Addomesticare la popolazione le istituzioni internazionali: Il piano USA per contenere la Cina

1889


Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha delineato una politica di contenimento della Cina "stile Kennan", che spera contribuirà a minare la sua forza economica e mantenere un ordine mondiale guidato da Washington, ha rivelato un documento trapelato.
 
Il documento di 70 pagine intitolato “The Elements of the China Challenge” è stato preparato dall'Office of Policy Planning del Dipartimento di Stato e pubblicato da Axios ieri. Il piano segue le linee del " Long Telegram ", un progetto di politica estera degli anni '40 scritto dall'allora ambasciatore degli Stati Uniti presso l'Unione Sovietica George Kennan, che descrisse il paese come "impermeabile alla logica della ragione" ma "altamente sensibile alla logica di forza” e ne sostenne il contenimento.
 
"The Elements of the China Challenge" è pieno di sfumature conservatrici e promuove "l'eccezionalismo" americano, ma non rientra completamente nel regno dello "scontro di civiltà". Quella struttura è stata espressa in modo evidente dall'ex capo dell'Ufficio per la pianificazione politica, Kiron Skinner, che inizialmente aveva guidato il lavoro sul piano. L'anno scorso ha paragonato la concorrenza del suo paese con l'URSS alla rivalità in corso con la Cina, dicendo che la prima era "una lotta all'interno della famiglia occidentale" mentre la seconda è "sorprendente" nel senso che "è la prima volta che avremo un grande concorrente di potere che non è caucasico".
 
Cattivi comunisti
 
Il nuovo documento del Dipartimento di Stato dice che è tempo di dissipare "l'ottimismo stellato riguardo [alla Cina] che ha distorto la politica degli Stati Uniti" nei suoi confronti per molti anni. Washington dovrebbe considerare la Cina una minaccia all ' "ordine mondiale stabilito", guidato da "una miscela distintiva di marxismo-leninismo e ... una versione estrema del nazionalismo cinese" del partito comunista al potere. 
 
Afferma che la Cina per natura ha debolezze intrinseche, inclusi vincoli all'innovazione, difficoltà nel formare alleanze, squilibrio demografico, degrado ambientale, corruzione persistente e costi per mantenere l'ordine a casa o, come lo descrive il documento, "monitoraggio, censura e indottrinare 1,4 miliardi di persone in Cina ".
 
C'è anche "la malattia, la morte e la devastazione sociale ed economica causata in tutto il mondo dalla pandemia Covid-19 nata a Wuhan" , che, secondo il Dipartimento di Stato, ha portato alla rabbia internazionale per il "disprezzo per la vita umana, l'indifferenza a Pechino il benessere di altre nazioni e il mancato rispetto delle norme e degli obblighi internazionali ".
 
Il documento sottolinea che Washington incolpa la leadership cinese piuttosto che la cultura cinese. "Libertà e democrazia" possono prosperare in Cina "come fanno a Taiwan e nella Corea del Sud, e hanno fatto a Hong Kong" , dice.
 
 
Garantire l'ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti
 
Affrontare la "sfida della Cina" richiederà un "approccio su più fronti" che "consentirà agli Stati Uniti di garantire la libertà" in patria e per il resto del mondo. Il Dipartimento di Stato elenca dieci punti di azione necessari per contenere la Cina.
 
In patria Washington ha bisogno di "preservare l'ordine costituzionale", " promuovere un'economia in crescita basata su un mercato libero" e "coltivare una società civile vivace". Deve "mantenere le forze armate più potenti, agili e tecnologicamente sofisticate del mondo" per proteggere gli interessi commerciali dell'America. 
 
C'è anche molta istruzione da fare, sia per avere un vantaggio competitivo nella scienza e nella tecnologia, sia per creare un quadro di specialisti in studi cinesi. Diplomatici americani, strateghi militari, economisti, tecnologi e teorici politici "devono essere esperti nella lingua, nella cultura e nella storia del paese" , si precisa nel documento, il che implica una carenza di esperienza cinese negli Stati Uniti.
 
Anche il popolo americano deve essere istruito sulla minaccia cinese, perché "ci si può aspettare che solo una cittadinanza informata sostenga il complesso mix di politiche impegnative che consentiranno agli Stati Uniti di garantire la libertà". L'istruzione "consentirà agli studenti di assumersi le durevoli responsabilità della cittadinanza in una società libera e democratica e di soddisfare le esigenze speciali" di un'economia moderna.
 
A livello internazionale, "Elements of the China Challenge" afferma che gli Stati Uniti devono rivalutare "il loro sistema di alleanze e la panoplia delle organizzazioni internazionali". Gli alleati ( "le democrazie del mondo e altri partner affini" ) saranno tenuti a sottoscrivere una condivisione più efficiente delle responsabilità. Le organizzazioni internazionali dovranno essere riformate "ove possibile" e messe da parte "ove necessario" da nuove organizzazioni costruite dagli Stati Uniti.
 
Gli Stati Uniti dovranno ancora cooperare con la Cina semplicemente a causa della loro potenza economica, ma uno dei suoi obiettivi primari è quello di "eliminare la dipendenza dalla Cina per materiali e beni critici" per sé e per i suoi alleati.
 

 

Grande competizione di potere
 
Il documento trapelato si adatta alla logica della "grande competizione di potere", che è diventata il fulcro della politica estera dell'amministrazione Trump ma può essere fatta risalire al "perno dell'Asia" del suo predecessore, Barack Obama. La necessità di una percezione dell'America come una forza unicamente predisposta a governare gli affari globali gode anche di un consenso bipartisan a Washington.
 
Gli Stati Uniti vedono la Cina e, in misura minore, la Russia come nazioni "revisioniste" che cercano di smantellare il mondo unipolare post-Guerra Fredda. Washington li accusa di autoritarismo e li accusa di vari misfatti, come sopprimere il dissenso in patria, incoraggiare la corruzione in altre nazioni per approfittarne, l'avventurismo militare.
 
Entrambi i paesi in realtà sostengono il multilateralismo e il diritto delle nazioni sovrane di adottare sistemi politici che ritengono più adatti alle loro culture e bisogni. Dicono che la critica sia solo una parte dello sforzo degli Stati Uniti per stare al passo con la concorrenza usando il potere politico dopo aver fallito nel vincere economicamente.
 

di Francesco Erspamer 

Diego ci disse 'hijos de puta'. Aveva ragione

di Paolo Desogus

Il tabù MES per i "progressisti rispettabili"

di Giorgio Cremaschi

Le 6 fake news di Bruno Vespa su Mussolini e il fascismo

di Thomas Fazi

Trent'anni di cazzate liberiste. Capitolo Fazio-Giannini

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti