Attentato a Istanbul. Il ministro degli interni turco critica le condoglianze Usa

Attentato a Istanbul. Il ministro degli interni turco critica le condoglianze Usa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministro degli Interni turco Soumeylan Soylu ha aspramente criticato le condoglianze ufficiali degli Stati Uniti in relazione all'attacco terroristico di Istanbul di domenica, osservando che una risposta al riguardo seguirà nel prossimo futuro.



“Ritengo che le condoglianze espresse oggi dagli Stati Uniti possano essere valutate come se l'assassino fosse uno dei primi a giungere sul luogo dell'attacco. La risposta a questo messaggio sarà molto chiara, spero, in un futuro molto prossimo", ha citato le parole del ministro turco la A-khaber TV.

Il capo del ministero dell'Interno turco, che tra l'altro non ha reso noto il testo delle condoglianze USA così sgradito, ha promesso "di rispondere molto presto per il dolore vissuto nella regione di Beyoglu" :

“Ripeto, la risposta a chi ci ha causato questo dolore sarà molte volte più forte di quella che abbiamo vissuto. Sappiamo quale messaggio vogliono inviarci con un perfetto atto di violenza. Abbiamo capito, che nessuno si preoccupi delle ritorsioni", ha detto.

L'uomo che ha piazzato la bomba sulla famosa strada turistica Istiklal di Istanbul è stato arrestato. Presumibilmente è coinvolto nel Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), che le autorità turche considerano un gruppo terroristico. L'esplosione è avvenuta il 13 novembre nella principale via pedonale della città di Istanbul, Istiklal Caddesi, uno dei percorsi a piedi più popolari tra i turisti, dove ci sono un gran numero di caffè e negozi. E dove si trova anche il consolato russo.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha detto che sei persone sono rimaste uccise e ha definito l'incidente un "attacco traditore", promettendo che gli autori sarebbero stati puniti.

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente