Guerra tra social network. Che cosa ha in mente Elon Musk?

Guerra tra social network. Che cosa ha in mente Elon Musk?

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

La censura sui più importanti social network che sta colpendo Donald Trump e i suoi supporter ha ormai scatenato una enorme guerra del web nella quale milioni di utenti stanno migrando dalle più importanti piattaforme quali Facebook e Twitter, verso altre piattaforme, più piccole, ma dove viene garantita la libertà di espressione. Mi riferisco in particolare a social come Grab e Parler che hanno attratto l'attenzione di molti in cerca di una nuova casa dove potersi esprimere liberamente. La cosa non è passata sotto traccia e infatti il Big Tech della Silicon Valley - che agisce ormai come un unico cartello oligopolistico - è intervenuta a tutela dei suoi soci Twitter e Facebook. La Apple e Google hanno infatti levato la App dei social alternativi dai loro Store, mentre Amazon ha addirittura disconnesso Parler dai suoi server nei quali era ospitato.

Una situazione che ha dell'incredibile e che potrebbe essere fonte di ulteriori sorprese. Si parla infatti di una futura acquisizione di gab.com da parte - addirittura - di Donald Trump interessato, evidentemente, non solo alla politica ma anche a monetizzare l'enorme consenso che riscuote anche nel web e nei social. Ma anche Elon Mask sembra ormai pronto a scendere in campo: innanzitutto ha consigliato di utilizzare Signal come App di messaggistica tirando dunque un bel calcio negli stinchi a Zuckerberg e alla sua WhatsApp e poi non è da escludere una sua entrata diretta nel settore dei social network magari con una rete social attraverso i suoi satelliti Starlink e dunque non hackerabile e non intercettabile.

Infine faccio notare che Telegram sta facendo affari d'oro. Pavel Durov, proprietario e ideatore della App di messaggeria, fa sapere di essere arrivato a 500 milioni di utenti attivi. Dei quali ben 25 milioni sbarcati nelle ultime 72 ore. Numeri da capogiro in un mercato che si è dimostrato non solo commercialmente ma anche politicamente fondamentale. Non tarderemo comunque a vedere la controffensiva verso Telegram che oltre ad essere rispettosa della privacy degli utenti, a non censurare i gruppi, ha anche il grave difetto di avere un proprietario russo.

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Potrebbe anche interessarti

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani di Francesco Erspamer  È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

È il "Salvini russo" il nuovo eroe dei giornali italiani

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo? di Giorgio Cremaschi Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Davvero questo mondo non ha più bisogno di comunismo?

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente di Francesco Santoianni Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Tik Tok bloccato ai minorenni. YouTube per un caso simile niente

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit di Giuseppe Masala I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

I tecnocrati di Bruxelles temono più il contagio da Brexit

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti