Il ruolo delle donne nella vittoria sul nazi-fascismo

Il ruolo delle donne nella vittoria sul nazi-fascismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Raúl Antonio Capote - Granma

Il 9 maggio il mondo commemora la vittoria dell'Unione Sovietica e degli Alleati sulla Germania nazista nella seconda guerra mondiale. Indimenticabili pagine di eroismo furono scritte in quegli anni (1939-1945).

Sebbene molto sia stato documentato su questo evento epocale, in tutta onestà è stato detto molto poco sul ruolo che le donne hanno avuto in quella vittoria. Non erano una semplice decorazione della resistenza, hanno combattuto con coraggio, con valore e dedizione senza limiti.

Su richiesta del Partito Comunista, guidato da Josip Broz Tito, il 15 aprile 1941, il popolo jugoslavo organizzò la lotta contro l'invasore. In Jugoslavia, più di 100.000 donne facevano parte dell'Esercito di Liberazione Nazionale.

Le donne britanniche hanno svolto missioni di combattimento in unità antiaeree, altre si sono unite allo Special Operations Executive (soe), che le ha impiegate in ruoli ad alto rischio come agenti segreti e operatori di radio sotterranee nell'Europa occupata dai nazisti.

Le donne spagnole, che avevano combattuto contro Franco durante la guerra civile ed erano rifugiate in Francia, hanno dato un contributo importante alla resistenza nel paese.

Polacche, Cecoslovacche, Francesi, Italiane e Greche combatterono al fianco degli uomini e molte volte svolgevano compiti estremamente pericolosi in clandestinità.

Si stima che più di 300.000 persone abbiano partecipato alla lotta di resistenza armata in Italia, di cui più di 35.000 donne. Nella Milano liberata donne armate pattugliavano le strade.

In Polonia c'erano 28 unità partigiane. Wanda Gertz ha creato e comandato Dysk, l'Unità di sabotaggio delle donne, un battaglione che ha combattuto durante la rivolta di Varsavia. Per il suo coraggio, ha ricevuto i più alti riconoscimenti nel suo paese.

Lo scrittore André Malraux ha detto delle donne: "Chi ha voluto confinare le donne al semplice ruolo di ausiliarie della resistenza, si sbaglia di grosso”.

Donna sovietica

Nell'Unione Sovietica, quasi un milione di donne dominavano tutte le specialità nelle file dell'Armata Rossa durante la guerra, senza contare partigiane e miliziane. Novanta hanno ricevuto il titolo di Eroine dell'Unione Sovietica, per il loro contributo alla vittoria.

Il 21 maggio 1943 fu creata la Scuola centrale di addestramento per cecchini femminili. Nel 1945 questa istituzione ne aveva formate oltre 2.000.

Liudmila Pavlichenko, considerato il miglior cecchino di tutti i tempi, ha ucciso più di 300 nemici. Tosia Tinguinova, Natasha Kovshova, Lídiya Bakieva, Nina Alexetevna Lobkovskaya e molte altre hanno sopportato prove senza precedenti e hanno conquistato l'ammirazione del popolo per il loro eroismo.

Delle 2.000 donne formate in questa scuola, solo 500 sopravvissero alla guerra.

Una menzione speciale merita il famoso reggimento di bombardamenti notturni 588. I fascisti le chiamavano "streghe della notte", i loro compatrioti le chiamavano "sorelline".

Gli squadroni del reggimento femminile incutevano terrore ai tedeschi. Volavano su piccoli biplani p-2, aerei lenti e obsoleti chiamati kukuruznik, pannocchie. L'abitacolo aperto non le proteggeva dai proiettili o dal forte vento. Non c'erano comunicazioni radio, la velocità dell'aereo era di soli 120 chilometri orari volando ad un'altezza di tre km. L’unica arma erano le pistole tt.

Non avevano alloggiamento per le bombe. A volte portavano gli ordigni esplosivi sulle ginocchia e li lasciavano cadere loro stesse. Volavano di notte, effettuando fino a dieci voli nello stesso giorno. Spegnevano il motore e le bombe cadevano sul nemico in silenzio. Inoltre, volavano alle spalle delle linee nemiche per trasportare materiale per i guerriglieri.

I tedeschi arrivarono persino ad assegnare una croce di ferro a chiunque abbatteva un aereo di questa unità.

Anche il 586° reggimento aeronautico di stanza a Stalingrado, composto da donne, ha avuto un ruolo eccezionale durante la guerra. In questa unità c'era la famosa pilota Lydia Litvak, che si guadagnò il soprannome di rosa bianca di Stalingrado. Con 12 vittorie aeree era considerata un asso dell'aviazione sovietica. Lidia morì in combattimento il 1 agosto del 1943, a solo 21 anni.

A Leningrado, le unità di artiglieria erano composte quasi esclusivamente da donne.

Maria Oktiábrskaia, la prima donna al mondo a far parte di un equipaggio di carri armati, fu ferita a morte nel nord della Bielorussia nel 1944, quando aveva 38 anni.

Zoya Kosmodemiánskaia, un'eroina dell'Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale, ha svolto un lavoro di sabotaggio nella retroguardia tedesca. È stata catturata, torturata e impiccata il 21 novembre. Zoya divenne un simbolo di resistenza ai nazisti.

Alexandra Samusenko era il comandante dei veicoli corazzati T-34, morì all'età di 22 anni per le ferite di guerra il 3 marzo 1945.

L'estone-sovietica Helene Kullman era un agente dell'intelligence che operava nel territorio dell'Estonia occupata dai nazisti. Fu catturata e giustiziata il 6 marzo 1943, all'età di 23 anni.

Le fabbriche di armi sovietiche, trasportate "vite dopo vite" a est, si affidavano al lavoro disinteressato di sorelle, mogli, figlie, madri, che avevano anche sulle spalle la missione di nutrire la gente e produrre per vincere.

Lavoravano fino a crollare stremate, spinte dalla fede nella vittoria. Senza di loro, senza la loro dedizione, sarebbe stato impossibile sconfiggere il nemico.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

3 considerazioni sui dati Istat della povertà in Italia di Francesco Erspamer  3 considerazioni sui dati Istat della povertà in Italia

3 considerazioni sui dati Istat della povertà in Italia

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Astrazeneca, valzer di articoli che scompaiono per magia di Francesco Santoianni Astrazeneca, valzer di articoli che scompaiono per magia

Astrazeneca, valzer di articoli che scompaiono per magia

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5? di Antonio Di Siena Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Mix di vaccini. Avete letto il bugiardino Pfizer al punto 4.5?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti