IL PARLAMENTO EUROPEO APPROVA LA SORVEGLIANZA DI MASSA SU CHAT E MAIL

IL PARLAMENTO EUROPEO APPROVA LA SORVEGLIANZA DI MASSA SU CHAT E MAIL

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ne hanno parlato poche testate finora;  lontano dunque dai riflettori mediatici  il Parlamento Europeo lo scorso sei luglio, con la motivazione di contrastare gli abusi contro i minori online, ha approvato una deroga per tre anni alle norme sulla privacy permettendo il controllo totale dei video o delle immagini scambiate, dei messaggi o dei servizi e-mail.

Ad una intelligenza artificiale sarà delegato il compito di fare da spione massivo e di segnalare i casi sospetti. In attesa che superi la prova dei ricorsi giudiziari che sicuramente fioccheranno, il Grande Fratello diviene realtà.

Il regolamento  denominato formalmente come  “Utilizzo di tecnologie per il trattamento dei dati ai fini della lotta online abusi sessuali su minori (deroga temporanea alla direttiva 2002/58/CE)” ha ricevuto 537 voti  a favore; invece 133 i  voti contrari e 24 gli astenuti.  A votare contro tra gli altri,  la sinistra, i verdi oltre ai comunisti greci del KKE; pochissimi i voti contrari tra i socialdemocratici.

La disposizione è stato aspramente criticata da alcuni eurodeputati e dagli esperti del settore e da diverse associazione per i diritti digitali ,a partire da European Digital Rights, in quanto si teme che possa implicare una pericolosa vulnerabilità per i diritti dei cittadini europei, in virtù del “controllo” delle comunicazioni riservate e private.

 

Per chi volesse consultare il testo integrale a seguire il link:

https://oeil.secure.europarl.europa.eu/oeil/popups/printficheglobal.pdf?id=717668&l=en

Qui invece il link  da cui è possibile consultare in dettaglio l'esito delle votazioni :

https://mepwatch.eu/9/vote.html?v=134463

 

 

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

"Gli affari di Letta" e la morte della politica di Paolo Desogus "Gli affari di Letta" e la morte della politica

"Gli affari di Letta" e la morte della politica

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

Alcune note scomode sul ddl Zan Alcune note scomode sul ddl Zan

Alcune note scomode sul ddl Zan

Ursula e i sette figli di Antonio Di Siena Ursula e i sette figli

Ursula e i sette figli

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo di Gilberto Trombetta Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Covid-19(84) : il conflitto orizzontale definitivo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti