Perché gli Usa potrebbero cessare gli aiuti all'Ucraina dopo le elezioni di metà mandato

Perché gli Usa potrebbero cessare gli aiuti all'Ucraina dopo le elezioni di metà mandato

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


DA RT

Traduzione di Laura Ru sul suo canale Telegram: @LauraRuHK


L'ampia assistenza fornita da Washington all'Ucraina nel corso del conflitto con la Russia potrebbe essere tagliata se il Partito Repubblicano assumerà il controllo del Congresso nelle elezioni di midterm dell'8 novembre, ha riferito Axios.

Anche i più duri critici di Vladimir Putin tra i repubblicani riconoscono ora che c'è stato un "notevole allontanamento da quello che una volta era un ampio consenso bipartisan" sulla fornitura di aiuti a Kiev, ha riferito mercoledì Axios. Ha citato il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy, che ha dichiarato in un'intervista a Punchbowl News all'inizio della settimana: "Penso che le persone si troveranno in una situazione di recessione e non firmeranno un assegno in bianco all'Ucraina. Non lo faranno e basta".

L'Ucraina può essere importante, ma non può essere l'unica cosa nell'agenda dell'amministrazione statunitense, ha insistito. Anche il deputato repubblicano Don Bacon ha detto di aver "notato" un calo del sostegno all'Ucraina. "Lo si vede un po' sui social media, lo si vede tra alcuni dei nostri membri", ha detto. Kelly Armstrong, collega di Bacon, ha dichiarato ad Axios che il cambiamento di umore è probabilmente il risultato del feedback che i legislatori hanno ricevuto dai loro elettori. "Quando la gente vede aumentare del 13% i prezzi dei generi alimentari, raddoppiare le bollette dell'energia e delle utenze... se sei una comunità di confine e hai problemi sociali dovuti a immigrazione e fentanyl, l'Ucraina è la cosa più lontana dalla tua mente", ha sottolineato. Il sito web ha anche citato un alto esponente repubblicano della Camera, il quale ha affermato che "dopo il pacchetto di aiuti da 40 miliardi di dollari [a maggio], molti repubblicani hanno detto: "Questa è l'ultima volta che sosteniamo i finanziamenti all'Ucraina"".

In un commento ad Axios, il deputato Jim Banks, che presiede il Republican Study Committee (RSC), ha sottolineato che il suo partito si concentrerà sulle questioni interne dopo le elezioni di metà mandato. "L'RSC ritiene che non si possa essere leader all'estero quando si è così deboli in patria. Il programma del Partito Repubblicano nella nuova maggioranza deve mettere in sicurezza il nostro confine e rimettere in piedi l'America affrontando i costi dell'energia e l'inflazione", ha spiegato.

Alla richiesta di commentare le osservazioni di McCarthy, la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha insistito sul fatto che l'amministrazione Biden "continuerà a lavorare con il Congresso, come abbiamo fatto negli ultimi mesi, e a sostenere l'Ucraina per tutto il tempo necessario". Jean-Pierre ha ricordato che si tratta di un "impegno" preso da Joe Biden con il presidente ucraino Vladimir Zelensky. Alcuni collaboratori della Casa Bianca hanno dichiarato mercoledì a Politico che l'amministrazione Biden non ha avvertito Kiev della possibilità che gli aiuti statunitensi cessino nel caso in cui i repubblicani prendano il controllo di almeno una camera del Congresso dopo le elezioni. Tuttavia, i funzionari di Kiev sono consapevoli che ciò potrebbe accadere. Gli Stati Uniti sono stati il principale sostenitore di Kiev dallo scoppio del conflitto con la Russia a fine febbraio, fornendo a Kiev più di 16,8 miliardi di dollari in aiuti militari, tra cui hardware sofisticato come lanciarazzi multipli HIMARS, obici M777 e droni da combattimento. Mosca ha criticato queste forniture di armi, affermando che non fanno altro che prolungare i combattimenti e aumentare il rischio di uno scontro diretto tra Russia e NATO. 

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente