Rivelazioni dello storico Toye - Churchill propose una guerra nucleare preventiva contro l'URSS

Rivelazioni dello storico Toye - Churchill propose una guerra nucleare preventiva contro l'URSS

In una conversazione privata con un giornalista americano, il politico britannico - allora leader dell'opposizione - si espresse a favore del lancio di bombe atomiche su varie città sovietiche per diffondere il panico nel Cremlino

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



Winston Churchill stava progettando una guerra nucleare preventiva contro l'Unione Sovietica anche dopo che Mosca creò le proprie bombe atomiche, secondo un memorandum scritto dall'allora redattore capo del New York Times, Julius Ochs Adler , dopo un incontro tenuto con lo storico politico britannico il 29 aprile 1951 , sei mesi prima di diventare primo ministro del Regno Unito per la seconda volta.


 
Nel testo, ritrovato dallo storico Richard Toye negli archivi del quotidiano di New York e citato dal Times, Adler ricorda come l'allora leader dell'opposizione britannica lo ricevette nella sua casa nel Kent, dove beveva champagne con un bicchiere a "forma" e dimensioni insolite ", almeno il doppio delle altre.
A un certo punto Churchill cambiò argomento e parlò dei rapporti tra Occidente e URSS, definendo la politica congiunta USA-Regno Unito nei confronti del paese eurasiatico " debole piuttosto che aggressiva".
 
"In modo un po' brusco, mi chiese la cifra ufficiale del nostro arsenale di bombe atomiche e la nostra stima della fornitura disponibile dalla Russia", scrisse il giornalista americano.
 
"Ho risposto che fortunatamente non ero nei circoli interni del governo e quindi non portavo quell'impressionante segreto. Poi ci ha sorpreso una seconda volta affermando che, se fosse stato primo ministro e avessepotesse ottenere un accordo dal nostro governo, avrebbe imposto  alcune condizioni alla Russia sotto forma di ultimatum" , ricorda Adler.
 
"Dato il loro rifiuto, il Cremlino deve essere informato che, a meno che non ci ripensi, ne bombarderemo una ogni 20 o 30 città . Allo stesso tempo, dobbiamo avvertirli che è imperativo che la popolazione civile di tutte le città scelte venga evacuata immediatamente.", così proseguì.
 
"Credeva che avrebbero rifiutato di nuovo di prendere in considerazione le nostre condizioni. Quindi dovremmo  bombardare uno degli obiettivi e, se necessario, altri . Tale sarebbe stato il panico che ne sarebbe derivato (sicuramente a causa del terzo attacco) non solo tra il popolo russo ma anche all'interno del Cremlino, che i nostri termini sarebbero stati rispettati" , racconta Adler. Il giornalista aggiunge di essersi opposto all'idea, sostenendo che né il popolo americano né "molti partner" a Washington sosterrebbero una tale guerra preventiva.
 
I piani di Churchill per effettuare bombardamenti nucleari non erano limitati all'Unione Sovietica, ma consideravano anche l'attacco alla  Cina. In particolare, pensava di attaccare basi militari e concentrazioni di truppe cinesi a nord del fiume Yalu, precisa Adler.
 
In un commento al testo, Toye ha indicato che, sebbene  i piani simili di Churchill siano noti  prima del 1949 - l'anno in cui l'URSS testò la sua prima bomba nucleare - prima di incontrarlo per l'intervista, non vi era alcuna registrazione che avesse continuato a svilupparli due anni dopo. Lo storico ha riconosciuto che l'idea non era "brillante" ma ha affermato che la strategia che Churchill ha promosso quando era primo ministro era "molto migliore".
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti