Forbes. Esperto spiega perché dovresti smettere di usare Google Chrome

Forbes. Esperto spiega perché dovresti smettere di usare Google Chrome

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Gli strumenti di Google sono utilizzati da miliardi di persone ogni giorno, ma con le ultime rivelazioni sulla raccolta dei dati del browser Chrome, molti utenti dovranno probabilmente riconsiderare il loro utilizzo,  avverte  Zak Doffman, esperto di sicurezza informatica.

Dopo che l'application store di Apple ha costretto, attraverso le etichette sulla privacy , le piattaforme a specificare i dati che raccolgono dai propri utenti, questa settimana è stata rivelata la sorprendente quantità di informazioni che Chrome accumula. "Questa è  una vera minaccia per la tua privacy " , secondo l'esperto in un recente articolo pubblicato su Forbes.

Uno dei motori di ricerca più famosi per la conservazione delle informazioni personali, DuckDuckGo, ha anche avvertito che "Google non si preoccupa di proteggere la privacy degli utenti". "Spiare gli utenti non ha nulla a che fare con la creazione di un ottimo browser web o motore di ricerca", ha osservato in un tweet il motore di ricerca alternativo.

Una macchina pubblicitaria

Doffman sostiene che, a differenza di altri giganti della tecnologia, Alphabet Inc. (la multinazionale americana la cui principale filiale è Google) è su entrambi i lati del tavolo. Da un lato è responsabile della tutela della privacy delle persone che utilizzano i suoi prodotti come Google Chrome, Gmail, Android, ecc. E dall'altro è una macchina pubblicitaria, con oltre  100.000 milioni di dollari di fatturato da questo assetto.

E se un modello di business si basa sulla monetizzazione delle informazioni dei suoi utenti, è logico che voglia raccogliere tutto ciò che ragionevolmente può, spiega. Ma la cosa preoccupante è che Google non è stata trasparente nel visualizzare chiaramente i dati che raccoglie e ha impiegato molto tempo per aggiungere le etichette sulla privacy.

Lo specialista ricorda che l'azienda guadagna vendendo annunci personalizzati, contestualizzati dalle sue ricerche e che "nell'ultimo decennio ha assistito ad una costante erosione della sua privacy". " Le applicazioni e le piattaforme che hai monetizzato utilizzano gratuitamente te ed i tuoi dati, ha lamentato Doffman.

Il fatto è che Chrome raccoglie più dati di qualsiasi browser web, mentre altre applicazioni, che raccolgono dati significativamente inferiori, offrono servizi con livelli simili di prestazioni e sicurezza, afferma Doffman, che preferisce l'utilizzo di altri browser come DuckDuckGo se quello che si cerca è la privacy.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti