Che tipo di segretario di Stato potrebbe essere Antony Blinken?

Che tipo di segretario di Stato potrebbe essere Antony Blinken?

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.



di Andrew Korybko - OneWorld
 

Il candidato presidenziale democratico e vincitore delle elezioni Joe Biden ha annunciato che nominerà il suo stretto consigliere Antony Blinken come prossimo Segretario di Stato degli Stati Uniti. Blinken è un veterano democratico esperto nel campo della politica estera che proviene da una famiglia di diplomatici. In precedenza è stato consigliere per la sicurezza nazionale di Biden quando era vicepresidente, nonché vice consigliere per la sicurezza nazionale e vice segretario di Stato di Obama. L'enorme esperienza che Blinken porterà a una possibile amministrazione Biden significa che il mondo può aspettarsi un ritorno alla politica estera nordamericana dell'era Obama.

 

I resoconti dei media indicano che la sua personalità è l'esatto opposto dell'attuale Segretario di Stato Mike Pompeo. Mentre Pompeo è sfacciato, Blinken è umile, e questa differenza chiave potrebbe svolgere un ruolo di primo piano nel riparare la reputazione danneggiata degli Stati Uniti all'estero dopo gli ultimi quattro anni di dichiarazioni roboanti di politica estera dell'attuale presidente degli Stati Uniti Trump. Tuttavia, questa impressione non significa che Blinken non sia decisivo. Alcuni media affermano che era a favore del fatto che l'ex presidente Obama bombardasse la Siria durante la crisi delle armi chimiche del 2013, e l'ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia Michael McFaul ha rivelato alcuni altri dettagli interessanti.

 

Secondo il Financial Times Blinken faceva parte di un gruppo segreto di Democratici chiamato "Phoneix Initiative". L'ex ambasciatore ha affermato di aver iniziato a riunirsi nel 2004 dopo la sconfitta dell'ex candidato alla presidenza, il democratico Kerry, contro il presidente in carica Bush Jr. I loro dibattiti consistevano presumibilmente in argomenti appassionati a sostegno di strategie di sicurezza nazionale più solide, dove Blinken sostiene fortemente i "diritti umani" secondo McFaul.

 

Ciò è correlato alla politica estera degli Stati Uniti dell'era Obama di sostenere le rivoluzioni colorate e i cosiddetti "interventi umanitari" in tutto il mondo in paesi diversi come l'Ucraina e la Libia rispettivamente con tali pretesti. Gli osservatori potrebbero quindi essere preoccupati che queste politiche possano ripetersi sotto un'eventuale Presidenza Biden, che a sua volta potrebbe essere destabilizzante per l'Europa orientale e il Medio Oriente, soprattutto se quei suddetti processi fossero armati allo scopo di contenere geopoliticamente Russia e Iran. È troppo presto per dire se sarà così, ma vale comunque la pena notarlo.

 

Blinken è stato anche critico nei confronti della Russia negli ultimi anni e nel 2017 ha persino affermato che "la collusione in corso del presidente con i piani della Russia è davvero sorprendente, intenzionale o meno che sia”. È quindi improbabile che sovrintenda a qualsiasi miglioramento delle relazioni con la Russia, il che è preoccupante perché le due potenze nucleari dovrebbero rinegoziare un nuovo trattato sulle armi strategiche dopo la scadenza del Nuovo START all'inizio del prossimo anno. Non farlo per ragioni possibilmente legate ai sospetti infondati di Blinken sulle relazioni dell'allora presidente Trump con la Russia (che non sono mai state provate nonostante diversi anni di indagini) peggiorerebbe l'insicurezza globale.

 

Sul tema dell'Iran, invece, sembra essere molto più pragmatico. Blinken ha sostenuto l'accordo nucleare del 2015 e probabilmente vedrebbe di buon occhio gli Stati Uniti tentare di tornare sui propri passi sotto una presidenza Biden. Anche se ciò potrebbe riparare le relazioni americano-iraniane, potrebbe anche inavvertitamente peggiorare i legami storici degli Stati Uniti con Israele e Arabia Saudita, entrambi totalmente contrari all'accordo. Tuttavia, rappresenterebbe un ritorno simbolico all'ordine basato su regole sancito dalle Nazioni Unite se Blinken dovesse sovrintendere al ritorno degli Stati Uniti a quel patto. Finora, si può concludere che probabilmente potrebbe essere più duro con la Russia ma più flessibile con l'Iran, ma la sua posizione nei confronti della Cina non è chiara.

 

Lo stesso articolo precedentemente citato del Financial Times riporta che Blinken ha dichiarato a un intervistatore durante un recente podcast che “gli Stati Uniti devono ricostruire alleanze per affrontare la 'recessione democratica' avviata dal signor Trump che ha permesso 'alle autocrazie dalla Russia alla Cina. . . sfruttare le nostre difficoltà". Questo suggerisce che potrebbe condividere alcuni dei sospetti del suo predecessore sulla Cina e quindi essere meno pragmatico nei suoi confronti di quanto alcuni avessero inizialmente sperato dopo aver sentito per la prima volta che Biden era stato indicato dai media come il prossimo presidente eletto. Le sue opinioni ideologiche nei confronti della governance suggeriscono che potrebbe persino provare a rafforzare le alleanze regionali degli Stati Uniti su base "democratica".

 

Si può solo sperare che Blinken non lasci che le sue opinioni personali lo rendano cieco al fatto che gli Stati Uniti non hanno altra scelta che cooperare pragmaticamente con la Cina nonostante i diversi sistemi di governo dei due paesi. Vedere il mondo in termini in bianco e nero di noi-contro-loro rispetto alle democrazie contro ciò che considera autocrazie sarebbe il modo sbagliato di affrontare i rapporti con la Repubblica Popolare Cinese. Potrebbe anche comportare che un'eventuale amministrazione Biden rovini la possibilità di avviare in un riavvicinamento completo con la Cina verso ciò che alcuni hanno previsto potrebbe persino diventare una Nuova Distensione tra i due paesi se il riavvicinamento avrà successo.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

Potrebbe anche interessarti

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo di Francesco Erspamer  Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Trump e la quinta colonna del peggior capitalismo

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco di Paolo Desogus Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

Censura web. Da Trump a Il Manifesto ci è voluto poco

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE di Giorgio Cremaschi 29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

29 DICEMBRE 1890 STRAGE DI WOUNDEED KNEE

E ora che succede con la seconda dose Pfizer? di Francesco Santoianni E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

E ora che succede con la seconda dose Pfizer?

La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica   di Bruno Guigue La farsa di Capitol Hill  e la fiction democratica

La farsa di Capitol Hill e la fiction democratica

I deliri darwinisti di Monti di Antonio Di Siena I deliri darwinisti di Monti

I deliri darwinisti di Monti

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti