Siria grande convoglio turco entra a nord ovest, mentre l'esercito siriano prepara all'offensiva contro l'ISIS

2892


Un grande convoglio dell'esercito turco è entrato ieri nella Siria nord-occidentale, tra le notizie sull'istituzione di nuove postazioni militari all'interno del Governatorato di Idlib.
 
Secondo i rapporti sul campo del governatorato di Idlib, riferiti dal portale Al Masdar news, il convoglio dell'esercito turco è entrato nella Repubblica araba attraverso il valico di Kafr Lousen, facendosi strada attraverso la regione nord-occidentale del paese.
 
I rapporti affermano che l'esercito turco, da quando si è ritirato dai propri posti di osservazione all'interno delle aree controllate dalle forze armate siriane, ha istituito nuovi punti all'interno della zona di Jabal Al-Zawiya, a sud di Idlib.
 
Aggiungono che questi nuovi posti di osservazione non sono lontani dalle linee del fronte dell'esercito arabo siriano a sud di Idlib, il che indica che tenteranno di bloccare le future offensive di quest'ultimo all'interno del governatorato.
 
Mentre l'esercito arabo siriano ha interrotto le operazioni di terra all'interno di Idlib, ci sono state forti indicazioni da Damasco su una nuova offensiva per ripulire le restanti aree sotto il controllo militante lungo l'autostrada strategica Latakia-Aleppo (M-4).
 
Intanto, L'esercito arabo siriano si prepara per una grande operazione contro l'ISIS-Daesh dopo mesi di combattimenti avanti e indietro nel centro e nell'est regioni del paese.
 
Secondo i rapporti del governatorato di Aleppo, l'esercito arabo siriano ha spostato i rinforzi dalla parte occidentale del paese alla parte nord-occidentale della regione di Badiya Al-Sham, mentre si preparano per un'operazione su larga scala contro lo Stato islamico.
 
Questa operazione pianificata arriva pochi mesi dopo che lo Stato Islamico ha iniziato a prendere di mira la parte orientale del Governatorato di Hama, una regione della Siria che avevano precedentemente abbandonato dopo la sconfitta nel 2017.
 
Questa operazione durerà probabilmente per diversi giorni e includerà la Syrian Arab Air Force (SyAAF), poiché lo Stato Islamico si è dimostrato difficile da rintracciare in questa vasta area desertica.
 
Sembra che l'operazione inizierà nella parte nord-occidentale della regione di Badiya Al-Sham, ma probabilmente si estenderà alle aree intorno all'area di Badiya Al-Sukhnah, zona è dove lo Stato Islamico ha ritagliato una grande roccaforte vicino a questa strategica città desertica a est di Palmyra (Tadmur).
 
L'ultima grande operazione contro lo Stato Islamico è avvenuta durante l'estate, quando le forze aerospaziali russe hanno condotto un attacco aereo su larga scala al gruppo terroristico vicino ai confini amministrativi dei governatorati di Homs e Deir Ezzor.
 

di Francesco Erspamer 

Diego ci disse 'hijos de puta'. Aveva ragione

di Paolo Desogus

Il tabù MES per i "progressisti rispettabili"

di Giorgio Cremaschi

Le 6 fake news di Bruno Vespa su Mussolini e il fascismo

di Thomas Fazi

Trent'anni di cazzate liberiste. Capitolo Fazio-Giannini

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti