Zyuganov: "Per la mobilitazione spirituale del Paese!"

Zyuganov: "Per la mobilitazione spirituale del Paese!"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"Summit di Samarcanda: per la prima volta nella storia dell'umanità, quattro civiltà - russa, cinese, indiana e persiana - hanno deciso di lavorare a stretto contatto per fermare la NATO e prevenire una nuova guerra"



di G.A. Zyuganov* - Presidente del Comitato Centrale del Partito Comunista della Federazione Russa;  intervento alla Duma, 20 settembre 2022. Da "La Pravda" n°105 (31308) 22 settembre 2022.

 (Versione italiana a cura di Fosco Giannini, direttore di "Cumpanis")

 

Cari colleghi! Abbiamo appena aperto una bellissima mostra, dal titolo "La vittoria è nostra!", alla Duma di Stato. Dopotutto, Dio non è in potenza, ma in verità! Ma, secondo me, è estremamente importante per tutti noi sbarazzarci delle illusioni e delle bugie che trasudano da tutti gli schermi televisivi.

La nostra storia insegna che abbiamo vinto solo quando ci siamo affidati al coraggio e alla dignità dei nostri cittadini, al loro desiderio di essere liberi, di parlare la loro lingua madre e di vivere serenamente in questi spazi aperti. Non è un caso che i russi siano riusciti a radunare 190 popoli e nazionalità sotto le loro insegne senza distruggere una sola fede, una sola cultura, senza umiliare una sola tradizione.

Ma oggi è in corso una grande guerra contro di noi e, purtroppo, anche in questa sala, non tutti si sono resi pienamente conto di cosa stia realmente accadendo. In Occidente questa guerra è diretta dai ministri della Difesa. Di recente, si sono riuniti in una base militare in Germania e hanno determinato esattamente quanti soldi, proiettili, mitragliatori sono necessari, quali obiettivi colpire, quanto pagare i mercenari. E per loro russi e ucraini sono solo carne da cannone. La guerra nella nativa Ucraina sta crescendo, acquisendo un carattere globale, irto di enormi pericoli e già segnato da enormi perdite.

I nostri amici e colleghi che vivono nel Donbass, nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, ora terranno referendum ed entreranno a far parte della Federazione Russa. E ciò lo sosteniamo attivamente, perché non hanno altra difesa che l'unità con la Patria Russa contro la violenza nazifascista.

Ma c'è anche un esempio incoraggiante in Oriente. I rappresentanti dei principali paesi con una visione diversa di questo mondo si sono recentemente riuniti a Samarcanda. Lì è stato proposto un modello di società, di destino comune e rispetto per tutte le lingue, culture e tradizioni. Per la prima volta nella storia dell'umanità, quattro civiltà - russa, cinese, indiana e persiana - nel corso della discussione su questi problemi hanno deciso di lavorare a stretto contatto per fermare la NATO e prevenire una nuova guerra.

Voglio ringraziare il presidente Putin. Ho seguito da vicino i suoi discorsi e devo dire che è stato svolto un lavoro colossale, che ha già portato ad accordi strategici molto importanti. Non è un caso che ieri il segretario del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa Patrushev abbia tenuto colloqui a Pechino. E continueremo questo lavoro eccezionalmente importante, anche attraverso il nostro partito, le forze patriottiche di sinistra e la Società dell'amicizia russo-cinese, guidata dal mio primo vice I.I. Melnikov. A proposito, quest'anno celebreremo il 65° anniversario della fondazione di questa società.

Oggi è necessaria una politica interna fondamentalmente diversa. Ho insegnato, cercando di dare coraggio, in una delle scuole della regione di Mosca, ho familiarizzato con i libri di testo di storia moderna e sono rimasto sorpreso: come  hanno fatto a fare uscire da questi libro la Grande Guerra Patriottica? Perché agli scolari viene insegnato solo l'esempio di quelle battaglie che la Russia ha condotto prima della Grande Rivoluzione d'Ottobre? Certo, la storia è indivisibile. Ma le tre più grandi, vittoriose, battaglie ebbero luogo vicino a Mosca, a Stalingrado e ad Orel-Kursk durante la Grande Guerra Patriottica, quando il paese sovietico liberò l'umanità dal nazismo e dal fascismo. Se invece oggi ripetiamo i “successi” della prima guerra mondiale, durante la quale abbiamo perso la statualità, allora non ci saranno nuove vittorie.

Quelli che compirono vent'anni durante la prima guerra mondiale erano una quarantina nel 1941. Furono loro che tornarono di nuovo al fronte e costituirono una parte significativa della già costituita Armata Rossa Sovietica. Ma nella prima guerra mondiale abbiamo subito una dura sconfitta e nella seconda abbiamo vinto. La domanda sorge spontanea: perché?

Perché nel primo caso, la lotta era per i soldi dei banchieri di Londra e Parigi, e non aveva senso che il soldato russo combattesse per loro. Poi alcuni hanno pregato, il secondo ha ballato, il terzo ha bevuto vodka, il quarto ha combattuto e il quinto ha tratto profitto. I proiettili per il fronte meridionale sono aumentati di prezzo sei volte grazie alla speculazione dei capitalisti locali. Portavano cognomi russi, ma non c'era più nulla di russo in loro: il "vitello d'oro" prese il sopravvento.

La seconda guerra mondiale non fu solo una guerra di motori, come alcuni sostengono. Fu una guerra di culture, ideologie, posizioni e intere civiltà. E l'abbiamo vinta. Il primo giorno di guerra, Sholokhov inviò un telegramma a Stalin affermando che stava consegnando il Premio Stalin al Fondo per la Difesa e che lui stesso era pronto a mettersi il cappotto militare e combattere al fronte. Simonov, Ehrenburg, Mikhalkov e altre figure di spicco della cultura sovietica fecero lo stesso.

E cosa vediamo adesso? Ci sono solo due programmi TV - Popov e Solovyov - che coprono più o meno adeguatamente gli eventi. Ma ci sono anche parecchi programmi che continuano a riversare ogni sorta di merda straniera sulla testa degli spettatori.

E guardate cosa sta succedendo nelle scuole e nelle università! Non abbiamo ministri competenti, comitati specializzati! Come puoi vincere in queste condizioni?

I soldati al fronte non capiscono cosa stia succedendo. E anche io, da militare, non capisco molto. Pertanto, ancora una volta insisto affinché il presidente della Duma di Stato inviti i nostri militari a una riunione a porte chiuse. Occorre anche discutere della situazione politico-militare. Sì, la strategia e la tattica militare sono di competenza dello Stato Maggiore Generale e del Comandante in Capo Supremo. Nessuno interferirà in questo, ci sono molti segreti. Ma la questione della coesione sociale ci riguarda direttamente. La nostra domanda diretta è la mobilitazione spirituale dei cittadini, la consapevole mobilitazione del popolo. Siamo davvero responsabili di questo.

Inoltre, è necessario sollevare la questione della fornitura materiale e tecnica del nostro esercito nel Donbass. E dobbiamo risolverlo. L'inverno sta arrivando e i nostri ragazzi non hanno né calzari caldi né mantelle. Abbiamo un povero esercito! E ve l'abbiamo detto mille volte!

Se Kashin non avesse allevato il suo popolo quando le truppe della NATO avevano già portato le loro armi e le loro attrezzature ad Arzamas, avrebbero già lanciato esercitazioni nel cuore stesso della Russia. Se noi, insieme a Kolomeitsev e Kharitonov, non avessimo condotto campagne contro la NATO in Crimea e Ulyanovsk, anche loro sarebbero strisciati lì. Siamo stati costretti a riconquistare interi impianti di difesa dagli americani. Quando sono arrivato con Maslyukov all'impresa in cui vengono prodotti i missili strategici Topol-M, ho semplicemente sussultato. Solo gli specialisti americani si sono seduti al controllo e al rilascio. E hanno distrutto tutte le nostre migliori invenzioni.

Abbiamo quindi salvato queste imprese. Ma oggi non vedo nuovi carri armati sul campo di battaglia, non vedo i carri armati delle nostre quattro grandi fabbriche andare al fronte.  Perché non vengono fatti uscire? Dobbiamo capire tutto questo. Dopotutto, queste domande riguardano ogni deputato. La nostra sicurezza dipende dalla loro decisione.

Cosa ci aspetta? Soprattutto ho paura del nuovo Khasavyurt. Ho visto come Gorbaciov, Yakovlev, insieme a Shevardnadze e tutto questo branco di ubriachi di Eltsin vendettero e tradirono il paese. Ho quindi pubblicato "Word to the People" - un appello ai cittadini del paese, per il quale ho lavorato due volte al Politburo e abbiamo lanciato cinquanta articoli diffamatori su misura. E oggi la prospettiva di Khasavyurt-2 mi spaventa. Una volta ho detto al generale Lebed: dacci i tuoi voti e insieme rettificheremo la situazione in modo pacifico. Ma ha rinunciato a tutto a Khasavyurt, e poi i militari hanno sputato sangue e siamo stati costretti a tornare di nuovo in Cecenia due anni dopo.

Ora di nuovo ci sono voci che tutto deve essere consegnato. Ma anche se lo fai, la banda della NATO non si fermerà. Erano soddisfatti nel 1991, quando si verificò il crollo dell'Unione Sovietica, quando seguì la nostra resa nel campo dell'ideologia, quando i valori liberali e il mercato furono introdotti secondo le ricette distruttive di Gaidar e Chubais. Di conseguenza, più di ottantamila imprese furono vendute e distrutte.

Ora il nemico non si accontenterà di nessun risultato se non della nostra completa sconfitta. Il suo obiettivo attuale è lo smembramento, la divisione e la completa liquidazione della Russia. Pertanto, tutti dovranno mobilitarsi, indipendentemente dall'appartenenza partitica, nazionale e culturale. Questa è la legge ferrea della guerra: o vittoria o sconfitta. Ma la sconfitta significherà la definitiva rottura del nostro stato millenario.

È necessario sferrare colpi potenti alle infrastrutture di trasporto attraverso le quali la NATO fornisce armi all'Ucraina. E lì avrei paralizzato tre strade, due ponti e due tunnel, attraverso i quali passa questa scorta. Abbiamo forze e mezzi più che sufficienti per questo. E nuovi cannoni e proiettili smetterebbero di arrivare nel Donbass. Questo problema avrebbe potuto essere risolto molto tempo fa. Quindi discutiamo la sua decisione in una riunione a porte chiuse.

Ho prestato servizio tre volte nell'esercito e ho partecipato a tutte le principali esercitazioni con l'imitazione delle esplosioni nucleari. Pertanto, credo che oggi sia necessario condurre un'operazione militare a tutti gli effetti, compresa la mobilitazione parziale. Nessuno parla di personale, ce n'è abbastanza. Ma stiamo parlando del fatto che l'esercito ha bisogno di rifornimenti, supporto, coordinamento del combattimento. E questi problemi sono completamente risolvibili.

Americani, inglesi, francesi e polacchi prepararono tre divisioni che presero Izyum. Cosa, non l'abbiamo visto? Cosa, non l'abbiamo capito? Allora agiamo! Dopotutto, stiamo parlando di un fronte con una lunghezza non di 200, ma di 1.200 chilometri. E questo è un ambiente operativo completamente diverso e un diverso livello di gestione. Pertanto, è necessaria la creazione di un'infrastruttura adeguata. Ripeto ancora una volta: sono favorevole a unire gli sforzi al massimo e ad assicurare il successo.

Quanto alla nostra responsabilità personale: teniamo tutte le audizioni e le riunioni necessarie e sosteniamo il più possibile l'operazione militare speciale! Mi rivolgo a giornalisti e leader dei media. Studiate i rapporti dell'Ufficio informazioni sovietico durante la Grande Guerra Patriottica. Lì si parla di ogni città che consegnammo ai nazisti. Abbiamo ceduto Kharkiv due volte e poi l'abbiamo ripresa. E i nemici lo sanno. Quindi non c'è bisogno di essere astuti. La verità è l'arma principale sul campo di ogni battaglia! E se non conosci la reale situazione operativa, non assicuri la vittoria.

Siamo inoltre obbligati a fare di tutto per ripristinare le regioni distrutte. Ora ci stiamo preparando per l'inverno e ciò richiede sforzi speciali. Ringrazio tutta la nostra squadra: Kashin, Kolomeitsev, Kharitonov, Savitskaya, Sinelshchikov, Kalashnikov e altri compagni. Abbiamo già inviato il 101° convoglio umanitario nel Donbass e il 102° è in preparazione per l'invio. Migliaia di bambini del Donbass sono stati ricevuti nella regione di Mosca e continuiamo a riceverli. Esorto tutti a mobilitarsi il più possibile per ottenere la vittoria nel Donbass. Ripeto ancora una volta: si tratta della nostra sopravvivenza storica!

 

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti