Dogu Perinçek: «Piano di pace dal Mar Nero al Mediterraneo»

Dogu Perinçek: «Piano di pace dal Mar Nero al Mediterraneo»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Uwidata

L'attuale crisi sembra essere tra Russia e Ucraina, ma in verità il conflitto è tra l'Atlantico e l'Eurasia. Questo conflitto è collegato alle minacce che la Turchia deve affrontare nel Mediterraneo orientale. L'Atlantico usa l'Ucraina come una pedina in un teatro e la Grecia nell'altro.

La politica dell'amministrazione Biden ha dimostrato ancora una volta che la cooperazione turco-russa non è una scelta ma una necessità. Il posizionamento della Turchia nella crisi ucraina è decisivo. Con la giusta posizione, Ankara può anche prevenire una guerra di dimensione regionale. La cooperazione turco-russa può impedire al fronte atlantico di iniziare una nuova avventura. Se troverà un fronte Mosca-Ankara, l'Atlantico non oserà iniziare un'avventura militare.

La Turchia può effettivamente trasformare la crisi in un'opportunità. Il corretto posizionamento di Ankara nella crisi ucraina e nel Mar Nero porterà la Russia a compiere passi importanti nella questione cipriota.

D'altra parte, l'attuale crisi mira anche a creare tensione nel rapporto turco-russo. Pertanto, tutte le parti devono essere molto prudenti.

Il "Piano di pace per il Mar Nero e il Mediterraneo" del partito turco Vatan oggi è di vitale importanza. Le condizioni per quel piano sono date e oggi è proprio il momento di metterlo in atto. Se Ankara e Mosca negoziano insieme le questioni di Crimea e Cipro in un pacchetto, tutte le tensioni e le contraddizioni bilaterali saranno risolte.

Gli Stati Uniti nel Mediterraneo orientale circondano non solo la Turchia ma anche la Russia. E la Turchia non resiste solo in termini di interesse nazionale, ma difende tutta l'Eurasia.

Lo stesso vale per la posizione della Russia nel Mar Nero. Gli Stati Uniti non circondano solo la Russia, ma anche la Turchia in Ucraina e nel Mar Nero.

United World International ha parlato con il dottor Dogu Perinçek, presidente del partito Vatan (Turchia) sull'attuale crisi in Ucraina e nel Mar Nero.

Come valuta la posizione degli Stati Uniti nella regione?

Diamo uno sguardo molto da vicino a questa mappa: gli Stati Uniti hanno occupato la Grecia. Ha stabilito basi militari ad Alexandroupuli, a Salonicco, a Kavala, a Larissa. Quindi spostiamo lo sguardo verso il Mediterraneo orientale, dove Creta e Cipro del sud sono state armate e trasformate in basi militari dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti circondano la Turchia con basi militari.

Osserviamo questa mappa. Diamo uno sguardo al nord della Siria e dell'Iraq. Qui incontriamo di nuovo le basi militari statunitensi e le armi in tutte queste basi sono puntate sulla Turchia. È vero che i paesi dell'Asia occidentale hanno sventato il piano di un secondo Israele chiamato "Kurdistan", quando hanno fermato insieme il referendum sull'indipendenza nel Barzanistan, in Iraq. Ma Biden, che chiamiamo in turco "un mostro sdentato", sta ancora seguendo i piani che prendono di mira la Turchia.

La Turchia, al contrario, ha una chiara via d'uscita, una grande e fondamentale soluzione a portata di mano. Le circostanze non sono negative, sta alla Turchia trasformarle in positive. Ma questo può essere fatto solo nello spirito di Mustafa Kemal, nello spirito della rivoluzione turca, prendendo come fulgidi esempi le soluzioni radicali e grandiose che la nazione turca ha prodotto nella sua storia.

Minacce alla Turchia

Dobbiamo adottare un approccio strategico contro la minaccia alla Turchia guidata dagli Stati Uniti e da Israele. La linea del fronte non corre solo tra la Turchia da una parte, gli Stati Uniti e Israele dall'altra. Indichiamo anche su quella mappa le minacce degli Stati Uniti contro la Russia a nord della Turchia. Notiamo anche il conflitto tra Stati Uniti e Cina nel Pacifico in quella mappa. Anche la Repubblica Islamica dell'Iran fa parte della mappa come paese all'avanguardia del fronte asiatico, presentando ulteriori opportunità alla Turchia.

Ha detto che la crisi rappresenta un'opportunità anche per la Turchia. Può spiegare questa opportunità?

Sì. Questa crisi è un'opportunità storica per ottenere il riconoscimento internazionale per la Repubblica Turca di Cipro del Nord (TRNC). Ma dobbiamo chiederci, e speriamo che la risposta schiarisca le menti. Chi riconoscerebbe la TRNC?

Gli Stati Uniti riconoscerebbero la Repubblica Turca di Cipro del Nord?

La Francia riconoscerebbe la Repubblica Turca di Cipro del Nord?

La Grecia riconoscerebbe la Repubblica Turca di Cipro del Nord?

L'Unione Europea riconoscerebbe la Repubblica Turca di Cipro del Nord?

O in parole semplici: le forze atlantiche incentrate sugli Stati Uniti riconosceranno la Repubblica Turca di Cipro del Nord?

Una risposta positiva è fuori discussione, ovviamente.

Ma ci sono paesi pronti a riconoscere la Repubblica Turca di Cipro del Nord. Ad esempio, l'Abkhazia ha già ufficialmente dichiarato la sua disposizione a riconoscere la TRNC. Abbiamo visitato l'Abkhazia nel dicembre 2019 con una delegazione di 15 persone e abbiamo tenuto riunioni con il presidente dell'Abkhazia. Come partito Vatan abbiamo fatto una dichiarazione congiunta al mondo con il Parlamento dell'Abkhazia. Quella dichiarazione includeva la decisione di fare sforzi congiunti per ottenere il riconoscimento internazionale della TRNC e dell'Abkhazia.

La minaccia prende di mira congiuntamente Turchia e Russia

In questo momento, l'Abkhazia ha avviato un'iniziativa per visitare la TRNC. Questa visita avverrà nelle prossime settimane. L'Abkhazia ha rapporti molto stretti con la Federazione Russa. Per dirla chiaramente: Abkhazia significa Russia. Ciò significa che Abkhazia, Russia, Azerbaigian, Repubbliche turche dell'Asia centrale, Iran e persino Cina; tutti loro, tutti i paesi asiatici sono pronti a riconoscere la Repubblica Turca di Cipro del Nord. E una volta che i paesi asiatici faranno questo passo, il resto del mondo seguirà inevitabilmente.

E non è solo questione di ottenere il riconoscimento della TRNC. La sicurezza della Turchia nel Mediterraneo orientale, ai suoi confini meridionali con la Siria, sul Mar Nero; La sicurezza della Turchia può essere raggiunta solo attraverso forti partnership con le nazioni asiatiche, a cominciare dalla Russia. La Russia e la Turchia sono oggi in prima linea nel mondo, resistendo alle minacce degli Stati Uniti. Il tentativo della Turchia di raggiungere la sua sicurezza nazionale e costruire la sua economia basata sulla produzione avrà successo con la ferma posizione del paese sul fronte asiatico.

La Turchia può rimanere neutrale rispetto alla crescente tensione in Ucraina?

La tensione a nord del nostro Paese è in aumento. Gli Stati Uniti hanno intensificato le loro minacce contro la Russia sull'Ucraina. La Turchia non può ignorare queste minacce, perché non prendono di mira solo la Russia, ma anche la Turchia. Queste minacce prendono di mira i turchi di Crimea, colpiscono l'Asia, prendono di mira le repubbliche turche dell'Asia centrale, prendono di mira i turchi in tutto il mondo, da Kazan al Tataristan. Queste minacce prendono di mira tutti noi.

Gli Stati Uniti usano la Grecia nel Mediterraneo orientale come pedina e nel Mar Nero usano l'Ucraina. Gli Stati Uniti e l'Ucraina hanno concordato il 27 novembre 2018 di fermare il Turk Stream e il North Stream.

Ma ancora una volta, le minacce allo stesso tempo offrono opportunità. Queste minacce portano la Turchia a grandi opportunità per raggiungere la sicurezza nazionale e stabilire l'economia di produzione. La questione è riconoscere queste opportunità. Questo è il modo per guidare lo Stato, per stabilire una strategia e per definire le politiche.

Qual è la vostra proposta per la Turchia?

Il partito Vatan ha preparato una strategia e un programma politico che rispondono a queste condizioni. Inoltre, stiamo stabilendo relazioni con Russia, Cina, Abkhazia, Iran, Siria, Algeria e Repubbliche turche in Asia centrale per realizzare questa strategia passo dopo passo.

C'è solo una prima linea. Quel fronte inizia nel Mar Nero, compreso il Mar Egeo, il Mar Mediterraneo orientale fino alla Libia, comprende Cipro e si estende oltre la Siria e l'Iraq fino al Golfo Persico e allo Stretto di Hormuz. Una sola linea del fronte dal Mar Nero allo Stretto di Hormuz. Le forze opposte lungo questa linea del fronte sono evidenti.

Schierarsi con gli Stati Uniti nel Mar Nero, poi cercare posizioni comuni con la Russia nel Mar Mediterraneo orientale, quindi mantenere una posizione indecisa nel nord della Siria e dell'Iraq, perché i rapporti di forza non sono blanciati e non abbiamo fatto ancora in mente... Questa non è politica estera. Questo tipo di incoerenze e contraddizioni hanno risultati costosi per la Turchia. E con costosi, non ci riferiamo a prezzi misurati in dollari. Ci riferiamo ai costi per la sicurezza nazionale, per risolvere definitivamente la crisi economica; costi che verranno pagati con il sangue dei nostri soldati. Questo è il prezzo che pagheremo.

L'amicizia e la cooperazione tra la Turchia e l'Egitto possono essere sviluppate anche nel contesto dell'Asia. L'Egitto ha recentemente aperto la gara internazionale per il campo n.18, e questa è un'altra opportunità per la Turchia. La Turchia può ora costituire un consorzio insieme all'Egitto e alla Cina per sfruttare le risorse di idrocarburi in questo campo. La Cina dispone di grandi risorse tecnologiche per lo sfruttamento degli idrocarburi, addirittura è considerata leader mondiale in questo aspetto. La Cina contribuisce con il capitale e la tecnologia, l'Egitto apre il campo allo sfruttamento e la Turchia diventa un partner. Questa cooperazione sostiene anche fortemente la nostra resistenza contro l'ostile coalizione USA-Israele-Grecia.

Scioglieremo questo nodo a partire dalla TRNC. Il riconoscimento internazionale della TRNC è la più grande resistenza e sfida contro le minacce statunitensi. Questa è la strategia e la politica che seppelliranno tutte le armi nordamericane installate in Grecia, Creta e Cipro del Sud.

Otterremo il riconoscimento della TRNC e quindi trasformeremo il destino comune di Russia e Turchia in una strategia comune in queste circostanze storiche. La Russia riconoscerà la TRNC e la Turchia riconoscerà l'Abkhazia.


Non dobbiamo dimenticare il modello di successo, che è già stato applicato. Abbiamo salvato i territori nel Nagorno-Karabakh dell'Azerbaigian cooperando con la Federazione Russa. È vero che l'esercito dell'Azerbaigian e le nostre forze armate hanno contribuito alla vittoria, ma tutti coloro che hanno un senso politico e strategico riconoscono i vantaggi del fatto che la Federazione Russa è dalla nostra parte in questo conflitto.

Applicheremo questo modello di successo al Mediterraneo. Questa è l'unica soluzione e anche la grande opportunità. La Federazione Russa è pronta a riconoscere la TRNC, ma ovviamente solo se mostriamo intelligenza politica e perseguiamo una strategia e una politica decise, coerenti e cooperative dal Mar Nero al Mediterraneo fino allo Stretto di Hormuz.

La grande opportunità per la TRNC è la grande opportunità per la Turchia. Oggi, non ci sono due diverse patrie come la TRNC e la Turchia. C'è solo una Turchia, con la patria principale e la piccola patria, e c'è una sola nazione turca. Oggi quindi è il momento giusto e migliore per passi decisi e coraggiosi, che approfitteranno della storica opportunità.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti