Di male in peggio. L'UE si rivolge agli Stati Uniti per le dosi di AstraZeneca

Di male in peggio. L'UE si rivolge agli Stati Uniti per le dosi di AstraZeneca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo quanto riferito, l'Unione europea chiederà a Washington di consentire l'esportazione di milioni di dosi del vaccino contro il coronavirus di AstraZeneca mentre Bruxelles lotta con la carenza di forniture.

La Commissione europea prevede di presentare la richiesta in un prossimo incontro con i suoi omologhi statunitensi volto a rafforzare la cooperazione nella lotta contro il Covid-19, hanno riferito al Financial Times funzionari dell'UE. L'UE chiederà inoltre a Washington di consentire le spedizioni di ingredienti fondamentali per i vaccini necessari per gli sforzi di produzione europea. 

Confidiamo di poter collaborare con gli Stati Uniti per garantire che i vaccini prodotti o imbottigliati nel paese nordamericano per l'adempimento degli obblighi contrattuali dei produttori di vaccini con l'UE saranno pienamente onorati", hanno spiegato i funzionari della Commissione europea al giornale. 

La Casa Bianca ha segnalato di essere ansiosa di collaborare con l'UE, affermando che la sua prima priorità è rendere il vaccino disponibile ai cittadini americani. Un ordine esecutivo firmato dall'ex presidente Donald Trump stabilisce che i vaccini prodotti negli Stati Uniti dovrebbero essere utilizzati per soddisfare prima la domanda interna. Washington ha attualmente un ordine per 300 milioni di dosi di AstraZeneca shot, ma il vaccino non è stato ancora autorizzato dai regolatori statunitensi. 

AstraZeneca, che ha collaborato con l'Università di Oxford per creare il jab, ha già ridotto i suoi obiettivi di consegna iniziali per l'UE a causa di problemi di produzione nel blocco. Secondo quanto riferito, la società dovrebbe fornire 40 milioni di dosi - o anche meno - entro la fine del primo trimestre del 2021, che non è nemmeno la metà della quantità inizialmente prevista per essere consegnata entro aprile. 

Il mese scorso, è stato rivelato che AstraZeneca stava anche riducendo le consegne del secondo trimestre da 180 milioni a 90 milioni di dosi.

Gli stati dell'UE stanno ora lottando per garantire che la carenza di approvvigionamento non peggiori. 

All'inizio di questa settimana, l'Italia ha interrotto la spedizione in Australia di 250.000 dosi di AstraZeneca prodotte sul mercato interno. 

La mossa ha coinciso con una decisione di Bruxelles di consentire agli Stati membri di acquisire in modo indipendente le dosi che non fanno parte del programma di vaccinazione del blocco.

Attualmente, l'UE ha approvato vaccini sviluppati da Pfizer, Moderna e AstraZeneca, ma diverse nazioni stanno iniziando a guardare altrove. L'Ungheria e la Slovacchia hanno già approvato da sole lo Sputnik V della Russia, mentre la Polonia sta discutendo la possibilità di acquistare Sinovac dalla Cina.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti