Donetsk è stata bombardata, Kherson senza comunicazioni. Cosa sta succedendo sui fronti in Ucraina?

Donetsk è stata bombardata, Kherson senza comunicazioni. Cosa sta succedendo sui fronti in Ucraina?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La ritirata delle truppe russe sulla riva destra del fiume Dnepr nella regione di Kherson e la situazione sugli altri fronti aperti in Ucraina. Cosa succede? 

A questa domanda ha provato a rispondere la rivista Argumenty i Fakty. 

Le fonti consultate dalla rivista russa affermano che sul fronte di Kherson fino alla mattina del 10 era stabile. Mentre il fronte più caldo ieri sera in Ucraina era la città di Donetsk. 

Riva sinistra del Dnepr

Le forze russe si ritirano sulla riva sinistra del Dnepr. In conformità con l’ordine impartito dal ministro della Difesa Sergei Shoigu dopo aver ascoltato il rapporto di Sergei Surovikin, comandante del raggruppamento delle truppe russe in Ucraina. 

Secondo le fonti dell'ex presidente del parlamento di Novorossiya, Oleg Tsarev, questo processo non sarà rapido. “Ho parlato con la mia gente vicino a Kherson. Si preparano a ritirarsi. Devono anche sapere come partire. La nostra gente ha rafforzato la prima linea ultimamente e ora si sta preparando a coprire le formazioni in uscita", scrive Tsarev nel suo canale Telegram.

Scoprire nel dettaglio cosa sta succedendo vicino a Kherson non è facile. Sulla riva sinistra, le comunicazioni "sono bruscamente diminuite", afferma il corrispondente militare Alexander Kots. “Internet mobile e via cavo non funziona. Di notte, arrivavano colpi potenti lungo la nostra riva, la casa barcollava. Cosa fosse, è impossibile scoprirlo senza comunicazione”.

Anche i proiettili della parte nemica stanno giungendo in profondità nella regione di Kherson. 

“Un razzo ucraino Tochka-U inesploso è stato distrutto nel distretto municipale di Novotroitsk. Le munizioni sono state distrutte sul posto dai genieri della Guardia Nazionale mediante demolizione. Nessuno è rimasto ferito", riporta la compagnia televisiva e radiofonica locale Tavria.

Il ritiro delle truppe russe è stato commentato dal segretario del Consiglio generale del partito Russia Unita Andrei Turchak. Secondo il dirigente politico la decisione è dovuta necessità di proteggere i civili e salvare le truppe.

“Ricordiamo tutti Mariupol e non solo. Questo non deve ripetersi”, ha affermato il servizio stampa di Russia Unita.

Turchak crede che si deve essere pazienti per vincere. Allo stesso tempo, il dirigente di Russia Unita ha affermato che la forza di volontà e lo spirito combattivo sono più che sufficienti.

Il politico ha sottolineato che le forze armate della Russia erano in grave pericolo vicino a Kherson, dove potevano essere tagliate fuori dai rifornimenti. In questo caso, sarebbe stato problematico tenere la difesa.

Turchak ha infine aggiunto che c'era anche la minaccia di minare la centrale idroelettrica di Kakhovskaya da parte delle forze armate ucraine. Questo avrebbe potuto causare pesanti perdite tra civili e militari.

La battaglia per Lyman continua

Alle 8 del mattino, è stato riferito che nella regione di Lugansk le forze difensive hanno respinto gli attacchi nemici senza perdite. Lo ha riportato il canale Telegram del giornalista di VGTRK Vladimir Solovyov, citando fonti in prima linea. Secondo le informazioni rese note, ciò è avvenuto grazie ai rinforzi dei chiamati alla mobilitazione: 

“Solo poche ore fa, nelle direzioni Svatovsky e Limansky, anche il personale delle unità dei ragazzi recentemente mobilitati sotto la guida di ufficiali, senza perdite, ha respinto gli attacchi di grandi gruppi mobili nemici. La perdita della parte ucraina è stata di quattro veicoli blindati e fino a 15 persone uccise. È bello che le squadre militari inizino a mostrare il loro potenziale".

Donetsk bombardata di notte

Il sindaco Aleksey Kulemzin ha riferito dell'arrivo di proiettili nel centro della città. “A seguito del barbaro bombardamento notturno da parte dei nazisti del territorio della regione di Kuibyshev, c’è stato un colpo diretto nell'appartamento di un grattacielo sulla strada. È morto un uomo nato nel 2002. Una donna nata nel 1981 con ferite da schegge è stata ricoverato in ospedale nell'ospedale n. 17", riferisce Alexey Kulemzin nel suo canale Telegram.

Inoltre, secondo il sindaco, i distretti della città Petrovsky, Kirovsky e Kiev erano sotto il fuoco nemico di notte. I proiettili sparati avevano un calibro di 155 mm, che vuol dire NATO. Il fuoco sulla città è stato aperto dalla tarda serata.  

Esplosioni udite a Zaporozhye

La situazione nella direzione di Zaporozhye sembra più calma. Secondo Volodymyr Rogov, presidente del movimento ‘We Are Together with Russia’, sono state udite esplosioni di origine sconosciuta nella città di Zaporozhye, che è sotto il controllo dell'Ucraina.

“Oggi, a partire dalle 7:50, si è udita una serie di esplosioni nel centro regionale temporaneamente sotto il controllo del regime di Zelensky. Al momento, possiamo parlare di almeno quattro esplosioni", riferisce Rogov e aggiunge: "Zaporozhye sarà libera!”. 

 

 
 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale