Lula Da Silva, annullate le condanne nel caso 'Lava Jato'. Potrà candidarsi nel 2022

Lula Da Silva, annullate le condanne nel caso 'Lava Jato'. Potrà candidarsi nel 2022

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il giudice Edson Fachin, della Corte suprema federale (STF), oggi ha annullato tutte le condanne a Curitiba, nello stato del Paraná, dell'ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva relative all'operazione "Lava Jato".

Con la decisione, l'ex presidente riacquista i suoi diritti politici e potrebbe partecipare alle elezioni del 2022, riferisce G1 . 

Fachin ha dichiarato "incompetente" la 13a Corte Federale di Curitiba nei casi del triplex Guarujá, una fattoria ad Atibaia e quella relativa alla sede e alle donazioni dell'Istituto Lula, a carico dell'ex giudice ed ex ministro Sergio Moro .

"Con la decisione, tutte le decisioni emesse dalla XIII Corte Federale di Curitiba sono state dichiarate nulle ed i rispettivi fascicoli sono stati inviati alla Sezione Giudiziaria del Distretto Federale", si legge in una nota inviata alla stampa dall'ufficio del giudice.

Fachin ha anche ordinato che tutti i casi siano analizzati presso la Corte Federale del Distretto Federale, Brasilia.

Risposta della difesa

La decisione di questo giudice dell'STF, che è una misura cautelare, è data in risposta a un "habeas corpus" presentato dalla difesa di Lula nel novembre dello scorso anno.

Ma anche su questo provvedimento, Fachin "ha detto che la perdita dell'oggetto 10 habeas corpus e quattro denunce presentate dalla difesa dell'ex presidente", compresa la richiesta di mettere in discussione le azioni dell'exjuez Moro, richiede una nota da parte del Fs.

Moro ha condannato  Lula da Silva a nove anni e sei mesi di carcere nel luglio 2017, accusata di corruzione e riciclaggio di denaro, nell'ambito dell'operazione 'Lava Jato', diventando così il primo ex presidente condannato per corruzione passiva nella storia del Brasile.

Successivamente, l'ex giudice ha accettato di essere il ministro della Giustizia del presidente Jair Bolsonaro, carica che ha ricoperto da gennaio 2019 ad aprile 2020.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti