Zakharova: "Borrell è il funzionario UE più conflittuale di sempre"

Zakharova: "Borrell è il funzionario UE più conflittuale di sempre"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"Le idee che il massimo diplomatico dell'UE Josep Borrell diffonde tra gli Stati membri dell'Unione europea provocano una nuova divisione in Europa". Lo ha dichiarato sabato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova commentando la proposta in sei punti dell'Alto Rappresentante della politica estera Ue sul futuro rapporto del blocco sovranazionale con Mosca.

"Sfortunatamente, le idee che l'alto diplomatico dell'UE Borrell diffonde tra gli Stati membri dell'Unione Europea non offrono ricette per risolvere i problemi accumulati, come se la Russia e l'Unione Europea come vicini geografici e di civiltà potessero semplicemente allontanarsi l'una dall'altra", ha proseguito. "Si può vedere il desiderio di limitare le opportunità per i futuri leader politici di trovare una via d'uscita da questa profonda crisi. Senza dubbio, la maggior parte della società europea mostra la necessità di tutto il contrario nelle condizioni attuali", ha detto la portavoce.

"Il diplomatico spagnolo si è finora distinto come il funzionario di alto livello più conflittuale dell'UE di sempre, che sarà ricordato per i suoi bellicosi appelli a 'la guerra deve essere vinta sul campo di battaglia' e le dichiarazioni razziste sul 'giardino europeo' ' e 'la giungla' che affligge gli europei", ha ricordato la portavoce. È ancora presto per parlare dei risultati delle discussioni all'interno dell'UE sulle relazioni del blocco con la Russia mentre queste discussioni continuano, ma Mosca non si fa illusioni su questo punto, ha sottolineato la Zakharova.

Commentando nel dettaglio l'essenza della proposta in sei punti di Borrell, il diplomatico russo ha affermato che questa è la prova che il problema dell'Ucraina con il colpo di Stato del 2014 ispirato dall'Occidente è stato creato artificialmente come copertura ideologica per la situazione politica, economica, tecnologica e umanitaria contenimento della Russia per garantire l'egemonia dell'Occidente in Europa e nel mondo intero. "Questo è il motivo per cui non c'è una parola nelle proposte di J. Borrell sulla risoluzione della crisi ucraina attraverso i negoziati e in generale sulla garanzia della sicurezza in Europa", ha sottolineato Zakharova.

Bruxelles ha puntato sulla "destabilizzazione" della situazione politica interna in Russia, ripulendo lo spazio informativo dell'UE da punti di vista alternativi, assicurando i Balcani occidentali come sfera di influenza dell'UE, trasferendo la rivalità con Mosca nello spazio post-sovietico, ha sottolineato il diplomatico.

"Quest'ultima è l'idea ossessiva che è diventata di per sé un vero obiettivo per l'UE - un intento futile che sopporta esclusivamente i costi per i paesi dell'Unione Europea e i loro cittadini che devono pagare di tasca propria per gli errori strategici dei loro politici", Zakharova aggiunto.

"In modo indicativo, la maggior parte delle capitali mondiali non è pronta a seguire la Bruxelles dell'UE che, con la sua logica medievale, riporta il mondo al tempo delle spaccature, delle alte mura e delle fortezze assediate. Usando la terminologia odierna, si può dire che la leadership dell'UE che è stato apparentemente infettato da un virus politico anomalo ha deciso di autoisolarsi dalla Russia", ha proseguito la portavoce.

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti