Quattro soldati siriani feriti nell'ennesimo attacco di Israele contro Damasco

Quattro soldati siriani feriti nell'ennesimo attacco di Israele contro Damasco

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Lampi ed esplosioni hanno squarciato il cielo di Damasco, ieri notte, con le mentre le difese aeree che hanno intercettato la maggior parte dei missili in arrivo, ha riferito l'agenzia di stampa siriana SANA, definendo l'attacco riportato "aggressione israeliana".

Quattro militari siriani sono rimasti feriti nell'attacco, che ha anche causato perdite materiali, ha riferito l'agenzia SANA. Secondo quanto riferito, i missili provenivano dalla direzione del Libano e dalle alture del Golan, un territorio occupato da Israele dal 1973.

Ci sono state segnalazioni di una "enorme esplosione" ad ovest di Damasco intorno all'una di notte, ora locale.

Inoltre, il canale televisivo libanese Al-Manar ha annunciato che uno dei missili siriani della difesa aerea ha inseguito un caccia israeliano nello spazio aereo della regione di confine e il suo suono è stato udito in tutto il Libano meridionale.

 

 

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti