Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria)

Il Piano quinquennale cinese vs Bonomi (Confindustria)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Io non voglio ripetermi, ma le cose vanno dette e ribadite. Stamane ho letto alle 7 l'intervista a Bonomi di Confindustria.

Il nulla del nulla, nessun piano, nessun investimento, nessuna programmazione. Unico liet motiv la liquidità della forza lavoro, da rendere quasi schiava.

Oltre non vanno. Oggi pomeriggio su China Daily ho letto un articolo di Liu Qiao, della Peking University, a proposito del Piano Quinquennale cinese dei prossimi 5 anni.

L'architrave della politica economica è la produttività totale dei fattori produttivi, intesa, secondo l'autore, come apporto di risorse naturali, capitale, risorse umane input di lavoro, tecnologia (vaglielo a spiegare a Confindustria questo). I cinesi vogliono raggiungere entro il 2035 il 65% della produttività totale dei fattori produttivi degli Usa, con un aumento medio annuo dell'1,95%. I cinesi si sono accorti che la produttiività è calante nei settori labour intensive (per intenderci, tessile) e puntano perciò su nuove infrastrutture e sul digitale. Inoltre vogliono aumentare il prodotto interno lordo pro capite per diminuire l'apporto dell'export sul Pil. Tale rapporto era al 35% nel 2017, è passato al 18% nel 2019 e lo vogliono ancora diminuire.

Per fare questo l'apporto dei consumi passerà dal 39% del 2019 sul pil al 60% entro il 2035. Potete rendervi conto di cosa significhi questo.

Inoltre la produttitvità totale dei fattori produttivi, lato input lavoro, aumenterà con la diminuzione della forza lavoro rurale, attualmente al 27%, per farla arrivare al 6% del totale entro il 2035. Per far questo, si riformerà l'hukoi (il diritto di cittadinanza nelle città), e alla popolazione lavoratrice che andrà nelle città saranno garantire assistenza, sanità, alloggi, istruzione e formazione. Lo sbocco lavorativo sarà nei servizi, i cui consumi esploderanno a danno dei consumi di beni. Inoltre fortissime spese in ricerca e sviluppo. Fate una comparazione con i nostri campioni.

E vedete se per loro la produttiivtà totale dei fattori produttiivi è centrale.

Manco sanno cosa sia...

Pasquale Cicalese

Pasquale Cicalese

 

Economista. Nato a Crotone, laureato in Scienze Politiche. Sposato con Stefania, ha due figli, David e Dario. È impiegato alla Regione Calabria. Autore di "Piano contro mercato. Per un salario sociale di classe" (L.A.D., 2020)
 

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso? di Francesco Erspamer  Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Perché Andrea Agnelli non si è ancora dimesso?

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando di Paolo Desogus Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

Roberto Speranza: l'inettitudine al comando

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

La verità sul piatto La verità sul piatto

La verità sul piatto

No, il Calcio non siete voi! di Antonio Di Siena No, il Calcio non siete voi!

No, il Calcio non siete voi!

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti