Difesa russa e siriana: L'accordo petrolifero degli USA con i curdi viola il diritto internazionale

 Difesa russa e siriana: L'accordo petrolifero degli USA con i curdi viola il diritto internazionale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Le truppe statunitensi, unitamente alle Forze democratiche siriane, a guida curda, mantengono il controllo su una parte della Siria nord-orientale, concentrandosi intorno ai giacimenti di petrolio e gas nelle province di Hasaka e Deir Ezzor.


 
L'accordo petrolifero degli Stati Uniti con i curdi viola il diritto internazionale e viene utilizzato come copertura per la politica illegale di Washington per minare gli sforzi di pace di Damasco, hanno spiegato in una dichiarazione congiunta i capi dei centri di coordinamento russo e siriano sul rimpatrio dei rifugiati.
 
"L'accordo sfida il diritto internazionale, viola la sovranità e l'integrità territoriale della Siria, funge da copertura per il finanziamento di enclavi terroristiche controllate dagli Stati Uniti e da continuazione delle politiche criminali di Washington volte a contrastare gli sforzi di Damasco per il ripristino post-conflitto di legittimità potere e unità nel paese. Si prega di notare che tali azioni sono illegittime e illegali ", si legge nella dichiarazione.
 
La presenza illegale degli Stati Uniti e dei suoi alleati nel nord-est della Siria ha portato a un saccheggio delle risorse naturali del paese e ha alimentato le tensioni, si afferma nel comunicato.
"Una delle gravi preoccupazioni di oggi è causata dalla situazione nel nord-est della Siria dove la presenza illegale degli Stati Uniti e dei suoi alleati all'interno della coalizione internazionale antiterrorismo sul territorio sovrano dello Stato siriano porta al saccheggio delle risorse naturali e fomentano focolai di tensione in tutta la regione", prosegue la dichiarazione.
 
In precedenza, il segretario di Stato Mike Pompeo aveva dichiarato alla commissione per le relazioni estere del Senato che una compagnia petrolifera statunitense si era assicurata un accordo per modernizzare i giacimenti petroliferi controllati dalle forze democratiche siriane a guida curda.
Il nome della società non è stato rivelato, tuttavia, il ministero degli Esteri russo ha affermato che la società in questione è Delta Crescent Energy.
 
Le truppe statunitensi con le FDS mantengono il controllo su una parte della Siria nord-orientale che contiene la maggior parte delle riserve di petrolio e gas del paese.
 
Il governo siriano vede la presenza degli Stati Uniti lì come una violazione della sua sovranità e un tentativo illegale di impossessarsi delle risorse naturali della Siria.
 
 
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti