TSMC. Come gli Usa stanno depredando l'isola cinese di Taiwan

TSMC. Come gli Usa stanno depredando l'isola cinese di Taiwan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Laura RU (dal suo canale Telegram @lauraruhk)

Gli Stati Uniti, attraverso il loro carnefice designato, il DPP, l'attuale partito di governo a Taiwan, stanno depredando quest'isola cinese.


La Taiwan Semiconductor Manufacturing Co (TSMC), che produce la metà dei microchip venduti nel mondo, si sta trasformando in USSMC. Martedì scorso, TSMC ha tenuto una cerimonia ufficiale per festeggiare il suo primo impianto in Arizona alla quale hanno partecipato, tra gli altri, il Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo e Joe Biden. In quell'occasione Biden ha ribadito che "la produzione americana è tornata". No, non si tratta di un ritorno della produzione americana negli Stati Uniti, ma della rapina di un'azienda che si è sviluppata per anni a Taiwan (Cina).

Il suo trasferimento non è il risultato naturale delle forze di mercato. Le pressioni politiche di Washington, i sussidi e gli incentivi sono alla base della costruzione dell'impianto della TSMC negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti stanno facendo carta straccia delle regole di mercato del commercio mondiale, proprio come un toro che irrompe in un negozio di porcellane, sconvolgendo sia regole che ordine.

La ricchezza accumulata dalla società taiwanese negli ultimi decenni viene sperperata dal DPP per dimostrare fedeltà a Washington. Dall'aumento degli acquisti di costosissime armi americane, all'autorizzazione delle importazioni di carne di maiale con ractopamina dagli Stati Uniti, fino al caso di TSMC, gli esempi negli ultimi anni non si contano piu'.

Il DPP sta cercando di costringere la TSMC a tagliare i ponti con le sue attività nella Cina continentale, causando un calo dei profitti e il trasferimento di migliaia di ingegneri della TSMC negli Stati Uniti, sottraendo forze produttive e cervelli a Taiwan.

PER APPROFONDIRE: 

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance di Giacomo Gabellini L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

L'autogol delle sanzioni alla Russia: il caso Reliance

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica di Michelangelo Severgnini La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

La Meloni cerca briciole tra la sabbia libica

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente