I crimini dei soldati australiani in Afghanistan: donne e bambini torturati, contadini assassinati

5238


Giovedì scorso, il capo dell'Australian Defence Force (FDA), Angus Campbell, ha presentato un rapporto  dell'ispettore generale della FDA, Paul Brereton, sulle uccisioni dei civili, definiti "non combattenti", perpetrate dalle forze speciali del paese in Afghanistan negli anni. tra il 2005 e il 2016.
 
In totale, l'indagine ha verificato 39 casi di esecuzioni criminali e ha identificato 25 militari legati a questi atti, descritti da Campbell come "forse l' episodio più vergognoso della storia militare australiana". Tuttavia, la versione rilasciata all'opinione pubblica lascia intendere che tale pratica avrebbe potuto essere stata utilizzata più ampiamente.
 
Il dossier Brereton cita due studi della sociologa australiana Samantha Crompvoets, basati su interviste che "molti membri del comando delle operazioni speciali e parti interessate esterne" le hanno concesso in condizione di anonimato.
 
 
"Psicopatici assoluti. E li abbiamo allevati"
 
Dopo aver esaminato i resoconti dei soldati, la sociologa ha indicato che, secondo le sue osservazioni, le truppe australiane hanno commesso in Afghanistan "un gran numero di uccisioni illegali" .
 
Una scena dell'omicidio di civili descritta dalla ricercatrice ha a che fare con le incursioni nei villaggi . Secondo i loro informatori, quando i contadini scappavano dall'elicottero al momento delle incursioni aeree, i soldati sparavano contro di loro, uccidendo non solo uomini, ma anche donne e bambini. Successivamente, gli attacchi, descritti da uno degli interlocutori di Crompvoets come "massacri sanzionati" , sono stati giustificati con scuse plausibili. Ad esempio, si diceva che nel momento in cui le vittime furono uccise "stavano correndo [...] nei loro depositi di armi".
 
Dopo l'assalto iniziale, il villaggio era stato isolato e gli uomini ed i ragazzi erano  portati in una casa. "Là venivano legati e torturati   dalle forze speciali , a volte per giorni. Quando le forze speciali se ne andavano, gli uomini ed i bambini venivano trovati morti: colpiti alla testa o bendati e con la gola tagliata" , si legge nel  rapporto della difesa australiana.
 
Parte delle atrocità contro la popolazione civile potrebbe essere spiegata dall'esistenza di una competizione sul numero di nemici uccisi e dalla manipolazione dell'elenco degli individui designati per essere catturati o liquidati dalla Coalizione Internazionale (JPEL,). Alcune vittime potrebbero essere aggiunte all'indice già dopo la morte "riprogettando" questo "elenco di omicidi sanzionati" , ha spiegato Crompvoets.
 
In altre situazioni, i militari hanno cercato di sbarazzarsi delle prove dei loro crimini. Il rapporto cita l'omicidio di due adolescenti afgani: I membri dello Special Air Service Regiment stavano guidando lungo una strada e hanno visto due ragazzi, di 14 anni, che hanno deciso di essere sostenitori dei talebani. Si sono fermati, hanno perquisito i ragazzi e si sono tagliati la gola. Il resto della truppa ha dovuto "ripulire il disordine", che ha comportato l'insaccare i corpi e scaricarli in un fiume vicino.
 
L'omicidio dei ragazzi disarmati, che, secondo l'investigatore, non è stato un incidente isolato, è servito ai loro autori per "ottenere un nome" e aumentare la loro autorità tra i loro coetanei.
 
"I ragazzi avevano questa sete di sangue. Psicopatici . Psic Opatas assolute. E noi alleviamo " , riferisce Brereton cita un informatore. Cosa intendesse veramente rimane sconosciuto: quasi tutto il paragrafo che finisce con queste parole è censurato.
 
 
"Comunemente noto"
 
Sebbene il rapporto non metta in dubbio la credibilità del rapporto Crompvoets, commissionato dagli stessi militari, è improbabile che le interviste vengano utilizzate per punire i criminali in uniforme.
 
A differenza degli stessi investigatori, l'obiettivo della sociologa non era cercare i responsabili, ma valutare l'entità e determinare le forme dei crimini di guerra compiuti dalle truppe australiane nel Paese asiatico. Il rapporto afferma: "La dottoressa Crompvoets [...] non identifica alcun autore o unità coinvolta. Piuttosto, ha descritto le informazioni che ha ricevuto come" un gran numero di scenari vaghi e senza nome "in conversazioni che ha definito " fuori dalle registrazioni'".
 
Inoltre, quasi tutti gli informatori hanno negato di aver partecipato alle atrocità da loro descritte, definendoli "qualcosa di comunemente noto" tra i soldati. Un solo interlocutore ha confessato di essere stato testimone di un crimine.
 
 
Questione di responsabilità
 
Per quanto riguarda i reati specifici rivelati dalle indagini, i loro autori dovranno affrontare le relative accuse. Inoltre, il secondo squadrone dello Special Air Service Regiment verrà sciolto, ha annunciato il capo della Australian Defence Force, Angus Campbell.
 
Il rapporto, tuttavia, esonera il quartier generale dell'esercito dalla responsabilità degli omicidi. Brereton non ha trovato "prove" che il personale militare di alto rango fosse a conoscenza delle uccisioni illegali, poiché i soldati hanno nascosto le esecuzioni per evitare un controllo.
 
Nel frattempo, un veterano dell'unità, Michael von Berg, ha dichiarato al Guardian che la responsabilità per i crimini dovrebbe essere estesa alla leadership militare e politica del paese.
 
"Non c'è modo, se sei un buon ufficiale, di non sapere cosa sta succedendo con la tua truppa , squadra o reggimento", ha detto l'ex militare, che ha combattuto in Vietnam.
 
"La mia opinione personale è che bisognerebbe arrivare ai vertici, al primo ministro e al gabinetto", ha sottolineato, accusando gli alti ufficiali di aver affidato alle truppe d'élite "compiti di fanteria di base", per i quali non erano preparati.
 
 

di Francesco Erspamer 

Diego ci disse 'hijos de puta'. Aveva ragione

di Paolo Desogus

Il tabù MES per i "progressisti rispettabili"

di Giorgio Cremaschi

Le 6 fake news di Bruno Vespa su Mussolini e il fascismo

di Thomas Fazi

Trent'anni di cazzate liberiste. Capitolo Fazio-Giannini

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti