Germania e Francia vanno per i fatti loro. E' un'occasione d'oro per l'Italia

Germania e Francia vanno per i fatti loro. E' un'occasione d'oro per l'Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Sarebbe un’occasione d’oro.


La Germania va per i fatti suoi (stanziando 200 miliardi per contrastare la crisi energetica autoindotta dalla UE su ordine degli USA) ribadendo nei fatti per l’ennesima volta che l’Unione Europea non esiste. Se non è morta, sicuramente non si sente tanto bene.

La Francia anche, col suo scudo tariffario (il bouclier tarifaire, un price cap interno al Paese che impedisce all’elettricità aumenti superiori al 4% e li azzera per il gas), nazionalizzando EDF (l’ENEL francese) e stanziando più di 67 miliardi di euro.

La globalizzazione non si è mai veramente del tutto ripresa dai due anni di gestione del Covid, con le catene di approvvigionamento globali che continuano a zoppicare.

Fuori dal patto atlantico, gli altri Paesi continuano a stipulare accordi svincolandosi dal dominio a stelle e strisce.

Sarebbe un’occasione d’oro per noi.

Sarebbe un’occasione d’oro per creare nuovi rapporti diplomatici e commerciali con altri Paesi e per rinforzare quelli esistenti. A partire dai BRICS.

Sarebbe un’occasione d’oro per iniziare finalmente a invertire il decennale processo di deindustrializzazione e delocalizzazione che ha portato al progressivo impoverimento del nostro sistema produttivo.

Sarebbe un’occasione d’oro per iniziare ad allentare il cappio del vincolo esterno che ci rende difficile anche solo respirare.

Sarebbe un’occasione d’oro. Ma non la stiamo sfruttando.

Per farlo dovremmo avere una classe dirigente, politica ma non solo, in possesso di una visione diversa di quello che potrebbe essere l’Italia. E in grado di perseguirla con ogni mezzo.

Dovremmo avere una classe politica che torni a tutelare gli interessi nazionali, cioè dei suoi cittadini.
Invece abbiamo per l’ennesima volta alla guida del Paese un gruppo di cialtroni e di venduti agli interessi esteri.
 
Che di fronte ad aumenti del 1011% dei costi dell’energia elettrica rispetto al 2019 (passando da un PUN medio di 48,11 euro/MWh ai 534,5 del 2022) supplica ancora per una soluzione europea e che pensa di cavarsela con una ventina di miliardi di stanziamenti.
 
Mentre ogni giorno sempre più aziende abbassano la saracinesca. Forse per sempre.

E mentre 1 famiglia su 5 rischia di non poter pagare le bollette durante l’inverno, ormai alle porte.

E invece nella NADEF tornano già gli avanzi primari, cioè il taglio della spesa pubblica (al netto degli interessi passivi sul debito).

A scapito soprattutto di lavoro e salari del settore pubblico. E a scapito del SSN.

Sarebbe un’occasione d’oro.

E invece rischia di essere solo l’ennesima occasione persa. Il cui conto lo pagheranno ancora una volta famiglie e imprese.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante il seguente testo "ECONOMIA .2 FOCUS CRISIENERGETICA ENERGETICA Da Nord Sud Italia Con rincari del 300% delle fatture di luce gas si contano già decine di chiusure di bar, ristoranti altrilocali altri Senza sostegni, arischioToccupazione rischi CENSIS-CONFCOOPERATIVE Sono "poveri" 10 mln italiani Rischianoilcrac Risch crac 300 mila Pmi entomila ALBERGHI&C.: LAMATTANZA DELLE SUPER BOLLETTE PatriziaDeRubertis asolu-"
 
 

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde di Marinella Mondaini La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

La CIA cerca russi come nuovi agenti "anti Putin" e non lo nasconde

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese   di Bruno Guigue Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

Nazismo, antisemitismo e Repubblica francese

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno di Gilberto Trombetta Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Giorgetti e gli alfieri del vincolo esterno

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria di Michelangelo Severgnini Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

Bocche tappate e i crimini (filo Nato) del Qatar in Libia e Siria

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

La nuova forma di psicologia del mondo digitale di Damiano Mazzotti La nuova forma di psicologia del mondo digitale

La nuova forma di psicologia del mondo digitale

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti