Galloway: "Le affermazioni sull'avvelenamento di Navalny stimoleranno la demonizzazione della Russia. Ma a chi giova?"

Galloway: "Le affermazioni sull'avvelenamento di Navalny stimoleranno la demonizzazione della Russia. Ma a chi giova?"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di George Galloway* - RT
 
 
I bizzarri eventi che circondano Alexey Navalny, che giace in coma a Berlino, produrranno ulteriori appelli in stile Guerra Fredda per isolare la Russia, a costo di consolidare ulteriormente le relazioni tra Mosca e Pechino.


 
Da quando l'uomo - sempre erroneamente definito " il leader dell'opposizione russa ", quando in realtà prende il 2% dei voti, e l'attuale leader dell'opposizione è un comunista che ha ancora il sostegno di massa - si è ammalato durante un volo dalla Siberia a Mosca , la lobby securocratica nei paesi occidentali è stata innescata.
 
Oggi, con la dichiarazione del governo tedesco secondo cui Navalny è un'altra vittima degli agenti chimici di classe "Novichok", sono già in corso misure attive.
 
L'ex ufficiale dell'intelligence britannica Philip Ingram MBE, che ho intervistato oggi per il mio programma televisivo Sputnik, doveva affrettarsi perché " i tedeschi hanno appena pronunciato la parola Novichok e mi aspetto di essere impegnato con altre interviste ".
 
 
 
 
Per quanto possa essere faticoso sottolineare l'emorragia evidente, devo farlo.

Se lo stato russo avesse tentato di assassinare Navalny, non avrebbero mai permesso che il suo corpo in coma colpito fosse trasportato fuori dal paese in Germania in primo luogo. Sarebbe morto sul tavolo operatorio in Russia, dove nessuno poteva "rilevare tracce di Novichok" in una capitale della NATO.
 
Se lo stato russo fosse stato responsabile del tentativo di uccidere Navalny, sicuramente l'ULTIMA arma al mondo che avrebbe scelto con quale farlo sarebbe stato il Novichok?
 
Un coltello da burro, una pistola, un'auto in corsa, un incidente d'auto: uno qualsiasi dei cento metodi sarebbe stato sicuramente preferibile nell'era post-Skripal. E più affidabile, sembrerebbe: Navalny, per ora fortunatamente, è il TERZO russo di fila ad essere attaccato da un " agente nervino di livello militare " e misteriosamente non riesce a morire.
 
Ma proprio come con gli Skripal, ci troviamo di fronte alla domanda posta in ogni mistero di omicidio: Cui B? A chi giova?
 
Quale vantaggio immaginabile potrebbe ottenere il Cremlino dall'uccisione da parte di Novichok di Alexey Navalny?
 
E l'enorme contraddizione, la più grande di tutte, è che l'Occidente vuole farci credere che Vladimir Putin sia allo stesso tempo un abbagliante Mefistofele capace di organizzare elezioni in America e Gran Bretagna, fissare la Brexit e fomentare il separatismo dalla Scozia fino alla Spagna, mentre allo stesso tempo è un idiota allegro e autolesionista. Il poliziotto che non poteva sparare dritto. L'uomo che ha fatto crollare l'intero mondo occidentale non attraverso uno, ma due tentativi falliti di sbarazzarsi di critici marginali del tutto innocui - che, nel caso di Alexey Navalny, non sarebbero in grado di vincere un solo seggio in un'autorità locale provinciale . 
 
Al momento sto viaggiando e sto girando il mio prossimo documentario sulla strana morte del dottor David Kelly - l'ispettore britannico delle armi coinvolto nella guerra di Blair in Iraq - che è stato trovato morto stecchito al culmine della pubblicità che lo circondava. 
 
Quindi non ho la mia sfera di cristallo da consultare. Ma prevedo comunque che ciò che accadrà ora sarà il familiare circo di espulsioni diplomatiche, sanzioni e ostracismo. Ulteriore demonizzazione della Russia. Tit per tat. Mentre il mondo affronta una pandemia mortale e il collasso economico. Proprio quello che ha ordinato il dottore ...
 
*È stato membro del parlamento britannico per quasi 30 anni. Presenta programmi televisivi e radiofonici (anche su RT). È un noto regista, scrittore e rinomato oratore. Account Twitter  @georgegalloway
 
 
(Traduzione de L'AntiDiplomatico)
 
 

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci di Francesco Santoianni I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

I vaccini non sono la risposta definitiva al Covid. Parola di Fauci

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta? di Antonio Di Siena Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Ma perché "con l'Europa" ce l'abbiamo fatta?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti