Ambasciatore italiano in Russia, riceve dose di Sputnik V: "Nessun effetto collaterale. Non politicizzare i vaccini"

Ambasciatore italiano in Russia, riceve dose di Sputnik V: "Nessun effetto collaterale. Non politicizzare i vaccini"

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Secondo quanto riferiscono i media russi, è stata inoculata all'ambasciatore italiano in Russia, Pasquale Terracciano, la prima dose del vaccino Sputnik V di fabbricazione russa.

Il nostro rappresentante a Mosca ha criticato i “tentativi di politicizzare” la questione del vaccino per il Covid-19 e delle cure mediche.

“Ho fatto una vaccinazione con il vaccino russo annunciato ad agosto, Sputnik V. Non ho avuto particolari effetti collaterali. Prossimamente farò un test degli anticorpi ”, ha dichiarato ieri Terracciano.

Ha aggiunto di trovare “profondamente deplorevole” che durante una pandemia ci siano stati tentativi di “politicizzare” la questione della vaccinazione e delle cure fornite.

Il diplomatico ha affermato di non avere intenzione di confrontare diversi vaccini e determinare quale fosse il migliore, sottolineando che il governo italiano ritiene che sia "importante cooperare con tutti i paesi in questo campo".

Il produttore del vaccino Sputnik V ha riferito di aver ricevuto richieste per 1,2 miliardi di dosi del vaccino da più di 50 paesi. Gli studi clinici di fase tre sono pianificati o sono già in corso in diverse nazioni, tra cui Bielorussia, Emirati Arabi Uniti, India, Egitto e Brasile. Il jab russo è già stato approvato per l'uso da Serbia, Venezuela, Algeria, Argentina, Paraguay e Bolivia.

Quindi, il nostro personale diplomatico in Russia come negli altri paesi sopra elencati verrà sottoposto ad un vaccino, Sputnik V, che non è il Pfizer, tantomeno il Moderna.

A questo punto, se sottoponiamo un ambasciatore e altro personale diplomatico a Sputnik V, vuol dire che non è rischioso. Nessun governo metterebbe a rischio la vita dei suoi funzionari se ci fosse il minimo dubbio sull'efficacia del vaccino russo.

Ergo, se la fornitura di Pfizer e Moderna si sta rivelando così complicata, almeno dal punto di vista logistico, come la conservazione a -80 gradi, perché il nostro Governo non chiede forniture alla Russia per Sputnik V? Tra l'altro non ha bisogno di essere conservato in particolari frigoriferi. Sputnik V può essere conservato tra i 2 e gli 8 gradi Celsius.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Lo stolto guarda la McKinsey mentre... di Thomas Fazi Lo stolto guarda la McKinsey mentre...

Lo stolto guarda la McKinsey mentre...

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey di Giuseppe Masala Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

Che cosa significa affidare il Recovery Plan a McKinsey

Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria) di Pasquale Cicalese Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria)

Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria)

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti