14 luglio in Francia. Primi scontri a Parigi sull'obbligo vaccinale

14 luglio in Francia. Primi scontri a Parigi sull'obbligo vaccinale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nella nazione della rivoluzione francese e dei gilet gialli, qualcuno si aspettava davvero che i cittadini avrebbero accettato supinamente la dichiarazione di sospensione della democrazia annunciata da Macron?

Sì. Qualcuno non solo ha sottovalutato il popolo francese e la sua capacità di organizzarsi e reagire in pochissimo tempo, ma ha anche scioccamente esaltato il "modello francese" per imporlo in Italia.

"Milioni di vaccini prenotati in Francia dopo il discorso di Macron", titolano stamani i media italiani e pontificano i politici e i vaccinologi al di qua della linea Maginot.

Senza aver guardato il calendario....

Oggi è una giornata particolare per la Francia, un giorno di orgoglio nazionale che non è assolutamente paragonabile alle nostre parate di rito.

È il giorno della presa della Bastiglia, della rivoluzione contro il potere.

Poco importa se alla rivoluzione francese è seguita la restaurazione, poco importa, per i francesi, se si è trattato di un regime change tra aristocrazia e borghesia e che il quarto stato sia stato manipolato e tradito.

Per la Francia il 14 luglio è la data simbolo della possibilità di rivolta, è qualcosa di vivo, di profondamente "nazionale", non è una mera rievocazione storica.

E questo Macron non poteva ignorarlo, come invece sembrano misconoscere i commentatori nostrani.

Proibire alla parata del 14 luglio la partecipazione di chi non ha il green pass è stata una provocazione per vedere l'effetto che fa?

La Francia è scesa in piazza, in tutte le città più importanti.

 

 

Fiumi di cittadini festeggiano la rivoluzione francese al grido di "liberté", contro il "passeport sanitaire", contro l'obbligo vaccinale, contro la dittatura, contro la discriminazione.

Sono scesi in centinaia di migliaia (già ieri in alcune città) dalla Corsica a Nantes a Parigi, da Montpellier a Bordeaux a Perpignan, famiglie si riversano nelle strade, per rivendicare la propria festa della libertà.

Macron viene fischiato durante la parata.

 

 

 

Intanto le forze dell'ordine in tenuta antisommossa e autoblindo stanno intervenendo violentemente per disperdere i manifestanti.

Lanci di lacrimogeni e strade bloccate a Parigi e Nantes.

Nei video i primi scontri a Parigi

 

 

 

 

Ma anche nelle altre città della Francia la tensione tra cittadini e forze dell'ordine sta crescendo. Vi terremo aggiornati su l'AntiDiplomatico.

 

 

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa, antropologa, giornalista certificata Wrep Blockchain

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti