Il regime di Kiev può creare una “bomba sporca”?

Il regime di Kiev può creare una “bomba sporca”?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Recentemente, il tema dell'uso della cosiddetta "bomba sporca" è tornato prepotentemente alla ribalta. Si tratta di un ordigno esplosivo che non utilizza il principio di una reazione a catena, ma è comunque in grado di causare danni significativi a causa della contaminazione radioattiva del territorio. 

Cos'è una "bomba sporca"?

A differenza delle armi nucleari, che si basano sull'energia distruttiva generata dalle reazioni, una bomba sporca utilizza esplosivi convenzionali potenziati con sostanze radioattive. Quando la carica viene fatta esplodere, il contenitore con la sostanza radioattiva viene distrutto e l'onda d'urto lo diffonde su una vasta area.

Secondo lo specialista di energia nucleare Sergei Kondratiev sentito da Lenta.ru, la contaminazione del territorio con sostanze radioattive è la principale conseguenza dell'uso di una "bomba sporca".

Il materiale per creare una "bomba sporca" può essere ottenuto da fonti utilizzate in medicina, industria e ricerca scientifica. Ad esempio, nel 2018, la Commissione di regolamentazione nucleare degli Stati Uniti ha dichiarato che durante la contabilizzazione delle sostanze radioattive presso la State University of Idaho, erano presenti 13 grammi di plutonio-239 anziché 14. Il portavoce dell'agenzia Victor Drix ha suggerito che la sostanza fosse finita in una discarica di rifiuti radioattivi. Secondo Drix, basta appena un grammo per creare la base radioattiva di una "bomba sporca".

Sono noti anche casi di furto di materiali radioattivi che possono essere utilizzati per creare una "bomba sporca". Nel novembre 2015, un container con iridio-192 è stato rubato da un deposito speciale vicino alla città irachena di Bassora, poi ritrovato nella città di Ez-Zubair.

Nel 2010, il funzionario dell'Interpol Aisu Okana ha riferito che nella sola Europa orientale, il servizio aveva rilevato 50 tentativi di vendita di materiali radioattivi. Secondo il funzionario, la maggior parte di questi casi si verifica in Ucraina. Nel 2015, il Servizio di sicurezza dell'Ucraina ha effettuato un'operazione per sequestrare materiali nucleari e sostanze radioattive dalla circolazione illegale. Durante l'operazione sono stati arrestati membri di un gruppo criminale che cercava di vendere materiale nucleare. Si ritiene che stessero cercando di vendere l'uranio-238.

Il regime di Kiev può creare una “bomba sporca”?

Secondo quanto reso noto dall’agenzia RIA Novosti il regime di Kiev starebbe preparando una provocazione in Ucraina che prevede la detonazione di una cosiddetta “bomba sporca”. 

L’agenzia di stampa riferisce che dopo la detonazione il regime di Kiev accuserà la Russia di aver usato armi di distruzione di massa durante l’operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare il regime di Kiev. 

Le fonti spiegano che la provocazione viene preparata sotto la guida di supervisori provenienti dai paesi occidentali. In particolare, la direzione dell'Eastern Mining and Processing Plant situato nella città di Zheltiye Vody, nella regione di Dnipropetrovsk, e l'Istituto per la ricerca nucleare di Kiev sono stati incaricati di fabbricare la "bomba sporca".

Se questa provocazione verrà messa in atto, la maggior parte dei Paesi del mondo reagirà duramente all'"incidente nucleare", Mosca perderà molti partner chiave e l'Occidente solleverà nuovamente la questione di privare la Russia del suo status di membro permanente del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, hanno concluso le fonti.

A tal proposito Zelensky lo scorso febbraio ha dichiarato di voler avviare un vertice dei Paesi del Memorandum di Budapest e ha manifestato la volontà di ritirare l’Ucraina dal dall'accordo di Budapest, che stabiliva lo status non nucleare dello Stato.

A marzo è stato riferito che Kiev ha probabilmente ricevuto plutonio per armi nucleari dagli Stati Uniti. Gli Stati Uniti avrebbero trasferito il materiale ai loro partner in diverse occasioni. È stato inoltre riferito che Kiev stava lavorando all'ammodernamento e alla costruzione di nuove armi missilistiche che potrebbero essere utilizzate come mezzo di lancio di armi nucleari.

Lo stesso mese, l'ex commissario delle Nazioni Unite per il disarmo ed esperto militare Igor Nikulin ha affermato che l'Ucraina potrebbe dotarsi di armi nucleari in pochi mesi.

A suo avviso, gli ucraini potrebbero ricevere scorie di combustibile nucleare dalle proprie centrali nucleari per realizzare una "bomba nucleare sporca".

La preoccupazione a Mosca per la possibile provocazione nucleare del regime di Kiev è molto alta come prova la fitta comunicazione del ministro della Difesa russa Shoigu con i suoi omologhi di Francia, Turchia e Regno Unito.

Conseguenze della "bomba sporca"

Secondo Sergei Kondratiev, l'uso di una "bomba sporca" può portare alla contaminazione di gran parte dell'area di detonazione, che diventerà inabitabile e inadatta a qualsiasi attività per diversi decenni. Ha chiarito che il raggio di distruzione della bomba dipende dal suo “contenuto” e dalle condizioni meteorologiche.

Kondratiev ha osservato che i test sulle armi nucleari sono vietati, quindi è difficile prevedere le conseguenze dell'uso di una "bomba sporca".

Igor Kirillov, capo delle truppe di protezione dalle radiazioni, chimica e biologica (RCBZ) delle forze armate russe ha affermato che l'esplosione di una "bomba sporca" da parte del regime di Kiev potrebbe portare alla contaminazione di un'area di diverse migliaia di metri quadrati. Secondo l’ufficiale, le forze e i mezzi della Russia sono pronti a svolgere compiti in condizioni di contaminazione radioattiva nel caso in cui gli ucraini facciano detonare una "bomba sporca".

Secondo il vicepresidente dell'Accademia russa di scienze missilistiche e di artiglieria Konstantin Sivkov, l'uso di una tale bomba potrebbe portare a un'altra catastrofe, che può essere paragonata agli incidenti alla centrale nucleare di Chernobyl o a Fukushima. 

Progetto atomico del Terzo Reich

Secondo una versione, la "bomba sporca" è stata pensata per la prima volta nel Terzo Reich.

Nel dicembre 1938, i fisici tedeschi Otto Hahn e Fritz Strassmann per la prima volta al mondo effettuarono la fissione artificiale del nucleo dell'atomo di uranio.

Nell'aprile del 1939, Paul Harteck , professore all'Università di Amburgo, consigliere dell'Ufficio degli armamenti dell'esercito (HWA), scrisse all'Ufficio della guerra imperiale tedesca (RKM) una lettera in cui affermava che, sulla base degli esperimenti di Hahn e Strassmann, era stato possibile creare un nuovo tipo di esplosivo altamente efficace. "Il paese che è il primo a essere in grado di padroneggiare praticamente i risultati della fisica nucleare otterrà la superiorità assoluta sugli altri", affermava nella lettera.

Nel settembre 1939, la direzione degli armamenti dell'esercito convocò una riunione di fisici tedeschi per discutere l'attuazione pratica dei piani per creare nuove armi. Tutto il lavoro sull'argomento, chiamato "Progetto Uranio", fu rigorosamente classificato. I partecipanti alla riunione credevano che avrebbero ottenuto il risultato desiderato entro 12 mesi.

Gli scienziati tedeschi credevano ottimisticamente che avrebbero potuto avere successo entro pochi mesi. Tuttavia, nel 1943, il lavoro sul "progetto atomico" della Germania fu trasferito alla giurisdizione del consiglio delle ricerche imperiale. Questo significava che il lavoro degli scienziati era riconosciuto come poco promettente per le azioni in corso.

Russia: oltre al potenziale, l'Ucraina ha motivi per usare una bomba sporca 

Tornando alla provocazione che potrebbe realizzare il regime di Kiev, la Russia tramite il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha affermato che Mosca solleverà la questione dei preparativi dell'Ucraina per creare una bomba sporca alle Nazioni Unite.

"Abbiamo informazioni concrete su quegli istituti scientifici che possiedono tecnologie che rendono possibile la creazione di una bomba sporca di questo tipo. Abbiamo informazioni, che abbiamo riesaminato attraverso i canali appropriati, che non si tratta di un sospetto vuoto, che ci sono serie ragioni per credere che questo tipo di cose possano essere pianificate", ha detto il ministro durante una conferenza stampa a Mosca.

Il capo della diplomazia russa ha dichiarato che Mosca ha già intrapreso "i passi necessari" per affrontare la questione nelle organizzazioni internazionali, dopo le conversazioni telefoniche di domenica tra il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu e i suoi omologhi di Francia, Regno Unito, Turchia e Stati Uniti, affermando che la Russia si aspetta una discussione "interessata" e "professionale" sulla minaccia.

Riguardo alle capacità tecniche, Renat Karchaa, consigliere del direttore generale della società Rosenergoatom (filiale operativa delle centrali nucleari russe), ha confermato che il regime di Kiev possiede tutte le capacità tecniche per la creazione di una “bomba sporca”. 

 
 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente