Global Times - Rapporto sulle violazioni dei diritti umani in Medio Oriente denuncia la barbarie, la crudeltà e l'ipocrisia degli USA

Global Times - Rapporto sulle violazioni dei diritti umani in Medio Oriente denuncia la barbarie, la crudeltà e l'ipocrisia degli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Leng Shumei - Global Times

La Società Cinese per gli studi sui Diritti Umani (CSHRS) ha pubblicato martedì un rapporto che rivela una serie di crimini commessi dagli Stati Uniti in Medio Oriente e nelle aree circostanti, che hanno gravemente violato i diritti umani fondamentali delle persone e causato danni permanenti e perdite irreparabili ai Paesi e alle popolazioni delle regioni. 

Il rapporto, che precede il primo anniversario del frettoloso ritiro delle truppe statunitensi dall'Afghanistan, che è stato lasciato in una terribile crisi umanitaria, dimostra che, essendo stata completamente smascherata la natura dell'egemonia statunitense e la barbarie, la crudeltà e la pervicacia della sua politica di potenza, la gente del mondo potrebbe aver compreso meglio l'ipocrisia e l'inganno della democrazia e dei diritti umani statunitensi.

Intitolato "Gli Stati Uniti commettono gravi crimini e violazioni dei diritti umani in Medio Oriente e oltre", il rapporto si concentra sulle sistematiche violazioni dei diritti umani da parte di Washington, tra cui l’avvio di guerre, il massacro di civili e la violazione del diritto alla vita e alla sopravvivenza; conversioni forzate, le sanzioni unilaterali, la grave violazione dei diritti allo sviluppo, alla vita e alla salute delle persone; la creazione di uno "scontro di civiltà" e l'abuso della detenzione e della tortura, la violazione della libertà di religione e della dignità umana. 

Il rapporto afferma che gli Stati Uniti hanno commesso crimini di guerra, crimini contro l'umanità, detenzioni arbitrarie, torture di prigionieri e sanzioni unilaterali indiscriminate in Medio Oriente e nelle aree circostanti. 

È una pratica abituale di una superpotenza come gli Stati Uniti condurre azioni crudeli unilaterali, tra cui l’avvio di guerre e l'imposizione di sanzioni, per affrontare i propri conflitti con Paesi e regioni straniere, ha dichiarato martedì al Global Times Chang Jian, professore e direttore del Centro per lo studio dei diritti umani dell'Università Nankai.

Sotto la maschera della democrazia e dei diritti umani, la vera intenzione delle azioni crudeli degli Stati Uniti contro Paesi e regioni straniere è quella di servire esclusivamente gli interessi dei gruppi di capitale nazionali e del complesso militare-industriale, ha osservato Chang.

Il punto di vista di Chang è stato sostenuto da Zhu Yongbiao, direttore del Centro per gli studi sull'Afghanistan dell'Università di Lanzhou, secondo cui gli Stati Uniti hanno cercato di usare il loro cosiddetto sistema democratico per riformare l'Afghanistan e hanno abbandonato il Paese quando la riforma è fallita e l'Afghanistan ha perso il suo valore, con un totale disprezzo per le questioni umanitarie più basilari. 

Questo conferma che qualsiasi cosa gli Stati Uniti facciano è solo in funzione dei propri interessi, ha osservato Zhu.     

Gli Stati Uniti non solo hanno radunato i loro alleati per lanciare la Guerra del Golfo (1990-1991), la Guerra in Afghanistan (2001-2021), la Guerra in Iraq (2003-2011) e così via, ma sono stati anche profondamente coinvolti nella Guerra in Libia e nella Guerra in Siria, creando disastri umanitari raramente visti nel mondo. Gli Stati Uniti guerrafondai hanno causato danni diretti, gravi e duraturi al diritto alla vita e alla sopravvivenza delle popolazioni locali, si legge nel rapporto.  

A quasi un anno dal ritiro delle truppe statunitensi, l'Afghanistan ha ora il più alto numero di persone in condizioni di insicurezza alimentare al mondo, con oltre 23 milioni di persone che necessitano di assistenza e circa il 95% della popolazione che non ha cibo a sufficienza, secondo il sito web delle Nazioni Unite.  

Particolarmente preoccupante è la vulnerabilità di oltre 4 milioni di sfollati interni, tra cui persone appartenenti a minoranze, e di oltre 3,5 milioni di persone che cercano rifugio nei Paesi vicini.

Gli Stati Uniti affermano di essere il faro dei diritti umani, ma in realtà stanno violando gravemente il diritto alla vita e alla proprietà del popolo afghano. La sua tutela dei diritti umani è esclusiva di un piccolo gruppo di persone, come dimostrano anche le gravi disuguaglianze tra le diverse nazionalità e il problema del razzismo all'interno degli Stati Uniti, ha osservato Chang. 

Gli Stati Uniti sono anche molto bravi a spostare l'attenzione dell'opinione pubblica. A quasi un anno dal ritiro delle truppe dall'Afghanistan, il Paese è riuscito a spostare l'attenzione della comunità internazionale cercando di scaricare la responsabilità sulla Cina e sulla Russia, poi alimentando le fiamme della crisi russo-ucraina che ha portato a un conflitto militare tra i due Paesi e ora provocando sulla questione di Taiwan, hanno avvertito gli osservatori.       

Quello che possiamo fare è continuare a chiedere alla società internazionale di prestare attenzione alle crisi umanitarie in Afghanistan e in Medio Oriente e continuare a sollecitare gli Stati Uniti ad assumersi le proprie responsabilità, hanno detto gli esperti.

Alla 50esima sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, tenutasi a giugno, un rappresentante della Missione cinese presso le Nazioni Unite a Ginevra ha sottolineato che gli Stati Uniti dovrebbero essere ritenuti responsabili dell'attuale situazione in Afghanistan e dovrebbero adottare misure significative per risarcire il popolo afghano per le sue sofferenze.

A febbraio, il Global Times ha lanciato una petizione online per chiedere agli Stati Uniti di restituire senza condizioni i fondi che sono salvavita per gli afghani, dopo che questi ultimi avevano reso noto un piano per scongelare il denaro dalla banca centrale afghana, ma utilizzarlo per le esigenze degli Stati Uniti, irritando la comunità internazionale. La petizione ha raccolto più di 420.000 firme.     

Un altro sondaggio online lanciato dal Global Times a luglio, in cui si chiedeva agli intervistati se il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite dovesse condurre un'indagine sul campo sulle violazioni dei diritti umani da parte degli Stati Uniti, ha raccolto più di 50.000 partecipanti al momento della stampa, con oltre l'80% che sostiene la proposta.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest? di Antonio Di Siena Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Attacco terroristico contro i Nord Stream: cui prodest?

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti