Fallimento sanzioni USA. L'Iran esporta 500.000 barili al giorno

Fallimento sanzioni USA. L'Iran esporta 500.000 barili al giorno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Le esportazioni di petrolio greggio dell'Iran dall'inizio del mese sono state in media di circa 500.000 barili al giorno, secondo un rapporto dell'agenzia Reuters che cita le stime delle società di monitoraggio delle petroliere. Una cifra inferiore ai livelli di marzo ma molto più alta di un anno fa, sottolinea il rapporto.

"Le esportazioni sono continuate a questi livelli elevati più a lungo di quanto ci aspettassimo", ha affermato alla Reuters il CEO di Petro-Logistics, Daniel Gerber. "E con i colloqui costruttivi che si svolgono a Vienna, potremmo non vedere mai un ritorno ai minimi del 2020".

Il calcolo delle esportazioni di petrolio greggio iraniano è difficile a causa del mascheramento del carico e dei trasferimenti tra navi che l'Iran utilizza per aggirare le sanzioni statunitensi che hanno causato un crollo sia della sua produzione che delle esportazioni di petrolio. Tuttavia, con il cambio di amministrazione a Washington, sono tornate le speranze che gli Stati Uniti possano rientrare nell'accordo sul nucleare iraniano e revocare le sanzioni.

All'inizio di quest'anno, i funzionari di Teheran hanno dichiarato che il paese aveva iniziato a incrementare la produzione di petrolio in previsione di un accordo con gli Stati Uniti, che potrebbe vedere circa 2 milioni di barili al giorno di petrolio iraniano - o anche 2,5 milioni di barili al giorno - tornare sui mercati internazionali. 

Tuttavia, i negoziati sono ancora in corso e il loro successo rimane incerto. Nel frattempo, tuttavia, lo sconto del petrolio iraniano sta dando sui nervi ad alcuni dei suoi colleghi membri dell'OPEC.

"Questi barili 'sensibili' stanno colpendo le forniture da tutto il mondo, in quanto sono semplicemente troppo economici", ha detto alla Reuters un trader cinese all'inizio di questo mese.

"Il recente aumento delle esportazioni di greggio iraniano, in particolare verso la Cina, e il petrolio in uscita dalle scorte stanno contribuendo alla debolezza del mercato petrolifero, minando gli sforzi dell'OPEC + per limitare l'offerta e fissando i prezzi per un terzo calo settimanale", ha riferito Rystad Energy a Marzo.

La Cina è di gran lunga il più grande acquirente di greggio iraniano: le sue importazioni di marzo del greggio sotto costo avrebbero potuto raggiungere 1 milione di barili al giorno, secondo un rapporto Reuters che cita analisti e commercianti di materie prime.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati? di Francesco Santoianni In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

In Campania trasporto pubblico vietato ai non vaccinati?

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti