Prof. Giulio Tarro all'AD: "Il cocktail di vaccini è una proposta semplicemente assurda"

Prof. Giulio Tarro all'AD: "Il cocktail di vaccini è una proposta semplicemente assurda"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Si raschia il fondo del barile pur di proseguire in questa folle campagna vaccinale. Oggi è di scena il vaccino Vaxzevria di Astrazeneca. Prima lo hanno ritirato (nonostante avesse meno effetti collaterali di Pfizer), poi lo hanno riservato solo agli over 80, poi agli over 60. Poi, considerato che nessuno lo voleva più, hanno organizzato gli Astrazeneca-day, vaccinando – senza nessuna analisi di anticorpi eventualmente già presenti - gli studenti dell’ultimo anno di superiori. In questi giorni, dopo il clamore suscitato dalla morte di una ragazza di Sestri Levante per questo vaccino, la Circolare del Ministero della Salute esclude questo vaccino per gli under-60 e consiglia a coloro che lo hanno già utilizzato come prima dose la somministrazione di Pfizer o Moderna (che, come è noto, si esplicano in due dosi).

E tutto questo mentre AIFA, nel suo ultimo  “Rapporto sulla Sorveglianza dei vaccini COVID-19” (compilato con la collaborazione dei Centri Regionali di Farmacovigilanza e i Dipartimenti di Prevenzione di solo quattro regioni) continua a delineare un quadro quasi idilliaco con solo quattro decessi (sui 328 segnalati: 103 non ancora esaminati, 130 non correlabili, 83 indeterminati, 8 inclassificabil) forse correlabili all’inoculazione del vaccino; il tutto riportando una surreale tabellina (ripresa da un tweet di Fabio Franchi)

 

 

che evidenzia quanti morti abbia finora evitato (“decessi attesi”) il vaccino, dimenticandosi che nel periodo maggio-inizio giugno del 2021 i morti giornalieri per Covid sono stati, quasi sempre, più numerosi di quelli registrati nell’analogo periodo del 2020, quando i vaccini non c’erano (se volete verificare controllate qui).

Intanto, mentre gli impunibili esperti governativi stanno cancellando da Internet i loro vecchi post su Astrazeneca, abbiamo intervistato il prof. Giulio Tarro, autore, tra l’altro, del libro “Emergenza Covid: dal lockdown alla vaccinazione. Cosa, invece, si sarebbe potuto – e si può - fare

 

 

È consigliabile a coloro che hanno già fatto la prima dose Astrazeneca completare con Pfizer o Moderna?

"È una proposta semplicemente assurda anche perché le poche ricerche pubblicate, (come l’articolo su Nature e su Lancet) sugli effetti una vaccinazione eterologa si sono basate su un numero piccolissimo di cavie umane e sono durate solo alcune settimane; nulla si sa, quindi, sugli effetti a breve e a medio termine che potrebbe determinare questo cocktail di vaccini, tra l’altro basati su tecnologie peculiarmente diverse e finalizzati a sviluppare differenti aree del sistema immunitario (quelli a vettore virale stimolano le cellule T, quelli a mRna creano più anticorpi). A questo punto credo che l’unica proposta sensata sia sospendere questa folle campagna vaccinale, che pretende, vaccinando tutti, anche adolescenti e bambini, di raggiungere una impossibile ad ottenersi “immunità di gregge” e prendere in considerazione la proposta che già avanzavo nell’autunno di un anno fa: vaccinare solo coloro che davvero rischiano la vita per il Covid – e cioè gli anziani – e, invece di imporre il protocollo “Tachipirina e vigile attesa”, favorire l’uso di terapie che già si sono rivelate efficaci, ma che sono state ufficialmente negate perché solo così si poteva permettere l’utilizzo di vaccini sperimentali."

 

Eppure il Commissario per l’emergenza Figliuolo ha dichiarato che con la vaccinazione eterologa «si tolgono elementi di rischio e si aggiungono elementi di flessibilità alla campagna vaccinale e che, da un punto di vista teorico dell’immunologia, tale approccio è positivo, perché se il sistema immunitario riceve stimoli diversi per una stessa malattia, dunque da vaccini diversi, ci si aspetta che risponda in maniera ancora più efficace»....

 

"Guardi, non so proprio cosa il generale Figliuolo sappia di Immunologia. So solo che oggi la gestione dell’emergenza Covid si è trasformata in un treno in corsa per rispettare, a tutti i costi, la tabella di marcia del generale e garantire così, prima dell’esodo estivo, l’approvazione di un Green Pass, presentato come la via di uscita dall’incubo Covid. È probabile, invece - anche se si rispettano gli obiettivi del generale – che in autunno si imporranno nuovi lockdown (basterà innalzare il numero dei clicli di amplificazione ai quali sottoporre i tamponi per presentare come “morti per Covid” tutti i deceduti trovati “positivi”) solo per obbligare alla vaccinazione tutti gli studenti e, poi agli inizi del prossimo anno, tutti i bambini sopra i sei mesi. Poi ci saranno le inevitabili “varianti” che imporranno nuove vaccinazioni e nuovi, imprevisti, morti per Covid, come già sta succedendo in Gran Bretagna. E il peggio potrebbe arrivare tra non molto con l’estendersi dei possibili effetti avversi dei vaccini, soprattutto quelli a mRna.

Mi rendo conto che queste considerazioni esulano, in parte, dal mio ruolo di ricercatore, ma in questa gestione dell’emergenza Covid di “scientifico” non c’è più nulla. C’è solo un gruppo di politicanti e di “esperti” al loro servizio che si industriano per mantenersi a galla."

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti