra che gli Usa hanno un totale controllo su di loro. Le persone indipendenti e intelligenti non si comportano così", ha detto Lukashenko. Lo riporta Tass.

L'Ucraina deve fare tutto il possibile per porre fine al conflitto con la Russia, altrimenti subirà un completo collasso della nazione, ha proseguito il leader bielorusso. "Se non vogliono che le persone muoiano, non vogliono che muoiano in gran numero... È difficile, ma [il conflitto] deve finire, perché la completa distruzione dell'Ucraina arriverà inevitabile", ha affermato, sottolineando come la posta in gioco per quel Paese non è solo “la perdita della statualità, ma la sua stessa esistenza”.

Il presidente bielorusso ha affermato che il popolo ucraino, che sta sopportando il peso maggiore del conflitto, finirà per costringere il presidente Vladimir Zelensky ad un compromesso diplomatico. "Entro un anno o due, la gente lo accuserà: 'Perché hai iniziato questa guerra?".

Poco dopo che la Russia ha lanciato la sua campagna militare contro l'Ucraina alla fine di febbraio, la Bielorussia ha ospitato diversi round di colloqui tra Mosca e Kiev. Tuttavia, quegli sforzi diplomatici non hanno prodotto alcun risultato.

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti