Canale di Suez bloccato. Quali sono le ripercussioni?

Canale di Suez bloccato. Quali sono le ripercussioni?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'Autorità del Canale di Suez (SCA) ha riferito giovedì di aver sospeso il traffico lungo il canale a causa di un'enorme nave porta-container rimasta incagliata, come informa l’agenzia Reuters. 

La Ever Given, una nave battente bandiera di Panama che trasporta merci tra l'Asia e l'Europa, si è arenata nello stretto canale artificiale che divide l'Africa continentale dalla penisola del Sinai. Da allora, gli sforzi per liberare la nave utilizzando draghe, scavi e l'aiuto delle alte maree si sono rivelati inutili a disincagliare la nave porta-container, incidendo sul carico di miliardi di dollari.

In segno delle turbolenze globali che il blocco ha causato, l'armatore giapponese della nave ha persino offerto scuse scritte per l'incidente.

"Siamo determinati a continuare a lavorare sodo per risolvere questa situazione il prima possibile", ha affermato Shoei Kisen Kaisha Ltd.. "Vorremmo scusarci con tutte le parti colpite da questo incidente, comprese le navi che viaggiano e che intendono viaggiare attraverso il Canale di Suez".

Oltre alle catene di approvvigionamento globali già ridotte a causa della pandemia causata dal nuovo coronavirus, la più importante rotta marittima del mondo è adesso paralizzata.

Quali sono le principali conseguenze?

Se il canale dovesse rimanere bloccato ancora a lungo i prezzi del greggio continuerebbero probabilmente a salire. Questo perché il 12% del commercio globale e l'8% del gas liquefatto attraversano il canale. Stiamo parlando di quasi un milione di barili di petrolio ogni giorno.

La chiusura potrebbe influenzare le spedizioni di petrolio e gas in Europa dal Medio Oriente, che si affida al canale per evitare di navigare in Africa. Il prezzo del greggio Brent di riferimento internazionale è stato di oltre 63 dollari al barile.

L’incagliamento avvenuto martedì segna solo l'ultimo espisodio che ha colpito i marinai nel bel mezzo della pandemia. Centinaia di migliaia di lavoratori marittimi sono rimasti bloccati a bordo delle navi a causa della pandemia. Nel frattempo, le richieste di navigazione sono aumentate, accrescendo così la pressione sui marinai stanchi.

Inoltre i futures sul petrolio greggio NYMEX WTI sono scesi del 2% nella sessione notturna. 

Inaugurato nel 1869, il Canale di Suez fornisce un collegamento cruciale per petrolio, gas naturale e merci. Rimane anche una delle maggiori fonti di guadagno di valuta estera per l'Egitto. Nel 2015, il governo del presidente Abdel-Fattah el-Sissi ha completato un'importante espansione del canale, consentendogli di ospitare le navi più grandi del mondo. Tuttavia, l'Ever Given si è arenata proprio a sud di quella nuova porzione del canale.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti