Costituzione italiana, Trattati Ue o democrazia: il trilemma di Rodrik e l'Italia

Costituzione italiana, Trattati Ue o democrazia: il trilemma di Rodrik e l'Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dani Rodrik è un economista turco che insegna Economia politica internazionale negli Stati Uniti, prima a Princeton e attualmente ad Harvard.

È una delle voci più autorevoli per quanto riguarda la critica alla globalizzazione.

Nel suo libro “La globalizzazione intelligente” l’economista turco introduce un principio che è diventato famoso come Trilemma di Rodrik.

Vediamo in cosa consiste con le parole del suo creatore.

«Se vogliamo far progredire la globalizzazione dobbiamo rinunciare o allo Stato/nazione o alla democrazia politica. Se vogliamo difendere ed estendere la democrazia, dovremo scegliere fra lo Stato/nazione e l’integrazione economica internazionale. E se vogliamo conservare lo Stato/nazione e l’autodeterminazione dovremo scegliere fra potenziare la democrazia e potenziare la globalizzazione».
Secondo Rodrik la globalizzazione è intrinsecamente distruttiva e produce o vincitori o vinti.

La globalizzazione (libera circolazione di merci, capitali e lavoro) porta al controllo da parte del “libero mercato” della società, a una costante corsa salariale al ribasso e porta instabilità finanziaria, cioè a crisi più o meno frequenti (causate dal fallimento di un mercato fortemente deregolamentato).

Rodrik ritiene quindi impossibile perseguire simultaneamente la democrazia, l’autodeterminazione nazionale (sovranità) e la globalizzazione economica.

Rodrik distingue sovranità e democrazia poiché possono esistere Stati sovrani ma con regimi non democratici o Paesi non sovrani o a sovranità limitata ma guidati da processi democratici.

Le cose però cambiano se proviamo ad applicare il trilemma di Rodrik all’Italia. O, più precisamente, alla Costituzione italiana e ai principi da essa sanciti.

Il primo dei quali è la sovranità popolare, cioè democratica.

Vediamo perché è così importante attraverso le parole di uno dei nostri Padri costituenti, Lelio Basso. «Nella Costituzione abbiamo scritto, nel primo articolo: “L’Italia è una Repubblica democratica”; poi abbiamo aggiunto quelle parole forse sovrabbondanti “fondata sul lavoro”; e poi abbiamo ancora affermato il concetto che la “sovranità appartiene al popolo”.

Sembra una frase di stile e non lo è. Le costituzioni in genere hanno sempre detto “la sovranità emana dal popolo” “risiede nel popolo”; ma un’affermazione così rigorosa, come “la sovranità appartiene al popolo che la esercita” era una novità arditissima.

Contro la concezione tedesca della “sovranità statale”, di quella francese della “sovranità nazionale”, noi abbiamo affermato la “sovranità popolare” quindi democratica. A questo tipo di sovranità io tengo».
La nostra Costituzione stabilisce che la sovranità è quella democratica.

Ma allora per noi il trilemma di Rodrik si riduce a un semplice dilemma: o la Costituzione o la globalizzazione. O la Costituzione o i trattati europei (Unione Europea ed Eurozona).

Ma scegliere tra i diritti sanciti dalla nostra Costituzione e i trattati europei vuol dire scegliere tra i diritti sociali (piena occupazione, dignità dei salari, nazionalizzazioni, protezionismo) e la legge del più forte, cioè del capitale finanziario apolide e transnazionale contro il lavoro.

Possiamo quindi dire che, a ben vedere, per noi quello di Rodrik non è, non dovrebbe essere, neanche un dilemma.

Dovrebbe essere una semplice domanda retorica. La domanda retorica di Rodrik.

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente