Nasrallah: Biden immagine degli Usa "entrati in una fase di vecchiaia"

Nasrallah: Biden immagine degli Usa "entrati in una fase di vecchiaia"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Sono tanti gli argomenti che Il leader del Movimento di Resistenza libanese Hezbollah, Seyed Hassan Nasrallah, ha affrontato in occasione del sedicesimo anniversario della vittoria della Resistenza nella guerra di 33 giorni contro Israele nel luglio 2006. Dalla visita del Presidente USA, Joe Biden in Asia Occidentale, alla guerra Russia-Ucraina, allo Yemen e al ruolo dell’Arabia Saudita, fino alle dispute marittime con Israele per l’esplorazione del gas. Proprio il gas potrebbe essere un altro fattore per aprire un altro fronte di guerra in un’area già normalmente carica di tensioni. A tal proposito, proprio per creare un clima distensivo, ribadendo lo strettissimo legame tra USA e Israele, Biden non ha escluso un intervento armato per impedire all’Iran il raggiungimento dell’arma atomica, cosa che Teheran ha sempre smentito mentre a possedere queste armi distruttive sono proprio i principali socie di Washington nella Regione: gli israeliani

“L'America di oggi è diversa da quella del 2003 e del 2006, poiché il vecchio presidente degli Stati Uniti riflette l'immagine di un'America che è entrata nella fase della vecchiaia. La presenza di questo Paese è stata ridotta nella sfera mondiale e soffre di un'inflazione abbastanza elevata, inoltre non ha una buona situazione sociale e previdenziale”, ha rimarcato Nasrallah.

“Ci sono due ragioni che hanno portato Biden nella regione. In primo luogo, cercare di persuadere i paesi dell'area a produrre più petrolio e gas, e in secondo luogo, il suo impegno per la sicurezza di Israele, quindi si concentrerà sulla normalizzazione degli [stati arabi] con questo [regime di Tel Aviv]”, ha sottolineato.

In questo senso, ha messo in dubbio la veridicità delle affermazioni di Biden di sostenere una soluzione del conflitto israelo-palestinese, basata sull'istituzione di due Stati.

Riad funge da "strumento" per l'invasione statunitense dello Yemen

D'altra parte, Nasrallah ha ritenuto insufficiente il sostegno fornito dal presidente degli Stati Uniti a un cessate il fuoco in Yemen, dato che, a suo avviso, "sono stati gli stessi Stati Uniti a cercare di invadere lo Yemen e l'Arabia Saudita ne funge da strumento". "Biden può facilmente porre fine alla guerra nello , ha aggiunto.

Gli Stati Uniti stanno conducendo una guerra per procura contro la Russia

Inoltre, alludendo alla crisi in Ucraina e all'operazione militare lanciata dalla Russia, ha messo in guardia sul ruolo provocatorio svolto dagli Stati Uniti in questo conflitto.

A suo avviso, "gli Stati Uniti non sono entrati in guerra direttamente con i russi, "ma attraverso il popolo e il governo dell'Ucraina".

In merito alle sanzioni dei Paesi europei contro il petrolio e il gas russo, il leader libanese ha avvertito che, sebbene gli Usa si siano assunti la responsabilità di fornire queste risorse all'Europa, "il tempo stringe, perché l'inverno è vicino".

La Resistenza vanificò il piano delineato per un "nuovo Medio Oriente"

Secondo Nasrallah, gli Stati Uniti hanno utilizzato per la prima volta l'attacci dell'11 settembre 2001 a New York per occupare l'Afghanistan e l'Iraq e, come secondo passo, hanno cercato di "sradicare la Resistenza islamica dalla Palestina e dal Libano, nonché isolare l'Iran" in linea con gli interessi del regime sionista.

Tuttavia, ha continuato, la Resistenza ha inferto un duro colpo che ha fatto deragliare questo piano, soprannominato "il nuovo Medio Oriente".

Israele minaccia il Libano, mentre non è avanzato di pochi metri a Gaza

D'altra parte, Nasrallah ha ridimensionato le dichiarazioni rilasciate a giugno dal ministro degli Affari militari israeliano, Benny Gantz, in cui minacciava di lanciare un'offensiva contro il Libano più distruttiva di quella compiuta a Gaza nel 2021.

“Israele minaccia il Libano, mentre il suo esercito non può avanzare nemmeno di pochi metri nella Gaza assediata”, ha precisato, chiarendo in seguito che Hezbollah è in grado di difendere il Paese arabo dalle minacce israeliane.

Ha anche che la vittoria della Resistenza contro Israele nella Guerra dei 33 giorni "ha stabilito l'equilibrio di potere tra Hezbollah e il nemico israeliano", quindi questo regime è molto cauto nel minacciare Beirut dopo una simile guerra.

Nasrallah ha ricordato che Hezbollah ha elevate capacità su terra, mare e cielo e "ha tutte le opzioni sul tavolo" per risolvere le sfide che deve affrontare "al momento e al livello giusti". Anzi, ha ribadito che "il Libano ha un potere dissuasivo e deve usarlo".

Ha anche esortato a ostacolare gli sforzi del regime di Tel Aviv per estrarre gas e petrolio dal giacimento di Karish, situato nelle acque rivendicate sia dal Libano che dal regime israeliano.

Nasrallah ha lamentato che, mentre Israele sta sfruttando il giacimento di Karish, il Libano si aspetta di parlare con gli Usa dei confini, per i quali ha messo in guardia dai piani di Washington di fuorviare Beirut sulle demarcazioni di confine delle acque contese.

Allo stesso modo, ha sottolineato che le promesse degli Stati Uniti di aiutare a risolvere la crisi energetica di Beirut sono solo parole vuote.

“Diciamo al nemico di non sbagliare. Monitoriamo tutti i giacimenti petroliferi, i pozzi e le piattaforme lungo il confine palestinese. Se cercano che questo paese [il Libano] non usi i suoi diritti, nessuno sarà in grado di estrarre petrolio”.

In questo senso, ha fatto riferimento al 2 luglio, quando Hezbollah ha sfidato Israele,  inviando tre aerei da ricognizione senza pilota nel giacimento di gas di Karish, avvertendo che "il messaggio dei droni era che siamo seri e questo caso è una questione fondamentale. Scegliamo ciò che è necessario tra le nostre opzioni. Questo messaggio è arrivato al nemico”.

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti