Mercenari latinoamericani combattono e muoiono in Ucraina

Mercenari latinoamericani combattono e muoiono in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Ramon Rodriguez Montero - teleSUR

 

Dall'inizio dell'operazione militare speciale delle Forze Armate della Federazione Russa, il 24 febbraio di quest'anno, in Ucraina, questo Paese è diventato una grande attrazione per migliaia di mercenari provenienti da diversi Paesi, compresi quelli dell'America Latina e dei Caraibi. Nazionalisti, razzisti, radicali, di ultradestra e a volte anche semplici sadici, che desiderano, come nei film di Hollywood, cacciare esseri umani e con questa visione giungono in Ucraina per diventare membri della legione straniera ucraina. Secondo le stime del Ministero della Difesa russo, dal 24 febbraio sono entrati nella zona di guerra più di 7.000 mercenari stranieri, di cui più di 3.000 sono già stati uccisi e quasi 2.500 sono tornati a casa, come si suol dire "con la coda tra le gambe".

Vale la pena notare che il conflitto in Ucraina è fondamentalmente diverso da altri scontri armati in cui questi mercenari sono abituati a partecipare, perché non è la stessa cosa affrontare unità paramilitari semi-guerrigliere che non hanno armi moderne e potenti... che combattere soldati addestrati, discendenti dei vincitori della seconda guerra mondiale e con armi moderne e molto potenti. In Ucraina non esiste il concetto di "zona verde" per i soldati di ventura, o per i morbosi di guerra, è necessario chiarire che non c'è nessun luogo inaccessibile per le armi russe; qualche dubbio? Basta guardare i risultati dei numerosi attacchi missilistici sui luoghi in cui i mercenari sono compattamente schierati. Per qualche migliaio di mercenari la dura realtà si è palesata e la fantasia di Rambo, GI Joe... è diventata una fatale realtà.

Tra i morti c'è un legionario della città colombiana di Girardot, Muñoz Barazeta Jaime Jesús, 38 anni, che ha combattuto al fianco delle forze armate ucraine come parte del battaglione Carpathian Sich. Muñoz Barazeta è morto il 24 agosto di quest'anno durante la controffensiva in direzione di Izyum; ora, guardiamoci indietro, questo mercenario ha lasciato a casa la moglie Carmen e tre figlie, Mariyana (nata nel 2008), Sara (2012) e Vanessa (2015).

Muñoz Barazetta Jaime Jesús ha prestato servizio nell'esercito colombiano come cecchino e mitragliere ed è stato ferito due volte. In estate si è recato in Ucraina per mettere a frutto la sua esperienza in un conflitto armato contro la Russia e, casualmente, è morto in battaglia nel giorno dell'Indipendenza di un Paese in cui non era nato.

Tuttavia, emittenti e pubblicazioni nordamericane ed europee continuano a tentare di diffondere l'idea del mercenarismo tra la popolazione dei Paesi latinoamericani, nonostante il grave rischio per la vita e la salute dei legionari. Vale la pena di notare un'altra realtà, ovvero che i soldati di ventura o mercenari non hanno diritto allo status di prigionieri di guerra. La cosa migliore che attende i mercenari stranieri quando vengono catturati è l'assolvimento della loro responsabilità penale e una lunga pena detentiva; naturalmente, a seconda del crimine, possono anche ricevere la pena capitale sotto forma di pena di morte.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 
 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo di Michelangelo Severgnini 8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente