Cremlino su Navalny: "I medici russi si sono offerti di scambiare dati, ma non hanno ricevuto risposta dai loro colleghi tedeschi"

Cremlino su Navalny: "I medici russi si sono offerti di scambiare dati, ma non hanno ricevuto risposta dai loro colleghi tedeschi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Oggi, il governo tedesco ha annunciato che test medici avevano dimostrato che un agente nervino del gruppo Novichok era stato utilizzato per avvelenare l'oppositore russo
 
Il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov ha dichiarato che la Russia è pronta e interessata alla piena interazione e scambio di dati con la Germania sulla situazione relativa al presunto avvelenamento dell'avversario Alexei Navalny.


 
Il portavoce ha sottolineato che i medici russi si sono già offerti ufficialmente di scambiare dati con i loro colleghi tedeschi ma, purtroppo, non hanno ricevuto risposta.
 
Inoltre, Peskov ha ribadito che prima del trasferimento del politico russo a Berlino, nel suo corpo non erano state identificate sostanze tossiche.
 
Oggi, il governo tedesco ha annunciato che i test medici di un laboratorio militare avevano dimostrato che un agente nervino del gruppo Novichok era stato utilizzato per avvelenare Navalny.
 
Dopo questo annuncio, uno dei creatori del Novichok, Leonid Rink, ha affermato che il politico russo non avrebbe potuto essere avvelenato con quella sostanza. Secondo lui, se Navalny fosse stato avvelenato con quell'agente nervino, "avrebbe riposato a lungo nel cimitero" invece di entrare in coma.
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti