Archivi russi. Mussolini chiese a Hitler parte dell'URSS

Archivi russi. Mussolini chiese a Hitler parte dell'URSS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nelle fasi della seconda guerra mondiale in cui la Germania nazista sembrava avere la meglio contro l'Unione Sovietica, Benito Mussolini sperava di stabilire il potere sulle regioni sud-occidentali dell'URSS e rivolse questa domanda a Hitler, che evitò una risposta specifica.

Lo affermano i materiali d'archivio declassificati dei servizi segreti stranieri russi - pubblicati nella raccolta "I servizi segreti esteri della Federazione russa. Documenti e testimonianze", resi noti da Ria Novosti.

Tra i documenti resi pubblici c'è un telegramma cifrato inviato il 3 dicembre 1941 da Londra a Mosca con lo pseudonimo operativo "Vadim" da un'ufficiale dell'intelligence, residente in Gran Bretagna, Anatoly Gorsky. L'intelligence sovietica aveva accesso a molti dei materiali di Londra sui piani del Terzo Reich.

"Indirettamente, abbiamo ricevuto conferma da un importante funzionario italiano che Mussolini intende, dopo la distruzione della Russia, ricevere diritti speciali per stabilire un protettorato italiano nel sud-ovest della Russia", riferì Gorsky.

LEGGI FALSI STORICI DI FABRIZIO POGGI

 

"Mussolini ha sollevato la questione con Hitler negli ultimi incontri, ma Hitler ha evitato una risposta diretta. Hitler ha risposto che nulla potrebbe essere affrontato prima della fine della campagna. La prima necessità per l' Italia ora deve essere quella di rafforzare l'esercito italiano sul fronte orientale. Mussolini ha promesso a malincuore di inviare altre truppe sul fronte orientale per avere comunque certe rivendicazioni sul territorio", aggiunse l'agente Vadim.

La raccolta "Servizio di intelligence straniera della Federazione Russa. Documenti e testimonianze" rivela per la prima volta, utilizzando materiali d'archivio, le principali pietre miliari nella storia dell'intelligence straniera russa dal momento della sua creazione, avvenuta il 20 dicembre 1920, fino ai giorni nostri. 

La maggior parte dei documenti inclusi nella raccolta vengono messi per la prima volta in circolazione a disposizione degli studiosi. 

La raccolta utilizza materiali provenienti dagli archivi dell'SVR , dall'Archivio centrale dell'FSB , dall'Archivio del presidente della Federazione Russa, dall'Archivio di Stato russo di storia sociale e politica e altri.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti