Global Times - Tik Tok e la "natura teppistica" degli Stati Uniti messa a nudo

Global Times - Tik Tok e la "natura teppistica" degli Stati Uniti messa a nudo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Global Times


C'è stato un assurdo sviluppo della farsa politica che circonda il giro di vite su TikTok negli Stati Uniti, che si è esteso al Canada e ad alcuni Paesi dell'Unione Europea.

L'amministrazione Biden ha minacciato di mettere al bando TikTok se i proprietari cinesi non cedono le loro quote nella popolare applicazione video, ha riferito mercoledì la Reuters.

Anche se TikTok ha fatto del suo meglio e ha fatto quasi tutto il possibile entro i limiti tecnici per rispondere ai cosiddetti problemi di sicurezza nazionale, rimane impotente di fronte al vandalismo economico di Washington. Il messaggio è chiaro: se Washington non vede TikTok finire in mano a uno statunitense, lo chiuderà. A giudicare dai vari divieti e leggi su TikTok a cui i politici statunitensi stanno lavorando, non è impossibile che accada il peggio.

Tuttavia, il re è nudo: le preoccupazioni per la sicurezza nazionale non possono nascondere la natura egoista e teppistica dei politici statunitensi. Gli Stati Uniti sostengono che TikTok minaccia di minare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ma non c'è alcuna prova a sostegno delle accuse contro un'applicazione di successo mondiale. Il fatto che Washington possa sopprimere e persino derubare TikTok senza alcuna giustificazione e solo perché è di proprietà di un'azienda cinese è l'ultima manifestazione del fatto che, per mantenere l'egemonia statunitense, Washington può adottare qualsiasi comportamento disonesto che sia contrario alla legge e alle regole commerciali. Questo potrebbe servire come campanello d'allarme per le aziende di tutto il mondo sui rischi politici di fare affari negli Stati Uniti. Se avranno abbastanza successo da rappresentare una vera e propria sfida per i titani dell'economia USA, un governo disonesto a Washington inizierà a trovarli in difetto.

TikTok ha cercato di trovare diverse soluzioni tecniche per risolvere i cosiddetti problemi di sicurezza nazionale. Ad esempio, si è impegnata a spendere 1,5 miliardi di dollari per un piano noto come "Project Texas", che prevede l'istituzione di un firewall più forte tra TikTok e i dipendenti della società madre di Pechino. Ha anche costruito quello che ha chiamato Transparency Center a Los Angeles per aiutare i legislatori e i giornalisti a capire come protegge i dati e come funzionano i suoi algoritmi.

Ma ciò che è accaduto all'azienda ha messo a nudo che non c'è modo di rispettare le regole per rispondere alle cosiddette preoccupazioni dei politici statunitensi. Infatti, non sono le questioni di sicurezza nazionale, ma la capacità di TikTok di sfidare la supremazia dell'industria statunitense di Internet a turbare Washington.

Con oltre 1 miliardo di utenti attivi, TikTok è l'app cinese più scaricata al mondo lo scorso anno. Negli Stati Uniti ci sono 113 milioni di utenti attivi di TikTok di età pari o superiore ai 18 anni e un sondaggio del Pew Research Center del 2022 sugli adolescenti statunitensi di età compresa tra i 13 e i 17 anni ha rilevato che il 67% dichiara di utilizzare l'app, il che equivale a circa 17,4 milioni di adolescenti.

In confronto, lo sviluppo di alcuni giganti USA di Internet è stato messo in ombra. Meta Platforms, società madre di Facebook, ha annunciato martedì che quest'anno taglierà 10.000 posti di lavoro, segnando un secondo ciclo di licenziamenti di massa dopo il primo dell'autunno 2022. Dal 2020, l'amministratore delegato di Meta, Mark Zuckerberg, ha parlato in diverse occasioni della minaccia di TikTok ai valori statunitensi e al dominio tecnologico.

Naturalmente, il giro di vite del governo statunitense sulle aziende tecnologiche cinesi non mira solo a sottrarre interessi economici alle aziende cinesi, ma anche a frenare lo sviluppo high-tech della Cina e a mantenere l'egemonia tecnologica e finanziaria degli Stati Uniti.

Tuttavia, va notato che il fatto che Washington non possa permettere a un'azienda cinese di avere il potenziale per battere i giganti USA di Internet nella competizione di mercato non significa che la Cina permetteràper motivi di egemonia di derubare le aziende cinesi della tecnologia di base. Dietro il successo di TikTok c'è l'ascesa di una nuova tecnologia algoritmica, che rappresenta il vantaggio delle aziende cinesi high-tech sui mercati internazionali.

Quando la precedente amministrazione Trump ha cercato di far passare una vendita forzata di TikTok nel 2020, il Ministero del Commercio cinese ha già provveduto ad adeguare il proprio catalogo di tecnologie soggette a divieti o restrizioni all'esportazione, che comprende alcuni algoritmi avanzati di elaborazione delle informazioni. Va da sé che la Cina si opporrà a qualsiasi rapina prepotente delle tecnologie di base delle aziende cinesi.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

Potrebbe anche interessarti

Il neoliberismo e l'idea di giustizia di Francesco Erspamer  Il neoliberismo e l'idea di giustizia

Il neoliberismo e l'idea di giustizia

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale di Paolo Desogus La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

La mediazione cinese, l'arroganza occidentale

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia? di Alberto Fazolo Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia?

Avete capito chi stiamo addestrando a Sabaudia?

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota" di Antonio Di Siena La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La giunta PD di Bologna mette al bando la parola "patriota"

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione! di Gilberto Trombetta La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

La Costituzione è morta. Viva la Costituzione!

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati di Michelangelo Severgnini "Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

"Htilal". Ong, crimine iracheno e film censurati

Il salario reale in Cina cresce (da noi crolla) di Pasquale Cicalese Il salario reale in Cina cresce (da noi crolla)

Il salario reale in Cina cresce (da noi crolla)

Giacarta può essere sconfitta? di Federico Greco Giacarta può essere sconfitta?

Giacarta può essere sconfitta?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California! di  Leo Essen Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

Scuola: 3 giorni di sciopero... ma in California!

La Cgil dal consociativismo al governismo di Paolo Pioppi La Cgil dal consociativismo al governismo

La Cgil dal consociativismo al governismo

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina di Damiano Mazzotti Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina

Nicolai Lilin: Putin e il grande conflitto in Ucraina