Chi ha a cuore la neutralità della Svizzera può dirle addio

Chi ha a cuore la neutralità della Svizzera può dirle addio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questo interessante approfondimento della politica estera svizzera nel nuovo contesto geopolitico creatosi nello scontro attuale tra Nato e Russia.




di Pascal Najadi - Vision e Global Trends


Purtroppo lo smantellamento delle nostre fondamenta secolari è iniziato. Basta guardare il modo in cui il nostro Paese si è posizionato rispetto alla guerra in Ucraina.

Poco dopo l’inizio delle ostilità, il presidente Ignazio Cassis ha detto pubblicamente al presidente ucraino Volodymyr Zelensky:

“Siamo impressionati dal coraggio con cui il vostro popolo sta combattendo per la libertà e la pace” e, “Siamo impressionati dal modo in cui lei difende i valori fondamentali del mondo libero, che sono anche i nostri valori fondamentali”.

I suoi sentimenti riflettono l’opinione ampiamente diffusa che l’invasione russa dell’Ucraina sia stata mortale, distruttiva e dirompente, oltre che non necessaria. Le bandiere ucraine sono state sventolate in tutto il Paese in segno di solidarietà. Sono state organizzate manifestazioni a favore dell’Ucraina. Secondo Swissinfo.ch, si stima che a Zurigo abbiano partecipato 40.000 persone, mentre a Berna si è arrivati a 20.000. La dimensione emotivamente evocativa della guerra non può essere negata.

Al di là di questo, però, le osservazioni del presidente nascondono dei pregiudizi. Questi possono essere visti meglio se inseriamo nelle sue osservazioni un pregiudizio russo.

Ecco le ipotetiche osservazioni che il presidente Cassis avrebbe potuto fare al presidente Vladimir Putin:

“Siamo impressionati dal coraggio con cui il vostro popolo si batte per ottenere garanzie di sicurezza di fronte all’avanzata ostile della NATO verso i vostri confini” e “Siamo impressionati dal modo in cui il vostro popolo si batte per ottenere garanzie di sicurezza”,

“Siamo impressionati dal modo in cui vi difendete dalla diffusione del neonazismo nell’Europa moderna, una causa coerente con i nostri valori fondamentali”.

Questo riflette chiaramente la parte russa. Ogni punto di vista ha i suoi presupposti. Una posizione neutrale sarebbe quella di non favorire nessuno dei due. Ma la Svizzera non ha scelto questa strada. Il nostro governo ha agito in un modo che suggerisce partigianeria, non neutralità.

Un altro esempio è la “Conferenza per la ripresa dell’Ucraina” convocata dai presidenti Cassis e Zelensky. Si è tenuta a Lugano nel mese di luglio. Gli organizzatori riferiscono che “hanno partecipato oltre 1000 persone, tra cui 5 capi di Stato e di governo, 23 ministri e 16 viceministri”.

È indubbio che prima o poi l’Ucraina avrà bisogno di aiuto per la ripresa. Ma c’è un pregiudizio implicito che viene facilmente trascurato. È che ci deve essere un vincitore e un perdente nella guerra, e che la Russia è il presunto perdente. Questo esclude la possibilità di una conclusione reciprocamente accettabile. Al contrario, richiede il dominio di una parte sull’altra.

Il Presidente dovrebbe prendere atto della gravità della situazione. Non si tratta di un conflitto regionale nei Balcani. Non è come la lotta dei leader baltici per liberare i loro Paesi dai resti del periodo sovietico. Stiamo parlando di un conflitto che mette francamente la Russia contro gli Stati Uniti. Solo loro sono superpotenze nucleari preminenti con la capacità di infliggere danni diffusi al pianeta. L’assenza di una soluzione veramente pacifica per l’Ucraina potrebbe realisticamente portare all’inizio della Terza Guerra Mondiale e, data la tendenza del presidente Cassis, la Svizzera sarebbe probabilmente un combattente. È questo il punto in cui vogliamo essere?

Quando il Presidente ha lodato l’Ucraina per la sua lotta per la pace, non è stato onesto. Le circostanze parlano chiaro sul fatto che stava parlando di dominio e non di una risoluzione pacifica.

Sostenere il dominio non è una posizione neutrale. È una posizione pericolosa. Le azioni del nostro Presidente non si addicono al patrimonio svizzero. Dovrebbe proteggerlo, non distruggerlo.

Una posizione costruttiva per la Svizzera sarebbe quella di invocare la nostra dedizione alla neutralità e di cercare una pace che sia veramente pacifica. Questo sarebbe il modo svizzero di fare le cose.

Invece, sotto la guida di Cassis, vediamo sulle nostre strade un numero crescente di auto di lusso con targa ucraina: BMW, Mercedes, Bentley. C’è da chiedersi quanti dei loro proprietari ricevano ora da noi i benefici dello status S.

Una Svizzera fedele alle sue radici, con un ritorno a un’onesta neutralità, potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nel portare la guerra in Ucraina a una conclusione pacifica.

Intensificare la guerra non è la risposta per porvi fine. Il semplice riversare più armi in Ucraina non è la soluzione. Anzi, è un’azione di escalation.

Una soluzione veramente pacifica deve essere trovata attraverso la diplomazia, non promuovendo più morte e distruzione.

Francia e Germania hanno fatto insieme un tentativo fallito di avanzamento diplomatico. Si parla generalmente di accordi di Minsk. Inizialmente avevano l’apparenza del successo. Quando il conflitto armato era ancora limitato alla regione del Donbass, la Russia e l’Ucraina si erano accordate per un cessate il fuoco e per l’integrazione delle repubbliche del Donbass nell’Ucraina in modo reciprocamente soddisfacente.

Entrambi i firmatari, tuttavia, si sono successivamente accusati a vicenda di rifiutarsi di attuare l’accordo. Alla fine Francia e Germania non hanno ottenuto nulla per promuovere il rispetto dell’accordo.

A posteriori, ciò non dovrebbe sorprendere. Sono entrambi membri della NATO e sono attivamente impegnati a sostenere le ostilità. Se questo è nel loro interesse, devono ricevere qualche beneficio o le loro azioni sono una follia assoluta.

Incaricare un membro della NATO di risolvere la guerra in Ucraina equivale ad assegnare alla proverbiale volpe il compito di sorvegliare il pollaio o a un rapinatore di banche quello di sorvegliare una banca.

È un compito che spetta a un Paese veramente neutrale, come quello definito dalla Costituzione svizzera. Questo Paese ha l’opportunità unica di svolgere un ruolo centrale nel porre fine alla guerra. Ma con la nuova direzione del nostro Paese è un’occasione persa. Con una posta in gioco così alta in Ucraina, questo rappresenta un crimine morale di prim’ordine.

È imperativo che il Presidente Cassis ne prenda atto e cambi direzione. Ecco la mia ricetta per il cambiamento svizzero:

1. Abbandonare immediatamente la partigianeria legata alla NATO.

2. Ritirare il sostegno alle sanzioni ispirate dalla guerra. Cassis ha scelto di sostenere le sanzioni dell’UE, ma non quelle della Russia. La neutralità richiede di non onorare le sanzioni di nessuna delle due parti.

3. Ritirarsi da qualsiasi ruolo della Svizzera che possa comportare la facilitazione della fornitura di armi da utilizzare in guerra.

4. Riconoscere che i decisori ultimi del conflitto sono la Russia e gli Stati Uniti. È evidente che la NATO, l’UE e l’Ucraina marciano in gran parte al ritmo di un tamburo americano. La Svizzera dovrebbe cercare di avviare negoziati con i principali attori, Russia e Stati Uniti, preferibilmente in territorio svizzero.

4. Ospitare la rinegoziazione dei precetti fondamentali degli accordi di Minsk, ma questa volta con la Russia e gli Stati Uniti come principali. Ciò significherebbe raggiungere un cessate il fuoco e trovare un modo reciprocamente accettabile per incorporare in qualche modo le repubbliche del Donbass nell’Ucraina.

5. Lavorare per risolvere i problemi di sicurezza pubblicamente proclamati dalla Russia nei confronti dell’Ucraina, compresa l’esclusione dalla leadership ucraina di individui che si identificano, con parole o azioni, con l’ideologia neonazista.

6. Cercare un accordo con la Russia per lo svolgimento di un referendum monitorato dalla Svizzera per affermare l’attuale status della Crimea.

L’ora dell’azione svizzera è scoccata. È un’opportunità da non perdere per creare una pace duratura. La Svizzera può tornare a essere un’isola di pace grazie alla sua ricca storia di mediazione tra Stati in guerra.

Perché ciò avvenga, la Svizzera deve riprendere il ruolo di neutralità. Solo così potremo giocare la forza unica del nostro Paese sul palcoscenico della diplomazia internazionale.

La mia passione per questo tema deriva da un legame storico con la mia famiglia. Il mio prozio, Rudolf Minger, è stato Presidente della Confederazione Svizzera nel secolo scorso. È stato un forte protettore dell’indipendenza e della neutralità della nostra nazione.

Ora è mezzogiorno e qualsiasi ritardo nell’agire aumenterà il rischio di un’ulteriore escalation. Siamo in mezzo a un conflitto già teso, che il mondo non ha mai visto.

La pace deve prevalere sulla guerra. Non ci sono due modi per farlo. La neutralità svizzera è la chiave del successo. Spero vivamente che il Presidente Cassis lo capisca.

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti