Filippine. Polizia e militari eseguono ordine di Duterte di eliminare i guerriglieri comunisti

Filippine. Polizia e militari eseguono ordine di Duterte di eliminare i guerriglieri comunisti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La polizia filippina sostenuta dalle forze militari ha ucciso nove persone in una serie di raid nel fine settimana dopo che il presidente Rodrigo Duterte aveva ordinato di "sparare e uccidere immediatamente" i ribelli comunisti nel paese, secondo quanto riferisce AP.

Secondo gli agenti filippini, tutte le persone uccise erano associate a "gruppi terroristici comunisti" e sono stati loro ad aprire il fuoco sugli agenti di polizia mentre eseguivano i mandati di perquisizione.

In totale, la Polizia ha eseguito almeno 24 mandati di perquisizione, principalmente per armi da fuoco ed esplosivi illegali, in quattro province del Paese: Cavite, Laguna, Batangas e Rizal. Oltre alle nove persone uccise, che secondo gli agenti sono morte durante il trasferimento in ospedale, altri sei sospetti sono stati arrestati e nove sono fuggiti.

Da parte loro, gruppi di sinistra e per i diritti umani hanno condannato gli omicidi e hanno chiesto un'indagine indipendente su ciò che alcuni hanno descritto come esecuzioni di attivisti disarmati . 

"Questi raid sembrano far parte di un piano coordinato delle autorità per aggredire, arrestare e persino uccidere gli attivisti nelle loro case e nei loro uffici", ha dichiarato Phil Robertson, vicedirettore di Asia per Human Rights Watch. "Il problema fondamentale è che questa campagna [contro insurrezione] non fa più alcuna distinzione tra ribelli armati e attivisti non combattenti, leader sindacali e difensori dei diritti", ha aggiunto Robertson.

A sua volta, Cristina Palabay, del gruppo per i diritti umani di Karapatan, ha sottolineato che molte delle persone uccise appartenevano a gruppi politici e di lavoratori. 

Secondo Palabay, una coppia che guidava un gruppo di pescatori è stata uccisa a colpi di arma da fuoco dalla polizia di fronte al figlio di 10 anni, nascosto sotto un letto.

Venerdì scorso Duterte aveva ordinato di "sparare e finire subito" i ribelli comunisti armati, nello stesso momento in cui ha chiesto alle forze di sicurezza "di dimenticare i diritti umani ". "Ho ordinato ai militari e agli agenti di polizia di ucciderli, se i nemici sono armati, durante gli scontri. Uccidili immediatamente! [...] Assicurati di ucciderli sul serio e finiscili se sono vivi", ha dichiarato il filippino presidente. 

I ribelli comunisti nelle Filippine combattono il governo dal 1968. Recentemente l'esercito ha intensificato la sua campagna contro di loro con l'obiettivo di porre fine all'insurrezione, una delle più lunghe al mondo, prima della fine del mandato di Duterte nel giugno 2022.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti