Germania divisa. Annalena Baerbock e l'arroganza dei "buoni"

Germania divisa. Annalena Baerbock e l'arroganza dei "buoni"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tariq Marzbaan –Al Mayadeen English

(Tradotto da Nora Hoppe)

"Un certo grado di divisione è probabilmente presente in tutte le società ed è una costante della storia umana"... Tuttavia, i tedeschi sembrano essere un po' più "divisivi" di altri popoli.

Secondo gli storici, la divisione è comune nelle società umane. Tutte le società umane sperimentano la divisione. Secondo Martin Jehne, storico della storia antica, "un certo grado di divisione è probabilmente presente in tutte le società ed è una costante della storia umana". Il fenomeno della "divisione" nella società tedesca non è nuovo. In effetti, la divisione nella società è qualcosa di normale in Germania – da un punto di vista storico. Tuttavia, i tedeschi sembrano essere un po' più "divisivi" di altri popoli. Ciò è dovuto a un periodo particolare della loro storia: l'epoca del nazionalsocialismo e della sconfitta totale in guerra.

La prima divisione documentata risale a un monaco di Wittenberg del XVI secolo di nome Martin Lutero. Egli divise la Chiesa e quindi creò uno scisma tra i credenti in Germania, che poi si diffuse in tutto il mondo.

La seconda grande divisione avvenne nel secondo dopoguerra, con la creazione della Germania Est e Ovest. Nel 1989, la Repubblica Democratica Tedesca (Est) crollò portando alla "riunificazione", chiamata in tedesco "die Wende" ["La Svolta"]... o come la chiamano i critici, "la colonizzazione della Germania Est".

L'allora cancelliere della Germania Ovest (RFT) Helmut Kohl (1982-1989) spinse questa riunificazione, nonostante le resistenze di alcuni Stati europei, come la Francia, in cambio dell'accettazione dell'introduzione dell'euro, a cui si era precedentemente opposto. Kohl promise ai "nuovi cittadini" della Germania Est "pascoli verdi", che a tutt'oggi non si sono visti.

La "Cortina di Ferro" e il Muro di Berlino furono finalmente superati, ma non la divisione sociale, che continua ancora oggi in altre forme. Dopo l'iniziale euforia della popolazione "pantedesca" e la frenesia consumistica dei tedeschi dell'Est, la sobria realtà si è imposta. L'arroganza della Germania occidentale si scontrò con il senso di inadeguatezza della Germania orientale: e così fu "Wessi contro Ossi" ["occidentali" contro "orientali"].

La Germania dell'Est fu aperta al saccheggio da parte degli occidentali (non solo tedeschi), che si avventarono sulla preda allettante come avvoltoi – un fenomeno non insolito nel colonialismo capitalista. Le industrie e le aziende agricole ancora intatte sono state svendute per pochi spiccioli. Milioni di tedeschi dell'Est, per i quali la parola "disoccupazione" era stata fino ad allora una parola sconosciuta, si trovarono improvvisamente senza lavoro e dovettero accettare "un lavoretto qualsiasi" o ricevere un sussidio di disoccupazione o l'assistenza sociale per sopravvivere. Ancora oggi, tra l'80% e il 95% delle posizioni di responsabilità nell'amministrazione, nel sistema giudiziario, nell'istruzione superiore, nelle banche, negli uffici fiscali e nei servizi segreti federali sono occupate da tedeschi dell'Ovest.

I salari all'Est sono attualmente dal 67% al 90% più bassi rispetto all'Ovest per lo stesso lavoro. Secondo i dati dell'Ufficio federale di statistica, "i tedeschi dell'Ovest hanno guadagnato 55.797 euro lo scorso anno (2021) nel settore manifatturiero e dei servizi. I tedeschi dell'Est hanno ricevuto in media solo 43.624 euro. Ciò corrisponde a una differenza salariale di 12.173 euro all'anno".

L'autore del libro, analista, consulente e filosofo Bernd Liske ha scritto: "La Germania dell'Est è stata annessa dall'Occidente, la sua forza competitiva esistente è stata cancellata, è stata inondata dalle ideologie della Germania dell'Ovest ed è stata trasformata in un mercato di consumo per i prodotti occidentali e poi in uno Stato con manodopera a basso costo...". Mentre i Wessis colonizzavano l'Est, gli Ossis ottenevano la "libertà di viaggiare" e le banane, ma... "perdevano la loro patria". E dopo un po', anche l'iniziale "libertà di viaggiare" (uno dei motivi della "Rivoluzione pacifica" dei tedeschi dell'Est nel 1989) non era fattibile per tutti – a causa dei loro limitati mezzi finanziari.

I pochi tedeschi dell'Est che sono riusciti a ricoprire alte cariche di governo (tra cui la Merkel) sono considerati dai tedeschi dell'Est come "Ossis occidentalizzati".

Mentre nazisti noti e sconosciuti rimasero al sicuro in posizioni di autorità per decenni, e mentre le misure di denazificazione introdotte dalle potenze vincitrici finirono per essere ostacolate o addirittura impedite da varie organizzazioni statali e private, nel 1989 fu invece istituito un ufficio investigativo per la rivalutazione del passato della "STASI" (l'organo di sicurezza statale della DDR) e un'indagine sul coinvolgimento della popolazione con questa organizzazione. Questo ufficio inquisitorio – noto come la "Gaukbehörde" – lanciò una spietata caccia alle streghe per potenziali collaboratori e informatori della Stasi... e non fece che approfondire la divisione della società tedesca.

Negli anni Novanta, il crescente risentimento della popolazione della Germania Est fu deviato e indirizzato verso l'aumento del numero di immigrati e richiedenti asilo in arrivo... Bande e gruppi di neonazisti, skinhead di destra e altri razzisti spuntarono come funghi sul territorio della Germania orientale. Questi davano spietatamente la caccia agli "stranieri" e ai richiedenti asilo per attaccarli, arrivando persino a bruciare le loro case e a ucciderli.

È interessante notare che i neonazisti dell'Est e dell'Ovest si sono ritrovati su questo fronte e hanno superato la loro "divisione" – secondo il motto "ciò che è insieme cresce insieme" (Willi Brandt). Questa tendenza persiste tuttora. L'apice è stato raggiunto con una serie interconnessa di omicidi di immigrati commessi tra il 2000 e il 2006, che è passata alla storia della Germania come "l'Affare NSU" [Nationalsozialistischer Untergrund – Clandestinità Nazionalsocialista – una cellula terroristica tedesca di matrice neonazista attiva tra il 1997 e il 2011].

L'Affare NSU è un argomento troppo complesso e intricato per essere presentato qua. (Chi è interessato può trovare informazioni dettagliate e stringenti su Internet). In questa sede mi limito a ricordare che al termine dei procedimenti parlamentari e giudiziari fu deciso che tutti i fascicoli e i rapporti finali relativi al caso dovevano essere accantonati e rimanere sigillati per 120 anni (questo periodo fu poi ridotto a 30 anni in seguito a un'accesa protesta). La ragione di questa decisione fu che le informazioni potevano "mettere in pericolo il benessere dello Stato"... una giustificazione che non fece che rafforzare il sospetto prevalente che lo Stato fosse coinvolto in questi crimini.

Anche la terza divisione significativa avvenne dopo il 1945, in seguito alla guerra. La sconfitta subita dal Paese e la rivelazione dei crimini del regime nazista colpirono profondamente un "orgoglio nazionale" e un'identità tedesca già feriti. I giovani ne furono particolarmente colpiti e la rivolta studentesca del 1968 provocò una profonda frattura tra le generazioni più giovani e quelle più anziane e la loro politica.

Questa divisione, che si è manifestata come "personalità psicologicamente divisa", ha dominato la sinistra e soprattutto i Verdi (questi ultimi nati dalla rivolta studentesca del 1968) nelle loro posizioni sulla politica interna ed estera della Germania fino ad oggi. Uno dei suoi frutti è stato il sostegno incondizionato e perverso a "Israele" e al sionismo, accanto alla fedeltà acritica e quasi servile agli Stati Uniti e alla paura interiorizzata dei russi. Questa circostanza ha permesso agli Stati Uniti (e a "Israele") di dominare, manipolare e dirigere questi partiti (in particolare i Verdi), insieme alle generazioni del dopoguerra che sono state profondamente influenzate dai Verdi.

L'arroganza prevalente nell'era nazista ("siamo i migliori"), che era stata soppressa dopo la guerra, ha trovato un altro modo di esprimersi attraverso i Verdi ("siamo i buoni") con la loro sacrosanta ostentazione di principi etici (diritti umani, democrazia, libertà), un'abitudine comune agli estremisti religiosi. L'attuale vicecancelliere Robert Habeck e il ministro degli Esteri Annalena Baerbock, entrambi Verdi, sono due esempi lampanti di questa mentalità.

 

 

Tariq Marzbaan

Tariq Marzbaan

 

Nato a Kabul nel 1959, dove ha vissuto fino al 1982 quando si è rifugiato con parte della sua famiglia a Peshawar in Pakistan, poi in Germania dove ha ottenuto la cittadinanza anni dopo. Attualmente risiede nell'Asia sudorientale. Ha conseguito un master in letteratura persiana e filologia tedesca, oltre a continui studi indipendenti sulla geopolitica, la storia e il colonialismo. Ha lavorato come fumettista politico, artista, ricercatore e traduttore di notizie, montatore cinematografico, sceneggiatore. Ha prodotto e diretto il suo film documentario-saggio sull'esilio "The Storm Bird", che è stato presentato nei festival internazionali. Editorialista per Al Mayadeen English.

"Il Waste Land è la terra del non-spazio e del non-tempo, la visione di un luogo di nessuno, che con la sua oscurità infrange ogni speranza, in cui gli abitanti si dibattono in un clima di disperazione e soffocamento."

- Angelo De Sio, nella sua analisi de 'La terra desolata', poema di T.S. Eliot

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti