World Affairs/Ex inviato USA rivela di aver mentito a Trump sul numero delle tr...

Ex inviato USA rivela di aver mentito a Trump sul numero delle truppe in Siria

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.


Quando il presidente Donald Trump ordinò il ritiro di tutte le truppe americane dalla Siria, tranne qualche centinaio, i suoi stessi diplomatici occultarono al presidente il vero numero delle forze americane, ha rivelato l'ornai ex inviato statunitense nel paese arabo, Jim Jeffrey, in una nuova intervista.

"Facevamo sempre giochi di prestigio per non far capire alla nostra leadership quante truppe avevamo lì", ha rivelato, ieri, Jeffrey, inviato della coalizione globale contro lo Stato islamico, ISIS, a Defense One. Jeffrey ha aggiunto che il numero effettivo di truppe nel nord-est della Siria è "molto di più" rispetto ai 200-400 che Trump ha accettato di lasciare l'anno scorso.
 
Con presunto ritiro, Trump sembrava aver mantenuto la promessa della sua campagna elettorale di liberare gli Stati Uniti dalle "guerre eterne" in Medio Oriente. Trump, che nel 2018 ha definito la Siria "sabbia e morte", ha fatto arrabbiare una schiera di capi e diplomatici del Pentagono quando annunciò il quasi totale ritiro dal paese lo scorso ottobre. Il segretario alla Difesa Jim Mattis si dimise per protestare quando Trump annunciò per la prima volta i piani di ritiro nel 2018, e Jeffrey oggi, ha svelato che la decisione è stata "la cosa più controversa dei miei cinquant'anni di governo".

Anche il predecessore di Jeffrey, Brett McGurk, ha dato le dimissioni a suo tempo quando Trump ha rivelato il ritiro. Prendendo il posto di McGurk, Jeffrey e la sua squadra hanno sistematicamente ingannato il presidente per assicurarsi che "non ci sarebbe mai stato un ritiro dalla Siria".

Anche prima di firmare per lavorare per l'amministrazione Trump, l'opposizione di Jeffrey al presidente era ben nota. Poco dopo che Trump fu nominato candidato repubblicano nel 2016, Jeffrey firmò una  lettera in cui dichiarava che l'uomo d'affari "sarebbe stato il presidente più spericolato della storia americana". Tra gli altri firmatari della lettera c'era una serie di funzionari della sicurezza dell'amministrazione Bush, che contribuirono a plasmare le politiche che hanno destabilizzato il Medio Oriente e dato vita allo Stato islamico.
 
Nonostante la sua opposizione aperta e segreta alle politiche di Trump, Jeffrey ha spiegato  a Defence One che l'approccio "modesto" del presidente al Medio Oriente ha dato risultati migliori dell'interventismo militare di George Bush o delle scuse di Barack Obama ai leader musulmani mentre armava le milizie estremiste in Siria.

Trump, al contrario, è riuscito a mettere insieme un'alleanza politica tra Israele e alcuni Stati del Golfo, mantenendo le relazioni con l'Iraq e concentrando la pressione sull'Iran. Il conflitto nella regione è congelato in una "situazione di stallo", ha osservato Jeffrey.

"Nessuno vuole davvero vedere il presidente Trump andare via, tra tutti i nostri alleati", ha detto. La verità è che il presidente Trump e le sue politiche sono molto popolari tra tutti i nostri stati della regione". Nominami uno che non è felice".

Se alla fine Joe Biden dovesse essere dichiarato presidente, Jeffrey ha consigliato ai Democratici di attenersi alla dottrina di Trump in Medio Oriente. "Penso che la situazione di stallo che abbiamo messo insieme sia un passo avanti e io la sosterrei", ha concluso Jeffrey.
 
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa